`L'olio d'oliva deodorato torna sotto i riflettori - Olive Oil Times

Olio di oliva deodorato di nuovo sotto i riflettori

Febbraio 28, 2011
Lucy Vivante

Notizie recenti

L'olio d'oliva deodorato è tornato sotto i riflettori la scorsa settimana. Ci sono alcune ragioni per questo. La cosa più sensazionale è che i pubblici ministeri di Firenze stanno esaminando la possibile falsificazione dei documenti di trasporto dell'olio d'oliva da parte di grandi imballatori di olio d'oliva, compresi Grupo SOS. Si vedrà se la colpa si sposta ad altri broker e fornitori. La documentazione avrebbe trasformato l'olio di bassa qualità in extra vergine. I pubblici ministeri hanno sequestrato documenti e campioni di olio dalle strutture di imballaggio di Firenze, Reggio Emilia, Genova e Pavia.

Grupo SOS è un conglomerato spagnolo e la più grande compagnia di olio d'oliva del mondo. Ora possiede i marchi storicamente italiani Bertolli, Carapelli e Sasso. L'azienda in difficoltà segnala oggi una perdita di 50 milioni di euro per il 2010.

Il 24 febbraio il Corpo Forestale di Roma, un'agenzia governativa, ha annunciato l'inchiesta di Firenze sul Grupo SOSth, affermando che le indagini sono iniziate a settembre 2010. Sono in corso test di laboratorio e i risultati dovrebbero essere noti prima che i pubblici ministeri di Firenze riprendano il problema il 15 marzoth. La richiesta includerà il test recentemente adottato per esteri alchilici. L'indagine riguarda circa 450,000 chili di olio d'oliva per un valore di circa 4 milioni di euro.

L'Unione Europea a gennaio ha approvato una legge che stabilisce un limite per gli esteri alchilici nell'olio d'oliva. Livelli elevati indicano un olio d'oliva di bassa qualità, spesso deodorato. Alcuni critici della legge affermano che consente un livello troppo alto di esteri alchilici. Il limite è di 75 milligrammi di esteri alchilici per chilogrammo. La Repubblica, uno dei quotidiani più grandi d'Italia, correva una storia che dice che la nuova legge non serve i consumatori poiché i livelli accettabili sono troppo alti. Altri hanno concordato che sono alti, ma sottolineano che possono essere abbassati.

I piccoli produttori di olio d'oliva e le associazioni di consumatori mettono in guardia i consumatori sugli oli d'oliva a basso costo. I supermercati vendono olio extravergine di oliva a partire da 2 € al litro.

Coldiretti, un gruppo di interesse agricolo con circa un milione e mezzo di membri, sta collegando i punti tra le 450 tonnellate di olio sospetto e l'olio d'oliva a basso prezzo nei supermercati. Si consiglia ai consumatori che se l'olio costa meno di 5 o 6 euro al litro, c'è la probabilità che non sia olio extravergine di oliva, ma olio deodorato.

Le storie sull'olio deodorato hanno toccato un nervo scoperto con il governo e hanno suscitato un commento del ministro dell'Agricoltura. Giancarlo Galan, detto dell'olio d'oliva italiano, "Sono in grado di assicurare ai nostri consumatori la fiducia nel nostro sistema di tracciabilità e nelle nuove leggi sull'etichettatura, già in vigore per l'olio extra vergine di oliva in tutta Europa. Se acquistano olio italiano possono stare tranquilli sul livello di qualità che non ha eguali al mondo. "

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti