Gli esportatori europei beneficiano del crollo della proposta di tassa di importazione degli Stati Uniti

I grandi dettaglianti americani sono riusciti a fermare piani per centinaia di milioni di dollari in nuove tasse sulle importazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti.

Giu. 31, 2017
Di Shawn Mitchell

Notizie recenti

Giovedì, i repubblicani del Congresso negli Stati Uniti hanno abbandonato una proposta per a 20% di tasse sui beni importati nell'ambito di un più ampio piano di riforma fiscale. La Border Adjustment Tax (BAT) avrebbe messo i produttori europei di olio d'oliva in una posizione di svantaggio competitivo rispetto alle loro controparti americane.

Esportatori europei, che rappresentano la stragrande maggioranza dei $ 2 miliardi di vendite di olio d'oliva negli Stati Uniti, avrebbero potuto affrontare centinaia di milioni di dollari in nuove tasse nell'ambito del piano proposto. La fine della BAT suggerisce che i prodotti dell'olio d'oliva europei probabilmente non dovranno affrontare un improvviso aumento dei costi nel mercato al dettaglio americano a seguito della legislazione di riforma fiscale federale in qualunque momento presto.

Gli esportatori di olio d'oliva in Europa sono già alle prese con l'aumento della pressione sui prezzi negli Stati Uniti a causa di un raccolta poco brillante nel 2016, aumento della domanda globale e recenti cali del tasso di cambio dollaro / euro. Il potere d'acquisto dei rivenditori americani che importano olio d'oliva dall'estero sarebbe stato ulteriormente ridotto dall'introduzione della BAT.

Negozi di vendita al dettaglio di tutte le dimensioni negli Stati Uniti, inclusi Walmart e Target, si sono opposti con veemenza alla proposta. La tassa avrebbe esercitato pressioni sui dettaglianti affinché trasferissero la nuova spesa ai consumatori attraverso l'aumento dei prezzi, suscitando timori di un possibile calo della spesa dei consumatori. Di conseguenza, gli oppositori della tassa sono stati in grado di dissuadere i legislatori citando probabili danni alle società di vendita al dettaglio, un settore che attualmente sta subendo enormi interruzioni causate dalle nuove tecnologie.

I sostenitori del piano BAT avevano sperato di incoraggiarne di più produzione di olio d'oliva e altri beni all'interno dei confini degli Stati Uniti rendendo le importazioni più costose. Gli esportatori americani di olio d'oliva sarebbero stati esentati dalla tassa, ma potrebbero aver dovuto affrontare l'imposizione di tariffe di ritorsione da parte dei governi stranieri. Mentre la maggior parte delle esportazioni di olio d'oliva americano va in Canada e Messico e sarebbe stata relativamente immune alle controversie commerciali con l'Europa, gli esportatori statunitensi dovranno affrontare un nuovo ciclo di incertezza mentre l'amministrazione Trump avvia i colloqui per rinegoziare l'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) in Agosto.

pubblicità

La riforma fiscale è stata a lungo al centro dell'agenda repubblicana a Washington. La tassa di importazione, che era prevista raccolto $ 1 trilione nel corso di 10 anni, è stato progettato per compensare i grandi tagli proposti all'aliquota dell'imposta sul reddito delle società americana, che attualmente si attesta al 35 percento. Tuttavia, senza una fonte di reddito per compensare la riduzione proposta dell'aliquota dell'imposta sulle società al 15-20%, il disavanzo del bilancio federale salirebbe alle stelle.

Le piene implicazioni per gli esportatori europei di olio d'oliva del crollo delle misure protezionistiche proposte da Washington diventeranno probabilmente più chiare quando il Congresso tornerà dalla pausa delle vacanze di agosto e il raccolto 2017 inizierà sul serio. Tuttavia, la semplice minaccia di una tassa di importazione del 20% fa invariabilmente molti produttori europei che valutano le loro strategie su come garantire un accesso conveniente al crescente mercato americano dell'olio d'oliva.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti