Affari

Costruire una destinazione per l'olio d'oliva a Úbeda

Il museo dell'olio d'oliva di Úbeda crea un'esperienza interattiva in cui i visitatori possono conoscere la storia del raccolto, il processo di produzione e degustare vari oli locali in un unico posto.

Foto di Hannah Howard.
Gennaio 14, 2019
Di Hannah Howard
Foto di Hannah Howard.

Notizie recenti

Quando i visitatori entrano nel Centro de Interpretación Olivar y Aceite - il Centro di interpretazione delle olive e dell'olio - entrano in quello che a prima vista sembra essere solo un negozio.

Tuttavia, questo non è un negozio di articoli da regalo del museo. Situato a Úbeda, una piccola città storica di Jaén, è una sorta di tempio dell'olio d'oliva.

Ci sono davvero infinite possibilità.- Chef Javier Blasque, a cucinare con olio d'oliva

Al Centro di interpretazione sono disponibili decine di oli d'oliva locali, da Picual a Hojinlanca ad Arbequina, presentati in bottiglie con fogli rosa, scene di uccelli o disegni astratti. Ci sono cosmetici e lozioni all'olio d'oliva, barrette di cioccolato fatte con olio d'oliva e libri di cucina che caratterizzano la linfa vitale della regione: l'olio d'oliva.

Guarda anche: Cucinare con olio d'oliva

Negli ultimi cinque anni, questo spazio multifunzionale è stato un hub per il settore dell'olio d'oliva di Jaén, dove offre seminari di degustazione, lezioni di cucina e dimostrazioni e corsi di formazione professionale sulla Corredera de San Fernando, a pochi minuti a piedi dal Parador, un sedicesimo -century Palace moresco al centro di Úbeda.

Il museo è gestito dall'Associazione Olivar y Aceite, un'organizzazione no profit il cui obiettivo è la promozione dell'olio d'oliva di Jaén. È ospitato in un frantoio costruito negli anni '1930.

pubblicità

Ha senso che i visitatori della zona vorranno conoscere l'olio d'oliva. Il "oro liquido "domina il paesaggio, l'economia e la regione cultura. Sia che entrino in treno o in auto, ogni visitatore noterà ulivi distesi davanti a loro per miglia, piantati in file diritte, con foglie argentee che riflettono la luce del sole. Gli uliveti coprono dolci colline che si trasformano in montagne.

Più di 220 milioni di ulivi prosperano a Jaén, la più grande superficie coltivata del mondo. La Spagna è il re di produzione di olio d'olivae la regione produce oltre il 40% dell'olio d'oliva spagnolo e un quinto dell'olio d'oliva in tutto il mondo.

I visitatori possono fare un tour che mette in mostra quasi ogni aspetto dell'olio d'oliva. Una guida inizierà con gli stessi uliveti - gli ulivi crescono nel giardino del museo - fino al processo di produzione dell'olio d'oliva.

I visitatori vedranno mulini storici e moderni, insieme a foto e video che esplorano la storia dell'olio d'oliva nella regione. Impareranno a conoscere il suo posto nel cuore della gastronomia locale e i suoi numerosi e potenti benefici per la salute. Assaggeranno anche diversi oli e avranno un corso intensivo analisi sensoriale oltre a rilevare attributi e difetti.

Al Centro di interpretazione, c'è davvero qualcosa per tutti. I visitatori possono intraprendere un tour degli uliveti vicini. Vengono offerti seminari per bambini di tutte le età. Degustazioni e corsi di formazione sono tenuti per principianti, esperti e professionisti. Il Centro ospita eventi sia per i turisti che per la comunità locale.

Offrono anche "Oleoturismo"Pacchetti in cui i visitatori possono vedere mulini, produttori e ristoranti in tutta la regione. Più di 25 vengono tenute diverse lezioni di olio d'oliva ogni anno e il club di degustazione riunisce dilettanti e professionisti per assaggiare attraverso oli locali.

Un punto culminante indiscusso di una visita al Centro di interpretazione è al piano di sotto, dove il Centro ospita ciò che chiamano "show cooking. ”È la fine del viaggio per l'olio d'oliva, e i visitatori possono guardare gli chef locali cucinare creazioni tradizionali e moderne, e quindi gustare i sapori che ne derivano.

L'olio d'oliva è protagonista nei piatti per eccellenza della regione, come ad esempio cochifrito, succulenta carne di maiale fritta in aglio e olio d'oliva, ricco stufato di agnello e coda di toro, coda di toro brasata con olio d'oliva e vino rosso.

quando Olive Oil Times visitato a novembre, lo chef Javier Blasque ha servito il foie gras con cioccolato bianco e plumcake. Il piatto veniva servito con una siringa di Picual, il cui sapore speziato e brillante tagliava magnificamente la ricchezza. Una mousse di funghi selvatici ha ottenuto un calcio dall'olio di oliva Arbequina e un dolce scricchiolio dai semi di melograno.

Per dessert, Blasque ha creato un'emulsione di burro di cacao al 30% e olio extra vergine di oliva Arbequina al 70%, che ha usato per preparare sia budino di riso che una soffice torta all'olio d'oliva.

"Ci sono davvero infinite possibilità ”, ha detto Blasque mentre distribuiva piccole fette della sua torta ancora calda.


Related News