Motion supporta il caso di pubblicità falsa contro l'olio d'oliva di Filippo Berio

La querelante ha dichiarato di aver compreso il termine "Importato dall'Italia" sull'etichetta dell'olio d'oliva di Filippo Berio per indicare che l'olio era prodotto con olive "coltivate, macinate, imbottigliate e spedite dall'Italia".

Può. 18, 2016
Di Sukhsatej Batra

Notizie recenti

Due anni dopo a falso caso pubblicitario è stato presentato contro Salov North America Corp. e Italfoods, Inc., i distributori di Filippo Berio Olive Oil, il caso non si avvicina alla chiusura poiché l'ultima mozione a sostegno della certificazione di classe afferma che la società ha praticato la pubblicità falsa è stata depositata la scorsa settimana.

La mozione di Rohini Kumar, la querelante, era in risposta alla mozione di Salov di archiviare la causa collettiva depositata nel marzo 2016, che includeva una dichiarazione secondo cui la querelante non poteva provare di aver persino acquistato una bottiglia del loro olio d'oliva.

Alla radice del caso c'è la dichiarazione "Importato dall'Italia ”sull'etichetta dell'olio di oliva Filippo Berio. La società ha affermato che non vi erano prove del fatto che i consumatori di olio d'oliva o della stessa attrice avessero male interpretato "importato dall'Italia ”significa che l'olio di oliva Filippo Berio era prodotto esclusivamente con olive italiane.

La parola "importato "in uso comune significa "spedito da ", secondo la spiegazione fornita da Salov, che, sottolineano, era anche l'interpretazione della parola da parte di Kumar. Contrappongono il fatto che questo fatto di per sé sconfigge l'affermazione da lei presentata contro la loro compagnia.

Nella sua risposta, Kumar dichiarò di aver compreso il termine "importato dall'Italia ”sull'etichetta dell'olio d'oliva Filippo Berio per indicare che l'olio d'oliva era prodotto con olive coltivate, frantumate, imbottigliate e spedite dall'Italia.

In una dichiarazione a sostegno della sua richiesta di certificazione di classe, Kumar ha proseguito dicendo: "mentre Salov sostiene che la definizione del dizionario di 'importato da "lo supporta, ci sarà ancora bisogno di una decisione a livello di classe sul fatto che la frase possa fuorviare i consumatori ragionevoli".

Nel tentativo di archiviare il caso, Salov North America ha anche sollevato domande sulla conoscenza dell'attore principale con un membro del suo avvocato, sul suo carattere e persino se avesse acquistato una bottiglia di olio d'oliva per cominciare.

Nella mozione, Kumar ha mantenuto la sua conoscenza del consiglio e il suo personaggio non ha influenzato o influenzato il caso.

La causa di 29 pagine è stata presentata il 23 maggio 2014 contro Salov North America Corp e Italfoods inc. "per violazioni del Consumer Legal Remedies Act, false pubblicità, pratiche commerciali sleali, violazione del contratto, violazione del patto di buona fede e correttezza e frode, inganno e / o falsa dichiarazione. "

In un'audizione precedente, Kumar ha abbandonato le accuse di false dichiarazioni pubblicitarie per l'inclusione "extra vergine ”sull'etichetta per concentrare l'azione di classe sul "rivendicazione importata dall'Italia ".

Filippo Berio, importato da Salov North America Corp., con sede nel New Jersey, è il terzo marchio di olio d'oliva venduto negli Stati Uniti, con vendite di 137.4 milioni di dollari in 2015.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti