Arabia Saudita per costruire il più grande uliveto dell'Asia

NADEC, il più grande produttore di olio d'oliva ecologico dell'Arabia Saudita e del Medio Oriente, costruirà il più grande frantoio in Asia per aumentare la sua produzione.

Foto per gentile concessione di B Alotaby
Marzo 27, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Foto per gentile concessione di B Alotaby

Notizie recenti

La spagnola Grupo GEA e la National Agricultural Development Company (NADEC), il più grande produttore di olio d'oliva ecologico in Arabia Saudita e il Medio Oriente, hanno firmato un accordo per costruire il più grande frantoio dell'Asia.

Il frantoio sarà situato nella provincia di Al-Jouf, che si trova nel nord del paese ed è nelle immediate vicinanze di dove NADEC sta piantando cinque milioni di ulivi su 7,400 acri.

La maggior parte degli ulivi piantati sarà Picual, in quello che dovrebbe essere il più grande oliveto del mondo, caratterizzato da una coltivazione super intensiva con moderni sistemi di irrigazione a goccia.

Vedi anche: Africa e Medio Oriente

Il frantoio all'avanguardia, che dovrebbe essere operativo tra sei mesi, è un progetto chiavi in ​​mano con un costo che supera i 3 milioni di euro (3.41 milioni di dollari).

Il progetto rappresenta una nuova tappa nel rapporto tra NADEC e GEA, che nel 2016 ha completato la prima fase di questo progetto. Con la seconda fase, GEA fornirà un frantoio che offre una soluzione integrata che comprende ingegneria civile e di automazione, lavorazione, formazione e le attrezzature industriali richieste.

Le linee di lavorazione sono state costruite per rispondere a diverse esigenze, a seconda delle tradizioni nazionali e delle dimensioni del raccolto. Questi fattori determineranno il tipo di metodi di produzione scelti.

GEA fornisce linee di lavorazione complete, dall'aspirazione e pulizia delle olive alla molitura, alla gramolatura (continua o discontinua), alla separazione e alla decantazione. Una volta ottenuto l'olio le linee di lavorazione possono trattare anche il trattamento della sansa oltre che dell'acqua. Gli impianti su misura sono stati progettati anche per ottenere la massima resa e qualità possibile, riducendo al minimo il consumo di acqua.

Il mulino sarà costruito dentro Úbeda, Andalusia, e poi trasportato in Arabia Saudita. Il progetto di GEA riunirà le competenze di diversi produttori di macchinari spagnoli per creare la soluzione integrata che distingue questo progetto chiavi in ​​mano da altri stabilimenti della regione.

L'Arabia Saudita ha iniziato a piantare alberi di ulivo nel 2007 ad Al-Jouf per fornire il proprio consumo interno. Secondo l'esperto di olive, Juan Vilar, nel 2018 l'Arabia Saudita aveva piantato quasi 52,000 acri di uliveti.

Le aree desertiche dividono gli uliveti, situati a nord ea sud dell'Arabia Saudita, dove gli ulivi sono gestiti con grande rispetto a causa del loro valore spirituale nell'Islam. La maggior parte dell'Arabia Saudita ha un clima desertico con precipitazioni estremamente basse e differenze di temperatura estreme tra il giorno e la notte.

Al-Jouf è considerata la località olivicola del regno, con un ricco patrimonio culturale e un ambiente naturale diversificato che la rende una delle principali destinazioni turistiche dell'Arabia Saudita.

L'Arabia Saudita ospita tre dei più grandi uliveti moderni del mondo in termini di densità, dimensione e tecniche di coltivazione. La coltivazione nel paese è completamente meccanizzata. Quasi l'80% dell'olivicoltura del Regno è orientata alla produzione di olio d'oliva e il restante 20% alle olive da tavola.

La costruzione di questo frantoio è una nuova tappa in un rapporto di lavoro tra Spagna e Arabia Saudita verso il consolidamento delle industrie olivicole e olearie di quest'ultima. L'Università di Al-Jouf e l'Università di Jaén stanno collaborando su temi di ricerca relativi al settore olivicolo per migliorare la capacità di produzione.

Un totale di 21 progetti di ricerca sono previsti come parte di questo accordo responsabile della creazione di un Centro avanzato per gli studi sull'olivo e sull'olio d'oliva e il trasferimento di tecnologia e conoscenza tecnica.





Related News

Feedback / suggerimenti