` Il caso Kangadis va avanti nonostante il fallimento - Olive Oil Times

Il caso Kangadis avanza nonostante la bancarotta

Settembre 29, 2014
Staff di Olive Oil Times

Notizie recenti

I querelanti nella causa legale collettiva per adulterazione dell'olio d'oliva di Kangadis hanno celebrato una piccola vittoria la scorsa settimana dopo che un giudice federale ha accettato di andare avanti sul caso da 261 milioni di dollari nonostante il fallimento della società.

Il caso riguarda l'olio d'oliva di marca Capatriti, commercializzato da Kangadis come "Olio d'oliva puro al 100%. " Secondo l'affermazione della ricorrente, l'analisi ha stabilito che l'olio in questione non è affatto olio d'oliva, ma olio di sansa di oliva - un olio raffinato ottenuto dai sottoprodotti della prima spremitura delle olive, compresi i noccioli e la polpa avanzati estratti attraverso il calore e solventi chimici. Essendo il grado più basso di olio commestibile derivato dalle olive, olio di sansa di oliva è utilizzato principalmente nel settore della ristorazione.

Il 18 settembre, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Jed Rakoff del distretto meridionale di New York ha ordinato la certificazione della classe. La certificazione si verifica quando il tribunale rileva che alcuni prerequisiti tra i querelanti sono soddisfatti, come tutti i querelanti che condividono la stessa richiesta.

Rakoff aveva già certificato il caso Ebin v. Kangadis a marzo, ma i progressi si sono interrotti a causa del fallimento contro Kangadis Food Inc. (KFI). Le accuse sono state effettivamente trasferite a una causa contro Kangadis Family Management LLC, una società di proprietà di tre membri della famiglia Kangadis che sono anche azionisti di KFI.

I querelanti affermano che la promessa di "Olio d'oliva puro al 100% ", stampato su cinque lati delle confezioni Capatriti ha influenzato la loro decisione di acquistare il prodotto e che la falsa affermazione violava le leggi sulla protezione dei consumatori.

Kangadis ha discusso contro l'affermazione a causa del fatto che i membri della classe sono definiti come "tutte le persone negli Stati Uniti che hanno acquistato olio d'oliva puro al 100% Capatriti confezionato prima del 1 ° marzo 2013 ". L'azienda vende ai rivenditori, non direttamente ai consumatori. 

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Tuttavia, il giudice lo ha messo al tappeto. "Se un individuo ha acquistato o meno durante il periodo della lezione una lattina ... che conteneva effettivamente della vinaccia è una domanda oggettivamente determinabile quanto ci si può chiedere ", ha scritto nell'ordine il giudice distrettuale degli Stati Uniti Jed Rakoff del distretto meridionale di New York.

L'anno scorso, la North American Olive Oil Association (NAOOA) ha intentato una causa contro Kangadis—Che conduce affari con i nomi della Fabbrica Gourmet, Capatriti e Porto "branding illegale, fuorviante e ingannevole. " Sebbene NAOOA e Kangadis abbiano raggiunto un accordo confidenziale nel luglio 2013, le spese legali hanno costretto la società a dichiarare bancarotta.


Related News

Feedback / suggerimenti