` I coltivatori turchi criticano il disegno di legge per consentire le piante energetiche sugli oliveti - Olive Oil Times

I coltivatori turchi criticano la legge per consentire alle piante energetiche sugli uliveti

Giu. 25, 2014
Charlie Higgins

Notizie recenti

Le piccole aziende olivicole in Turchia come questa potrebbero essere trasformate in progetti come centrali nucleari se una proposta di legge fosse approvata.

I produttori di olive nella provincia turca di Muğla hanno criticato un progetto di legge in parlamento per consentire attività energetiche e minerarie su terreni che ospitano uliveti tradizionali per centinaia di anni.

L'iniziativa ha sollevato preoccupazioni non solo sul futuro del settore dell'olio d'oliva turco, ma anche sui danni ambientali a lungo termine.

Rimuovendo lo stato ufficiale dei campi di olivo con aree di meno di due ettari e mezzo, il disegno di legge spianerebbe la strada a progetti energetici come una centrale nucleare a Mersin e una centrale termica a Yatağan. Il disegno di legge rimuoverebbe anche la legislazione attuale che richiede la costruzione di impianti di energia rinnovabile ad almeno tre chilometri dal terreno designato per la produzione di olive.

Molti produttori di olive hanno espresso la loro delusione per il ministero dell'Agricoltura, che ha sostenuto il settore nei suoi sforzi di espansione negli ultimi 12 anni.

"Nessuno dei deputati dell'opposizione ritiene che questa proposta di legge sia logica. Ci sono deputati anche del partito al potere che si oppongono, ma questa volta non vediamo alcun segno che il governo ascolti le nostre preoccupazioni ", ha dichiarato Güngör Şarman, capo della Cooperativa di vendita di Tariş Oil e Olive Oil. Zaman di oggi.

I critici dicono che il disegno di legge contraddice quello del governo turco intende promuovere produzione nazionale di olive, valutata a $ 1.5 miliardi in 2012 - 2013. Da 2000 il numero di olivi in ​​Turchia è aumentato da 90 milioni a 170 milioni e si prevede che le esportazioni di olive raggiungeranno $ 3.8 miliardi di 2023 al ritmo attuale, sebbene la proposta di legge possa cambiare tutto.

La Turchia è attualmente al quarto posto nell'elenco dei migliori produttori mondiali di oliva e olio d'oliva dopo Spagna, Italia e Grecia, con il 10% di olive e il 6% di produzione di olio d'oliva in tutto il mondo.


Related News

Feedback / suggerimenti