Scarsa domanda di olive Kalamata in Grecia

Migliaia di tonnellate di olive di Kalamata rimangono inattive in molti territori di produzione del paese a causa della pandemia e della chiusura dei ristoranti.
Giu. 7, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Nella scossa di assestamento della pandemia, la domanda di olive Kalamata (note anche come olive Kalamon) è crollata in Grecia come gran parte del Vendemmia 2019 il rendimento rimane privo di mercato e i prezzi si sono mantenuti bassi in diversi territori di produzione del paese.

Molti coltivatori hanno lasciato i loro oliveti incustoditi e ora sono pieni di erbacce. Lo stato avrebbe dovuto controllare la situazione in qualche modo. Se le cose non cambiano rapidamente, le abbandoneremo.- Giorgos Loukas, produttore di Fthiotida

Nella regione Etolia-Acarnania nella Grecia centro-occidentale, dove viene prodotta più della metà del raccolto del paese di olive di Kalamata, solo una piccola parte del raccolto della stagione è stata finora assorbita dal mercato.

"Sembrava una buona annata e le olive si vendevano normalmente, ma il pandemia è stato un duro colpo che ha causato il fermo dal 70 all'80% della nostra produzione ", ha affermato Fotis Akridas, capo dell'associazione dei produttori di Aetoliko.

"Le olive venivano vendute soprattutto all'estero e ai ristoranti. Il prezzo per un chilo di olive varia tra € 0.82 ($ 0.92) e € 1.22 ($ 1.38) e abbiamo dovuto vendere anche a € 0.80 ($ 0.90). Come copriremo le nostre esigenze nella prossima stagione? Non c'è un reale interesse da parte dei trader all'acquisto poiché la domanda di mercato è limitata ", ha aggiunto Akridas.

Anche Akridas si è lamentato di questo produttori di olive da tavola sono stati esclusi dal sostegno finanziario fornito dallo Stato ai settori economici vulnerabili colpiti dalla pandemia e hanno sottolineato che è necessario agire per chiedere un risarcimento per le loro perdite di reddito.

Problemi simili per i produttori di olive di Kalamata sono emersi anche in altre aree del paese come Fthiotida e Lakonia, con domanda inesistente e prezzi squallidi.

"La situazione è drammatica ", ha detto il produttore Giorgos Loukas di Fthiotida. "Tutta la nostra produzione rimane nei cassonetti e molto probabilmente daremo le olive per la lavorazione nella prossima stagione. Non è redditizio vendere a € 0.80 ($ 0.90) al chilo. Molti coltivatori hanno lasciato i loro oliveti incustoditi e ora sono pieni di erbacce. Lo stato avrebbe dovuto controllare la situazione in qualche modo. Se le cose non cambiano rapidamente, le abbandoneremo ”.

A causa dell'arresto del mercato delle olive, i negozi di forniture agricole che operano nelle aree di produzione di olive non sono in grado di vendere attrezzature e fertilizzanti agli olivicoltori in difficoltà in questo modo, aggiungendo in questo modo alla perdita di entrate nel settore.

"Tutte le zone produttive del settore incontrano ostacoli e sono necessarie misure ”, ha detto l'agricoltore e agricoltore Andreas Charalambous di Messolonghi. "Le autorità devono spiegare perché abbiamo raggiunto questo punto critico ".

I produttori hanno chiesto al ministero dell'Agricoltura di stabilire prezzi minimi garantiti per le olive da tavola e i commercianti e gli esportatori per fornire dati sulle esportazioni per individuare ciò che causa la non reclamazione della produzione interna di olive di Kalamata.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti