`La traccia del DNA migliorata mette gli adulteroli dell'olio di oliva su avviso

Affari

La traccia del DNA migliorata mette gli adulteroli dell'olio di oliva su avviso

Aprile 22, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

Di Julie Butler
Olive Oil Times Collaboratore | Segnalazione da Barcellona


Dr. Juan de Dios Alche e Dr. Fendri Mahdi

Scienziati spagnoli affermano di essere vicini all'offerta "test di paternità "per l'olio di oliva vergine che sarebbe un potente alleato contro la frode.

I loro progressi nell'arte dell'impronta digitale del DNA significano che ora hanno bisogno solo di campioni relativamente piccoli - in genere 100 - 200ml - per verificare se l'olio di oliva vergine è davvero della varietà e dell'origine dichiarate.

E a differenza dei test chimici e sensoriali - i cui risultati possono al massimo indicare che l'olio è stato tagliato con un altro olio vegetale - trovare inequivocabile il DNA dell'olio di nocciole o di girasole nell'olio d'oliva prova della sua presenza, dicono.

pubblicità

Lo ha detto il dott. Juan de Dios Alché, ricercatore capo del progetto del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CSIC)Olive Oil Times c'è ancora molto lavoro da fare, ma spera che entro sei mesi il test sarà disponibile in commercio.

"Abbiamo già avuto parecchi contatti da parte di persone del settore alimentare, compresi gli Stati Uniti, e crediamo che ci sia molta richiesta per questo ”, ha affermato.

Alché, del dipartimento di biochimica, biologia cellulare e molecolare delle piante di CSIC, fa parte delEstación Experimental del Zaidín L'istituto di Granada ha anche spiegato che integrerebbe sostanzialmente, ma non sostituirà, altri test di verifica.

Olive Oil Times: Quali sono i vantaggi di questo test?

Dr. Juan de Dios Alché: L'olio di oliva vergine è relativamente costoso e le persone sono disposte a pagare di più per le qualità che apprezzano, come l'olio di una particolare regione o varietà, qualcosa di cui i produttori disonesti traggono vantaggio. Con questo test possiamo verificare l'autenticità di un olio d'oliva, a conferma che sia davvero dell'origine e della varietà, o varietà, dichiarata sull'etichetta.

D: Quali sono i suoi limiti?

A: Questo non è un test che determinerà il grado di un olio d'oliva, ma richiede anche il rilevamento di DNA intatto, che è spesso difficile da trovare nell'olio raffinato. E 'uno dei motivi per cui è stato progettato per essere usato con olio di oliva vergine e dovrebbe essere visto come un complemento ad altri test, non come un sostituto.

Inoltre, in alcuni casi non siamo in grado di analizzare positivamente i campioni perché hanno quantità molto, molto ridotte di DNA o perché il DNA è degradato. In questi casi dobbiamo usare campioni più grandi, a volte fino a 1 litro. L'uso delle alte temperature durante la macinazione è un modo in cui il DNA viene degradato.

D: Come sei arrivato a sviluppare il test?

A: Come parte della nostra ricerca sul polline, abbiamo sviluppato un grande database di frammenti di DNA prelevati dalle foglie di oltre 90 diverse varietà di olive, principalmente da Spagna, Portogallo e Tunisia, ma anche con le varietà più comuni provenienti da Italia, Grecia, Francia, Marocco e Libano.

Uno dei suoi usi è quello di certificare la varietà di olive dai vaccini contro le allergie al polline d'oliva, ma abbiamo provato e scoperto che potremmo anche usarlo per identificare l'olio d'oliva, anche se in Spagna l'intero frutto d'oliva, compresi i semi, viene schiacciato per produrre olio e non sappiamo esattamente da dove provenga il DNA che troviamo.

D: Il tuo database si basa sul DNA delle foglie di olivo, ma gli scienziati hanno riferito di aver scoperto che il DNA nelle foglie di un ulivo non corrispondeva a quello dell'olio dell'albero.

R. Abbiamo scoperto che nella stragrande maggioranza dei casi coincidono.

D. Come funziona il test?

A: Si basa sull'uso di microsatelliti (noti anche come SSR - Simple Sequence Repeats) come marcatori molecolari. Estraggiamo il DNA e utilizziamo ciò che è noto come reazione a catena della polimerasi (PCR) per amplificare queste sequenze di SSR. Quindi controlliamo le loro dimensioni sequenziando e confrontando le dimensioni con ciò che è già nel nostro database.

Altri marcatori molecolari sembrano ora fornire un'impronta digitale ad una risoluzione ancora maggiore rispetto agli SSR ma usiamo ancora microsatelliti perché ci sono già molti database basati su di essi, come il nostro, sono facili da interpretare e riprodurre, e hanno un alto potere discriminatorio.

D: Il test richiede molto tempo e il pretrattamento del campione è complicato?

A: Attualmente ci vogliono 7 - 10 giorni, compresa l'analisi. Estraggiamo il DNA usando una centrifuga, solventi e kit commerciali che abbiamo personalizzato e utilizziamo apparecchiature di laboratorio specializzate per il test, in particolare un termociclatore per PCR e un sequencer capillare. Il pretrattamento necessario per il campione non è quello complicato, relativamente parlando.

D: Quali progressi hai fatto negli ultimi due anni?

Oltre ad espandere il database, abbiamo ottimizzato il processo di estrazione del DNA dai campioni di olio. Utilizziamo vari metodi per estrarre il DNA, alcuni dei quali disponibili in commercio, ma personalizzati da noi, e abbiamo anche ottimizzato il processo di amplificazione.

D. Questo test sarebbe abbastanza efficiente in termini di costi da essere ampiamente utilizzato?

R. Il prezzo non è stato ancora determinato perché non stiamo facendo alcun uso commerciale del nostro metodo, ma abbiamo scoperto che esiste una domanda nel settore alimentare ed è possibile che in circa tra sei mesi saremo in grado di offrirlo come servizio e sì, sarebbe conveniente: un piccolo campione può verificare un grosso lotto di olio.

D: A cosa stai lavorando ora?

Il test richiede molto tempo, quindi stiamo cercando di ridurlo e prevediamo anche di testare una gamma più ampia di olio d'oliva.

Inoltre, sebbene siamo stati in grado di rilevare il DNA degli oli di nocciole e girasole nell'olio di oliva, finora possiamo solo confermare la presenza di oli estranei, ma non possiamo quantificare la proporzione, quindi è qualcosa su cui stiamo lavorando.


Ulteriori letture sui marcatori molecolari e verifica dell'autenticità dell'olio d'oliva:

- Tracciabilità dell'olio d'oliva, germoplasma d'oliva - La coltivazione dell'olivo, industria delle olive da tavola e dell'olio d'oliva in Italia, Dr. Innocenzo Muzzalupo (a cura di)

- Una panoramica dell'autenticazione di olivo e olio

- Vivere negli anni '70 - Rilevare l'adulterazione dagli oli di semi, Richard Gawel

fonti:

Tecnica sviluppata per rilevare potenziali frodi di olio d'oliva. (Comunicato stampa in spagnolo della Stazione sperimentale di Zaidín del Consiglio Nazionale delle Ricerche in Spagna.)
Combattere le frodi alimentari con la scienza, Chemistry World
L'identificazione delle olive diventa facile e veloce, Olive Oil Times

Related News