`L'Europa spinge gli Stati Uniti per una soluzione sui limiti dei pesticidi all'olio d'oliva - Olive Oil Times

L'Europa spingerà gli Stati Uniti per una soluzione ai limiti dei pesticidi dell'olio d'oliva

Può. 28, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

La necessità di livelli massimi di residui di antiparassitari per le importazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti sarà sollevata durante i colloqui transatlantici sull'accordo di libero scambio di settembre, secondo il parlamentare italiano Sergio Silvestris.

Silvestris lo aveva richiesto a marzo, quando aveva detto al Parlamento che i contenitori 98 di olio extra vergine di oliva italiano erano all'epoca detenuti nei porti di New York e Seattle a causa delle preoccupazioni sulle tracce del pesticida clorpirifos-etile.

Lo ha detto il portavoce di Silvestris Olive Oil Times questa settimana che 60 dei container è stato successivamente autorizzato a entrare negli Stati Uniti, ma il resto ha dovuto essere rispedito in altri paesi.

I commissari UE si impegnano a sostenere

Ha detto che Silvestris ha incontrato questa settimana il commissario europeo per la Salute e i consumatori Tonio Borg, che aveva promesso di cercare di trovare una soluzione nel contesto dei colloqui bilaterali di settembre.

Karel de Gucht, commissario europeo al commercio, ha anche promesso il suo sostegno "qualsiasi presentazione per l'approvazione della sostanza nell'olio d'oliva o qualsiasi petizione per stabilire una tolleranza all'importazione per le autorità statunitensi. "

In risposta a un'interrogazione scritta in Parlamento di Silvestris, de Gucht ha affermato che sebbene il pesticida clorpirifos-etile fosse ampiamente utilizzato negli Stati Uniti e fosse stato stabilito un limite massimo di residui (MRL) per altri prodotti, nessuno era stato fissato lì per l'olio d'oliva .

"Di conseguenza, qualsiasi traccia della sostanza nell'olio d'oliva importata negli Stati Uniti porta al rifiuto della spedizione ", ha affermato.

Secondo Silvestris, da diversi anni gli esportatori italiani di olio extra vergine di oliva hanno avuto "notevole difficoltà "all'importazione negli Stati Uniti a causa dei residui - sebbene minimi - di clorpirifos-etile, "un pesticida il cui uso è autorizzato in Italia e in Europa nella coltivazione dell'olivo. "

Anche le esportazioni di vino sono interessate

I problemi con le esportazioni di vino europeo negli Stati Uniti sono stati oggetto di una domanda simile al Parlamento il mese scorso che ha anche segnalato un aumento dei problemi con i controlli dei pesticidi sulle importazioni negli Stati Uniti

"Un primo esempio è il penconazolo, che è approvato per l'uso sull'uva nell'UE ma è un pesticida non registrato negli Stati Uniti ”, ha scritto un gruppo di parlamentari guidato dall'italiano Herbert Dorfmann.

"I prodotti con tracce di queste sostanze sono respinti dalle dogane statunitensi a causa del principio di tolleranza zero esistente, anche se non vi è alcun rischio per la salute per il consumatore ", hanno affermato.

Hanno chiesto la ricerca di una soluzione efficace nei prossimi negoziati, come parte del capitolo sugli standard sanitari e fitosanitari del possibile accordo di libero scambio.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti