`Settore spagnolo dell'olio d'oliva oltraggiato dal caso abbandonato `` Operazione Lucerna '' - Olive Oil Times

Settore spagnolo dell'olio di oliva indignato dal caso "Operation Lucerna"

Dicembre 11, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Lamentabile, incomprensibile, incredibile, un oltraggio.

Quelle erano tra le reazioni dei membri del settore dell'olio d'oliva spagnolo alla notizia che le accuse penali non andranno avanti contro 14 persone originariamente sospettate di aver fatto parte di una truffa in cui dovevano essere approvate miscele di oli più economici - come l'olio di palma e di avocado fuori come l'olio d'oliva.

A febbraio, la polizia spagnola ha annunciato di aver arrestato 19 persone nel caso, che avrebbe coinvolto anche una complessa rete di 30 società e 'uomini di paglia provenienti da Spagna, Italia e Portogallo e almeno 3 milioni di euro (3.9 milioni di dollari) nell'evasione fiscale.

Gli arresti hanno fatto seguito a un'indagine congiunta durata un anno con le autorità fiscali spagnole, nome in codice Operazione Lucernae si è concentrato sulle località di Jaén e Córdoba.

Ma dieci mesi dopo, il procuratore per il caso, Juan Muñoz Cuesta, ha dichiarato che le denunce penali non andranno avanti.

In una copia di un atto d'accusa datato 22 novembre, ottenuto oggi da Olive Oil Times, Muñoz Cuesta ha prima dettagliato le accuse di frode fiscale che coinvolgono varie parti, prima di affrontare la questione di possibili reati relativi al mercato o ai consumatori.

Ha detto che sebbene le miscele di oli fossero state prodotte in modo irregolare e in alcuni casi le etichette non coincidessero con il contenuto dei contenitori, a meno che non fosse stato trovato che i prodotti mettevano in pericolo la salute - cosa che non lo erano - avrebbero dovuto essere offerti o pubblicizzato per la vendita per un reato che si è verificato sotto il codice penale.

Tuttavia, gli oli sono stati trovati in vari locali dell'azienda e non erano ancora arrivati ​​sul mercato.

Inoltre, nessuna lamentela era stata fatta da persone lese e non c'erano prove di alcun effetto sugli interessi generali di nessuna persona, ha spiegato Muñoz Cuesta.

La notizia ha incontrato sgomento e incredulità da molti produttori di olio d'oliva. Vari commenti sulla pagina Facebook dell'Associazione spagnola dei comuni dell'olivo (AEMO) hanno affermato che la situazione ha lasciato una macchia sull'immagine dell'olio d'oliva vergine in generale e degli oli d'oliva spagnoli in particolare.

Il portavoce di AEMO, Jose Penco, ha detto Olive Oil Times l'ironia era che le compagnie petrolifere insistevano spesso sul fatto che i controlli dei loro prodotti dovevano essere effettuati prima che l'olio d'oliva lasciasse i loro locali - non dai campioni prelevati nella fase di vendita al dettaglio - perché non possono controllare il modo in cui viene gestito dopo la spedizione.

"Dove dovrebbe avvenire l'ispezione, quindi, per richiedere la responsabilità? ”Ha chiesto.

La situazione ha lasciato i consumatori indifesi e la stragrande maggioranza del settore, che ha fatto la cosa giusta, ha detto.

Una portavoce del Ministero spagnolo dell'agricoltura, dell'alimentazione e dell'ambiente (MAGRAMA) ha affermato che il ministero, "come dovrebbe essere, valuta sempre il lavoro del sistema giudiziario e rispetta le sue decisioni ".



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti