Affari

Le forti piogge non smorzano l'entusiasmo degli esportatori argentini di olio d'oliva

Le recenti alluvioni hanno risparmiato le piantagioni di olivi in ​​Argentina, poiché i produttori e gli esportatori rimangono ottimisti riguardo al potenziale del settore.

Novembre 10, 2017
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Le piogge insolitamente intense hanno smorzato gran parte del settore agricolo argentino. Tuttavia, le olive sono state risparmiate e il frutto snocciolato tradizionalmente associato al Mediterraneo è fiorente.

Se produttori e produttori lavorassero insieme per supportare la varietà Arauco, potremmo ottenere l'attenzione mondiale per il prodotto.- Luis Javier Magalnik, Califruit

"Pochissime piantagioni di olivo sono state colpite dall'alluvione ", ha dichiarato Luis Javier Magalnik, produttore e confezionatore di olive di Califruit. "Le zone di produzione delle olive in Argentina si trovano in regioni generalmente asciutte ".

Nel frattempo, le precipitazioni senza precedenti sulle Pampa, Buenos Aires, Santa Fe e Cordoba hanno lasciato da 10 a XNUMX milioni di ettari di terreni coltivati ​​tradizionalmente produttivi completamente bagnati.
Guarda anche: Altro sulla produzione di olio di oliva argentino
Esteban Copati, responsabile delle stime delle colture alla Borsa del grano di Buenos Aires, ha dichiarato che almeno 650,000 ettari potrebbero non essere piantati. Non è ancora noto se il resto si asciugherà in tempo per la semina.

Tuttavia, il futuro di un raccolto meno tradizionale sembra brillante. L'olio d'oliva ha già registrato una crescita record sia in termini di qualità che di quantità. I produttori di olive, così come quelli del Ministero dell'Agricoltura, sono ottimisti sul fatto che possano mantenere la tendenza al rialzo.

"Ci aspettiamo di aggiungere allo sviluppo regionale, in particolare per la produzione di olive ”, ha affermato Nestor Roulet, segretario di valore aggiunto presso il Ministero dell'agricoltura argentino. "Quest'anno l'Argentina potrebbe ancora aggiungere il 20% in più di valore alle esportazioni di olio d'oliva. ”

pubblicità

Il Dipartimento dell'Agricoltura ha riferito che nei primi sette mesi del 2017 i valori delle esportazioni erano aumentati del 117%.

Frankie Gobbee, CEO e co-fondatore dell'Argentina Olive Group, ritiene che la qualità dell'olio d'oliva potrebbe essere ulteriormente migliorata per competere con i principali produttori europei di olio d'oliva.

"L'Argentina ha oltre 120,000 ettari dedicati alle olive ed esporta oltre l'89% di quelli come olio extra vergine di oliva ", ha dichiarato Gobbee. "Potremmo dimostrare che l'olio extra vergine argentino è uguale o migliore di quello di molti paesi europei. Abbiamo la genetica delle olive europee con migliori tecniche agricole e risorse naturali. "

I volumi delle esportazioni di olio di oliva argentino sono aumentati del 93 percento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Magalnik di Califruit condivide l'ottimismo sul potenziale dell'olio d'oliva. Tuttavia, ha affermato che l'accento deve essere posto sulla coltivazione e lo sviluppo di prodotti unici.

"Esiste un grande potenziale per la varietà di olio extra vergine di oliva Arauco, unica in Argentina ”, ha affermato. "Se produttori di olive e produttori di olio di oliva lavorassero insieme per supportare la varietà Arauco, sarebbe possibile ottenere l'attenzione mondiale per il prodotto. "


© Olive Oil Times


Ha sostenuto che in questo momento l'Argentina ha il clima e la tecnologia perfetti per produrre olio d'oliva di alta qualità.

Gli scienziati del clima hanno previsto ondate di calore per la prossima estate in Argentina. Queste previsioni hanno reso Magalnik diffidente, ma non preoccupato.

"Troppa aria calda e secca potrebbe influire negativamente sull'impollinazione e di conseguenza ridurre la produzione ", ha affermato. "Fino ad ora, però, sembra che le regioni più produttive per la produzione di olive non abbiano avuto questo problema. "

Tuttavia, per Gobbee il clima non è la preoccupazione, l'infrastruttura inadeguata lo è. Lo ha affermato e la logistica della produzione deve essere migliorata per trovare un equilibrio tra la crescente domanda di olio d'oliva e la sua produzione.

"L'Argentina non è ancora un grande produttore di olio d'oliva perché non ha industrie di raffinazione abbastanza grandi ", ha detto. "Le piantagioni di ulivi distano oltre 1,200 km dai porti. Dobbiamo ridurre i costi logistici o impacchettare l'olio d'oliva nei porti anziché nelle piantagioni. "

Nonostante questi crescenti dolori, l'Argentina è ora il più grande esportatore di olio d'oliva vergine in Sud America e l'ottavo più grande al mondo.

pubblicità




Related News