`Il gruppo di agricoltori dell'UE critica il piano per aumentare le importazioni di olio d'oliva tunisino - Olive Oil Times

Il gruppo di agricoltori dell'UE critica il piano per aumentare le importazioni di olio d'oliva tunisino

Ottobre 19, 2015
Gaynor Selby

Notizie recenti

L'agricoltore e organizzazione cooperativa europea Copa Cogeca ha criticato i piani della Commissione europea per aumentare significativamente le quote di importazione esenti da dazio per l'olio d'oliva tunisino.

Il mese scorso la Commissione europea piani annunciati per aiutare l'economia tunisina a riprendersi dopo gli attacchi terroristici di giugno, quando i turisti sono stati uccisi su una spiaggia a Sousse da un sostenitore dell'ISIS.

L'industria del turismo del paese ha sofferto perché il numero dei visitatori è diminuito, con un impatto sull'economia nel suo complesso.

Questa proposta minaccerebbe la crescita e l'occupazione in queste regioni dove spesso non esiste altra fonte di occupazione.- Segretario generale della Copa Cogeca, Pekka Pesonen

"La Tunisia può contare sul sostegno dell'UE in un momento così difficile ”, ha affermato Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'UE al momento dell'annuncio.

Da allora, alcune organizzazioni di olio d'oliva in paesi come la Spagna e l'Italia si sono espresse contro i piani, sostenendo che danno al settore tunisino un vantaggio ingiusto.

E adesso Copa Cogeca è intervenuto per esprimere le sue preoccupazioni sulle proposte e sull'impatto che avrebbero sul settore europeo dell'olio d'oliva, in particolare negli Stati membri meridionali come l'Italia, la Spagna, la Grecia e il Portogallo.

In una lettera alla Commissione europea, il gruppo ha avvertito che la proposta tunisina avrebbe colpito duramente il settore dell'olio d'oliva europeo e avrebbe avuto un grave impatto sul mercato, minacciando la crescita e l'occupazione.

In base all'accordo della Commissione, in vigore fino alla fine del 2017, alla Tunisia verrà offerto un contingente tariffario annuale unilaterale esente da dazi di 35,000 tonnellate per le sue esportazioni nell'UE. Ciò si aggiunge alle 56,700 tonnellate esistenti già stabilite nell'ambito dell'accordo di associazione UE-Tunisia di lunga data.

Il segretario generale del Copa Cogeca, Pekka Pesonen, ritiene che questo tipo di accordo offrirà alla Tunisia un vantaggio ingiusto.

"È del tutto inaccettabile che la Commissione abbia proposto di concedere alla Tunisia un accesso temporaneo aggiuntivo al mercato dell'UE con un contingente tariffario esente da dazi di 35,000 tonnellate di olio d'oliva all'anno per un periodo di due anni quando il mercato dell'UE è già saturo e i prezzi in Il 2014 è stato del 43% inferiore ai livelli del 2005.

"Nonostante la leggera ripresa dei prezzi nel 2015, il settore non è stato in grado di consolidarsi e i prezzi delle porte agricole sono nuovamente crollati da quando la Commissione ha annunciato questo annuncio.

"La proposta della Commissione aumenterebbe il contingente tariffario totale esente da dazio della Tunisia a 91,700 tonnellate, mettendolo alla pari con la produzione totale di un paese come il Portogallo ".

Marcare la proposta 'ridicolo ", Pesonen ha affermato che comprometterebbe anche gli sforzi compiuti dai produttori di olio d'oliva in Europa, che negli ultimi tempi hanno lavorato duramente per migliorare la qualità dei propri prodotti.

"È inoltre ingiustificato quando l'UE incontra ancora grosse difficoltà ad entrare, ad esempio, nel mercato statunitense a causa della burocrazia e degli ostacoli non tariffari agli scambi ", aggiunge.

"Inoltre, gli Stati membri meridionali dipendono fortemente dall'olio d'oliva come principale fonte di reddito e questa proposta minaccerebbe la crescita e l'occupazione in queste regioni dove spesso non esistono altre fonti di occupazione.

"Siamo inoltre contrari alla proposta della Commissione di eliminare la gestione mensile dei titoli d'importazione. L'attuale sistema non ha impedito agli operatori tunisini di riempire il TRQ quando lo desideravano.

"Senza la gestione mensile delle licenze di importazione, non è possibile evitare livelli elevati di importazioni in un breve periodo di tempo, il che potrebbe comportare il crollo dei prezzi europei durante il resto della campagna di commercializzazione ".

Related News

Feedback / suggerimenti