Antico frantoio trasformato in "cucina solidale" a Lesbo

Situato sopra l'enorme campo profughi di Moria, sull'isola greca orientale, i volontari hanno trasformato un vecchio frantoio in un'improvvisata cucina comunitaria e stanno contribuendo a fornire 1,000 pasti ogni giorno.

Foto per gentile concessione di Sant'Egidio.
Settembre 8, 2020
Di Ylenia Granitto
Foto per gentile concessione di Sant'Egidio.

Notizie recenti

Affacciato sul mare dall'isola greca di Lesbo, un antico frantoio ha ospitato una cucina comune per i rifugiati nel mese di agosto.

Lo 'cucina solidale 'è stata istituita da Sant'Egidio, un'associazione di servizi sociali cattolici, per offrire cibo e soccorso alla popolazione che vive nel campo profughi di Moria, il più grande d'Europa.

Guarda anche: La cooperativa in Calabria offre molto più del buon olio d'oliva

"È il secondo anno che organizziamo il 'vacanze solidali 'a Lesbo ”, racconta Simona Lanzellotto, volontaria a Sant'Egidio e avvocato per i diritti umani Olive Oil Times. "Il programma di solito include una serie di attività con le persone che rimangono nel campo ".

Il centro di accoglienza di Moria è stato costruito per ospitare 3,100 persone, ma attualmente ne ospita più di 15,000 migranti e richiedenti asilo - più di 20,000 sono stati ospitati nel campo lo scorso inverno, per lo più dall'Afghanistan, ma anche da Iraq, Siria, Somalia, Burkina Faso e altri paesi dell'Africa subsahariana.

"Siamo andati a portare cibo, ma anche amicizia e solidarietà ”, ha detto Lanzellotto. "Tuttavia, questa volta è stata molto particolare, a causa del Covid-19 restrizioni di sicurezza. "

pubblicità

I rifugiati continuano a essere bloccati e, sebbene in precedenza fossero autorizzati a lasciare il campo per trovare cibo, ora sono limitati ai suoi confini.

"Arrivati ​​sull'isola, abbiamo scoperto questa struttura, che è molto affascinante con le antiche macine e gli ampi spazi di fronte al mare ”, ha detto Lanzellotto. "Era il luogo ideale per organizzare i pasti nel rispetto delle distanze sociali e di tutte le altre misure di sicurezza ".

Il proprietario ha affittato il mulino ai volontari per una piccola quota ei volontari hanno igienizzato e riorganizzato lo spazio.

Una delle stanze dell'edificio è stata trasformata in dispensa, mentre il vecchio magazzino è stato convertito in un'aula per lezioni di inglese sia per i bambini, che normalmente non possono andare a scuola nel campo, sia per gli adulti.

"I pasti sono stati preparati nel laboratorio di un'altra associazione che opera nel campo, il Progetto Hope ”, ha detto Lanzellotto. "Poi il cibo veniva consegnato al frantoio e servito nella sala principale, dove in passato si frantumavano le olive e che oggi è diventata un luogo di solidarietà ”.

I volontari di Sant'Egidio servono fino a 1,000 pasti al giorno nel mulino e nel resto del campo.





Related News