Europa

La fiera mondiale dell'olio di oliva si concentra sul fare affari negli Stati Uniti

Un tema dell'evento di due giorni a Madrid sarà come fare affari negli Stati Uniti, il principale importatore mondiale di olio d'oliva.

Febbraio 15, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Più di 200 produttori di olio d'oliva si riuniranno a Madrid il mese prossimo per controllare i concorrenti, fare affari e discutere questioni prevalenti per l'industria.

Uno dei temi generali dei due giorni Esposizione mondiale sull'olio d'oliva (WOOE) sarà come fare affari negli Stati Uniti, l'importatore numero uno al mondo di olio d'oliva.

La mostra mondiale sull'olio d'oliva è un evento principalmente dedicato alla stimolazione commerciale e internazionale dei contatti commerciali.- Cristina Villar, WOOE

"WOOE è un evento principalmente dedicato alla stimolazione commerciale e internazionale dei contatti commerciali ", ha dichiarato Cristina Villar, portavoce dell'evento. "La cosa più importante della fiera sono le transazioni sostanziali di acquisto e vendita di olio d'oliva effettuate su scala globale. "

Maria Reyes, il direttore della gestione della categoria presso i distributori KeHE, discuterà delle barriere commerciali, delle aspettative di qualità e dei costi di importazione negli Stati Uniti. Vede molte potenzialità per gli esportatori, purché siano pronti ad affrontare le sfide del fiorente mercato.

"A mio avviso, i due maggiori problemi sono che il mercato è invaso da olio a buon prezzo e di cattiva qualità e che il consumatore è ancora molto confuso su quale tipo di olio dovrebbero acquistare ”, ha affermato.

pubblicità

Reyes ha affermato che spetta agli esportatori e all'industria petrolifera nel suo insieme educare i rivenditori e i consumatori americani, quindi prendono le decisioni migliori sui prodotti che stanno mettendo nei loro scaffali.

La domanda di olio di alta qualità è presente, con vendite di olio d'oliva premium in aumento negli Stati Uniti nell'ultima metà del decennio. Tuttavia, la concorrenza è brusca con olio di cocco, olio di avocado e burro chiarificato anche in competizione per una nicchia di mercato simile.

"Dovrebbero essere poste le domande giuste e dovrebbe esserci un processo di verifica per garantire che ciò che viene messo sullo scaffale sia ciò che dice l'etichetta ", ha detto Reyes. "I consumatori svolgono un ruolo importante in questo e hanno dimostrato di essere disposti a pagare di più per un prodotto di qualità ".

Dave Neuman, CEO di Gaea Nord America, seguiranno Reyes e discuteranno di come gestire la complicata burocrazia americana una volta che un'azienda diventerà un distributore negli Stati Uniti. In altri paesi, come l'Argentina, i produttori di olio d'oliva possono vendere direttamente ai rivenditori. Tuttavia, per le società straniere che si espandono nel mercato americano, questo non è sempre possibile.

"Non ce l'hai qui negli Stati Uniti ", ha detto Neuman. "Devi avere un importatore o devi avere un ufficio negli Stati Uniti. Quindi devi vendere a un distributore e poi il distributore vende al rivenditore e il rivenditore vende al consumatore. Sono molte le mani che cambiano. È un sacco di costi aggiuntivi. ”

Neuman ha affermato che è importante che le società straniere comprendano questi ostacoli, in modo che possano continuare a competere nel crescente mercato degli Stati Uniti. Assillerà anche i timori delle società spagnole per quanto riguarda le politiche commerciali dell'attuale amministrazione.

Il presidente Donald Trump ha corso su un "America First ”politica estera con l'obiettivo di ridurre il deficit commerciale. La sua amministrazione ha già imposto delle tariffe sulle olive da tavola spagnole, ma ha affermato che non farà lo stesso con l'olio d'oliva. Neuman ritiene che l'olio d'oliva importato rimarrà esente da tariffe nonostante la tendenza dell'amministrazione a cambiare rotta sui suoi piani politici originali.

"La California è un produttore così piccolo, che fornisce meno dell'XNUMX% della nostra domanda statunitense di olio d'oliva, che non ha davvero senso stabilire una tariffa su qualcosa che dobbiamo avere ”, ha detto Neuman.

"Non ho sentito nulla in tal senso perché non protegge davvero nessuno. L'olio d'oliva è già costoso e non credo che nessuno vorrà vedere una tariffa aggiuntiva per rendere il prodotto ancora più difficile da usare considerando i benefici per la salute e le sue caratteristiche. "

Oltre a discutere del mercato americano al WOOE, Neuman ha affermato di non vedere l'ora di vedere come il settore dell'olio d'oliva può diventare tecnologicamente più avanzato. Ha detto che gli piacerebbe vedere l'uso di droni e irrorazione di droni per combattere la mosca dell'olivo e una maggiore automazione nella raccolta.

"Mi piacerebbe vedere che ci sarà un po 'più di sforzo nella raccolta automatizzata per paesi come la Grecia e l'Italia che non hanno davvero il terreno per farlo ”, ha detto. "Quindi spero che vedremo un po 'di robotica, qualcosa per aiutare ad alleviare lo stress della raccolta e anche a proteggere il raccolto dalle mosche delle olive ”.

Tuttavia, gli affari saranno in prima linea nella mente di molti partecipanti che affollano la Feria de Madrid il 21 e 22 marzo. Circa 3,000 persone hanno partecipato alla mostra lo scorso anno e Villar ha dichiarato che si aspetta che questo numero sia più alto questa volta. Molti dei partecipanti cercheranno di fare alcuni affari e ottenere informazioni sul mondo in continua evoluzione del commercio globale.

pubblicità

Santiago Botas, direttore generale del WOOE, ha affermato che la mostra offre a tutti l'opportunità di fare il punto su ciò che sta accadendo nel mondo dell'olio d'oliva e prepararsi per le numerose sfide che l'industria deve affrontare.

"La grave situazione del settore dell'olio d'oliva, insieme a un significativo squilibrio tra domanda e offerta, prezzi bassi e sussidi in diminuzione richiede l'implementazione di nuovi meccanismi per promuovere un cambiamento nelle tendenze e un nuovo ordine commerciale più aperto e trasparente ", ha disse.

Neuman vede la mostra come un'opportunità per facilitare il commercio e trovare soluzioni ad alcuni dei problemi del settore.

"Penso che la fiera quest'anno sarà entusiasmante ", ha detto. "WOOE o no, la conversazione sul portare olio di qualità in America deve continuare. "





Articoli Correlati