`Le regioni olivicole lavorano alla strategia comune per mantenere le sovvenzioni dell'UE - Olive Oil Times

Le regioni d'oliva lavorano sulla strategia congiunta per il mantenimento delle sovvenzioni dell'UE

Aprile 2, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Un nuovo gruppo di lobby dell'olio d'oliva sta preparando con urgenza un documento di posizione per proteggere i suoi membri dai tagli ai sussidi minacciati dalla Commissione europea.

Nella riunione di Barcellona di martedì scorso, il Forum delle Regioni olivicole europee ha concordato di completare il cosiddetto libro bianco entro la fine di giugno al fine di "difendersi a Bruxelles ”mentre i negoziati si animano sulla struttura della politica agricola comune (PAC) e sul bilancio 2014-2020.

Tra le modifiche proposte dalla CE c'è quella di pagare a tutti gli olivicoltori una tariffa fissa per ettaro piuttosto che pagarne alcuni in base alla storia della produzione, un cambiamento che vedrebbe Francia e Spagna perdere di più.

Il solo settore spagnolo dell'olio d'oliva è attualmente sovvenzionato per il 40% del valore del mercato dell'olio d'oliva, secondo il nuovo ministro spagnolo per l'agricoltura, l'alimentazione e l'ambiente, Miguel Arias Cañete. "Stiamo parlando di… aiuti che rappresentano 1 miliardo di euro (1.3 miliardi di dollari) e che ammontano a circa 468 euro per ettaro (all'anno) ”, ha detto il mese scorso al Parlamento spagnolo.


Miguel Arias Cañete

Il forum rappresenta regioni in Spagna, Italia, Francia, Grecia e Croazia

pubblicità

Parlando dopo aver partecipato alla riunione del nuovo forum, il direttore generale dell'Industria e della qualità agroalimentare per il governo regionale andaluso, Ana Romero, ha detto Olive Oil Times il gruppo ha dovuto muoversi rapidamente.

Alla domanda sul perché fosse necessario un nuovo forum quando organizzazioni come il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) e governi nazionali e regionali, rappresentavano già il settore, ha detto che mentre il CIO, ad esempio, ha svolto un lavoro magnifico, c'era molto in gioco per il regioni membri ed erano in una posizione migliore per esercitare pressioni direttamente su se stesse.

In risposta alle critiche secondo cui i pagamenti della PAC sostengono gli oliveti altrimenti non economicamente sostenibili, Romero ha affermato che vi sono molte ragioni per giustificare i sussidi. Tra questi c'erano l'importanza del settore dell'olio d'oliva nel mantenimento delle comunità rurali e nella prevenzione dell'abbandono della terra, in particolare nelle zone della Spagna dove la terra era in pendenza e molto difficile da coltivare con profitto, tuttavia l'olio d'oliva prodotto era eccezionale.

Ha affermato che il documento di sintesi, che sarà pubblicato per le discussioni nel settore, stabilirà i cambiamenti necessari in cinque categorie principali: qualità, promozione e informazione, commercio e accordi con paesi terzi, ricerca e riforma della PAC.

Lo sviluppo di queste sezioni sarebbe suddiviso tra i membri del forum, che sono Dubrovnik-Neretva e Istria (Croazia), Andalusia e Catalogna (Spagna), Corsica, Langedoc-Roussillon, Provenza-Costa Azzurra-Alpi e Rodano-Alpi ( Francia), Creta e Sterea Ellada (Grecia), Emilia Romagna, Puglia e Toscana (Italia).

I rappresentanti dell'Assemblea delle regioni europee che producono frutta, verdura e piante (AREFLH) e l'Associazione europea delle indicazioni geografiche (AREPO) stanno prestando il loro sostegno al nuovo forum e hanno anche partecipato alla riunione.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti