`Il consumo di olio d'oliva in Italia scende al minimo di 25 anni - Olive Oil Times

Consumo di olio d'oliva in Italia Scivola a 25-Year Low

Marzo 9, 2015
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

L'ITALIA È DA LUNGO IL PRIMO consumatore di olio d'oliva in Europa, ma non più, secondo il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), che pone il paese in un legame statistico con la Spagna nel loro ultimo rapporto. Dopo aver raggiunto il picco nel 2006, il consumo italiano ha iniziato una lunga discesa ai livelli più bassi in un quarto di secolo.

Gli europei nel loro insieme hanno consumato 400,000 tonnellate di olio d'oliva in meno quest'anno rispetto al 1990, con un calo del 20%. Fortunatamente per i produttori mondiali di olio d'oliva, metà di quel margine è stato ripreso dagli Stati Uniti, dove durante lo stesso periodo gli americani hanno messo a buon uso altre 200,000 tonnellate, sostituendo la margarina per una cosa.

Ma prima di accusare gli europei di lanciare al mondo ciò da cui sembrano allontanarsi, si consideri che l'italiano medio consuma ancora più di 8.4 litri di olio d'oliva ogni anno, più di 10 volte il tipico americano. In Spagna, il consumo pro capite si mantiene a 9.5 litri all'anno e, secondo i dati del CIO, i greci, nonostante la crisi, continuano a inzuppare i loro alimenti in 14.9 litri di olio d'oliva.

Negli Stati Uniti il ​​consumo medio è raddoppiato da 0.4 litri a 0.8 litri negli ultimi 25 anni (uso di margarina nello stesso periodo caduto l'equivalente di oltre 3 litri a persona). Ma prima che il CIO faccia un giro di vittoria, dovrebbe considerare che il consumo è più che raddoppiato per tutti gli oli commestibili nello stesso periodo. Nonostante un flusso infinito di dati sui molti benefici alla salute del suo utilizzo, l'olio d'oliva sembra aver resistito a malapena nel mercato più grande del mondo.

Nel frattempo, ha riferito il CIO, i prezzi dell'olio d'oliva italiano hanno raggiunto € 6.03 / kg, o circa $ 5.98 al litro, alla fine di febbraio - un risultato del scarsa stagione del raccolto ciò eserciterà ulteriore pressione sulle decisioni di acquisto sugli scaffali al dettaglio.



  • Newsletter IOC febbraio 2015 (PDF)

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti