Affari

Gli agricoltori protestano il piano di eradicazione in Spagna

Il quinto focolaio di Xylella fastidiosa in sei mesi ha portato il governo spagnolo a prendere drastiche misure nel tentativo di prevenire la diffusione del patogeno vegetale.

Dati da indagini su casi Xf nella provincia di Alicante
Gennaio 19, 2018
Di Daniel Dawson
Dati da indagini su casi Xf nella provincia di Alicante

Notizie recenti

I manifestanti ad Alicante chiederanno formalmente al Ministero dell'agricoltura, dell'ambiente, dei cambiamenti climatici e della pianificazione regionale di arrestare la distruzione di ulivi e mandorli sani nella regione.

La piattaforma per le persone colpite da Xylella fastidiosa ad Alicante (AXFA) ha presentato il proprio appello durante una riunione generale dell'assemblea a Castell de Guadalest.

Distruggere alberi sani e alimentati dalla pioggia è un'aberrazione ecologica e paesaggistica che, se si verificherà, segnerà l'inizio della fine delle nostre foreste, della nostra gente, della vita in queste aree.- Adolfo Ribes, AXFA

L'appello è stato approvato e ora il gruppo, composto da più di 100 agricoltori locali, lo presenterà in tribunale.

Secondo Adolfo Ribes, portavoce di AXFA, l'appello è necessario per fermare temporaneamente la distruzione di alberi sani e per avviare procedure legali per l'attuazione di un piano di contenimento.

"L'amministrazione valenciana non ha osato difenderci, né davanti al resto delle Comunità autonome del nostro paese, né davanti al nostro ministero né prima di Bruxelles ", ha affermato.

pubblicità

"ASAJA Alicante e AXFA sono fermamente convinti che la distruzione di alberi sani e alimentati dalla pioggia sia un'aberrazione ecologica e paesaggistica che, se si verificherà, segnerà l'inizio della fine delle nostre foreste, della nostra gente, della vita in queste aree ”.

Questo è il quinto focolaio del patogeno vegetale nella regione da giugno. A causa della frequenza dei focolai, l'Unione Europea (UE) ha dichiarato al governo spagnolo che fornirà fondi per il piano di eradicazione stipulato dalla Commissione Europea.

"Si applicano rigorose misure di eradicazione, che consistono in un netto taglio di tutte le piante ospiti della sottospecie specifica della Xylella fastidiosa, indipendentemente dal loro stato di salute, in un raggio di 100 metri attorno alle piante infette ", ha detto un portavoce dell'UE.

"Sebbene queste misure abbiano un impatto sull'agroeconomia locale, sono necessarie nell'interesse dell'Unione nel suo insieme al fine di preservare l'agricoltura dell'UE, nonché i giardini pubblici e privati ​​".

Il rigoroso piano di eradicazione dell'UE è stato elaborato e approvato con numerose consultazioni scientifiche. Il piano prevede la distruzione di innumerevoli più alberi di quelli infetti, il che ha portato a proteste diffuse ad Alicante.

Dati da indagini su casi Xf nella provincia di Alicante

"La demolizione di tutti gli alberi, sia i sani che i malati, non è la soluzione, perché non siamo più casi isolati ", ha detto Eladio Aniorte, presidente dell'ASAJA Alicante. "Le infestazioni si sono diffuse in tre regioni e c'è un'alta probabilità che nuovi focolai vengano annunciati presto ”.

Aniorte e Ribes hanno entrambi invitato il governo spagnolo a pubblicare i risultati di oltre 7,000 campioni di test che ha preso per consentire a tutti coloro che ne sono affetti di conoscere il vero ambito della malattia.

Aniorte ha affermato che un piano di contenimento potrebbe essere altrettanto efficace senza incorrere in ingenti danni al settore agricolo della regione. Ha anche sottolineato che Alicante è particolarmente importante per l'agricoltura spagnola poiché riceve più precipitazioni rispetto alle comunità vicine, che coltivano anche olive e mandorle.

"Non possiamo capire perché il Consiglio non lavori per presentare al Ministero e a Bruxelles un piano di contenimento che sostituisce il piano di eradicazione ", ha affermato. "È un protocollo altrettanto efficace per prevenire la diffusione delle infestazioni, ma meno aggressivo con le persone colpite e il territorio. "

Xylella fastidiosa ha afflitto l'Italia meridionale da cinque anni, costringendo il governo a tagliare decine di migliaia di ulivi. Gli agricoltori in Italia hanno protestato e si chiedono anche se il metodo dell'UE sia efficace.

Di ritorno in Spagna, agricoltori e ministri sono entrambi preoccupati per il potenziale per la continua espansione della malattia, anche se non sono d'accordo su come fermarla.

pubblicità




Per saperne di più su