L'Autorità Antitrust italiana cancella Colavita di Wrongdoing

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha cancellato Colavita Spa da una precedente accusa di pratiche commerciali sleali a seguito di un rapporto di maggio 2015 della rivista di consumo Il Test Salvagente.

Settembre 20, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha scagionato Colavita Spa da una precedente accusa di pratiche commerciali scorrette a seguito di un rapporto del maggio 2015 della rivista di consumatori Il Test Salvagente.

Giovanni Colavita, rappresentante legale della società, ha annunciato che Santa Sabina è risultata conforme agli attuali standard di qualità per l'olio extra vergine di oliva.

"Dopo 15 mesi, infine, l'Autorità Antitrust italiana ha chiarito la Decisione n. 26161, pubblicato il 22 agosto 2016 nella sua bollettino ufficiale, che ha confermato che, sulla base dell'analisi effettuata su Santa Sabina, è risultato che questo prodotto 'corrisponde alla categoria di olio extra vergine di oliva dichiarata sull'etichetta ". Di conseguenza, l'Autorità ha stabilito che non esisteva 'pratiche commerciali sleali "."

La decisione dell'Antitrust è l'ultima di una serie di atti dopo il rapporto di Il Test che a maggio 2015 ha commissionato un'analisi di 20 oli d'oliva etichettati 'extra vergine 'distribuito e venduto dai supermercati più popolari in Italia. Alcuni sono stati trovati essere semplicemente vergini dalla rivista a causa della presenza di difetti organolettici rilevati dai panel test.

Il procuratore di Torino di conseguenza ha avviato un'indagine per verificare le accuse.

Nel frattempo, le associazioni dei consumatori italiane si sono lamentate con l'Autorità Antitrust italiana chiedendo misure nei confronti delle aziende sulla base del fatto che hanno dato "comunicazioni commerciali non veritiere ”che presentano i loro prodotti come extra vergini pur appartenendo alla categoria dell'olio di oliva vergine inferiore.

A maggio, il laboratorio dell'Ispettorato centrale per la protezione della qualità e la prevenzione delle frodi dei prodotti alimentari (ICQRF) del Ministero dell'Agricoltura (Mipaaf) a Perugia, ha prodotto il suo rapporto sul lotto 15203 di Santa Sabina, concludendo che il campione analizzato "è stato riscontrato che era conforme al tipo dichiarato ", sottolineando che per vari motivi l'analisi precedente non era sufficiente per basare una valutazione delle pratiche commerciali sleali.

Come recita la decisione antitrust, "le analisi condotte da Mipaaf-ICQRF sono della massima affidabilità, poiché sia ​​le operazioni di campionamento che le successive analisi sono state effettuate da enti pubblici responsabili di questo tipo di controllo, che hanno certificato ogni fase procedurale, dal campionamento alla certificazione. Sulla base dei risultati dell'analisi, è stato certificato che Santa Sabina corrisponde alla categoria 'olio extra vergine di oliva "dichiarato sull'etichetta".

"Eravamo fiduciosi in questa decisione che testimonia l'impegno della nostra famiglia per la qualità ", ha detto Colavita Olive Oil Times.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti