` Anno impegnativo per Olive Oil Trade Group - Olive Oil Times

Anno impegnato per il gruppo commerciale dell'olio d'oliva

Può. 7, 2013
Nancy Flagg

Notizie recenti


John Sessler (a sinistra), presidente dell'American Olive Oil Association, presso la Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti a Washington lo scorso dicembre

Era un anno di "attività senza precedenti ”per il Associazione nordamericana dell'olio d'oliva (NAOOA), secondo il suo presidente, John Sessler. Nel rapporto annuale 2012 del gruppo commerciale distribuito la scorsa settimana, Sessler ha citato quattro sviluppi chiave nell'industria dell'olio d'oliva e il coinvolgimento di NAOOA.

Ordine di marketing

I produttori nazionali di olio d'oliva hanno discusso proponendo a ordine di commercializzazione dell'olio d'oliva. Sessler ha affermato che la NAOOA ha sottolineato all'industria, al Congresso e ai funzionari governativi che un ordine di marketing potrebbe potenzialmente essere applicato non solo al petrolio nazionale ma anche importato e che ciò causerebbe "enormi interruzioni del commercio ".

USITC Investigation

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il Congresso ha chiesto alla US International Trade Commission (USITC) indagare sulle questioni commerciali che colpiscono l'industria nazionale dell'olio d'oliva. Sessler ha osservato che la relazione USITC è prevista per agosto e che le relazioni della Commissione a volte possono scatenare inviti all'azione, come un "petizione sul dazio antidumping. "

Sebbene il NAOOA lo consideri un risultato improbabile, ha partecipato alle audizioni della Commissione per garantire che "L'USITC disponeva di quante più informazioni possibili per avere un quadro completo del settore ", ha affermato Eryn Balch, vicepresidente esecutivo della NAOOA.

Residui di pesticida

Solo tre pesticidi e i loro livelli di tolleranza ai residui per l'olio d'oliva sono stati stabiliti dall'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti (EPA), mentre l'Unione Europea ha stabilito "tolleranze molto strette per i residui di pesticidi ”per uno spettro molto più ampio di pesticidi, ha detto Balch. Quando un paese dell'UE spedisce petrolio negli Stati Uniti, l'olio può contenere residui di pesticidi che lo sono "ben al di sotto di quelle soglie ", tuttavia, se i pesticidi non sono uno dei tre nell'elenco EPA, la Food and Drug Administration (FDA), che applica gli standard EPA, può bloccare la spedizione.

Olive Oil Times recentemente segnalati che 98 contenitori di olio d'oliva spediti dall'Italia sono stati trattenuti dalla FDA per tracce di clorpirifos. I livelli di pesticidi soddisfacevano gli standard dell'UE, ma poiché gli standard EPA tacciono sul clorpirifos, l'olio è considerato adulterato fino a prova contraria.

Il NAOOA ritiene che questo sia un "problema che mostra la necessità di norme armonizzate sui prodotti commercializzati a livello globale ", ha spiegato Balch.

Controllo di qualità

Il NAOOA conduce un programma di controllo della qualità in cui campioni casuali di oli vengono prelevati dagli scaffali dei negozi e inviati a Consiglio oleicolo internazionale (CIO) laboratori per i test. Il programma ha rivelato alcuni problemi di etichettatura che sono stati portati all'attenzione dei produttori per azioni correttive, ha osservato Sessler. In un caso in corso, il NAOOA ha intentato una causa contro un produttore di olio d'oliva per la vendita di olio di sansa di oliva come "100 percento di olio d'oliva. "



Related News

Feedback / suggerimenti