La Spagna supera l'Italia come principale esportatore di olio di oliva negli Stati Uniti

Dopo un duro lavoro, le esportazioni spagnole di olio d'oliva negli Stati Uniti hanno superato le esportazioni italiane per il primo semestre. Ma è troppo presto per chiamarlo una tendenza in corso.

Settembre 22, 2016
Di Alexis Kerner

Notizie recenti

Chiedi a uno spagnolo dell'olio d'oliva negli Stati Uniti e ti diranno subito che l'olio d'oliva italiano sugli scaffali statunitensi potrebbe essere spagnolo poiché gran parte del loro prodotto viene venduto agli italiani e imbottigliato con etichette italiane. Ti diranno anche come ammirano gli italiani per le loro capacità di marketing e credono che la Spagna debba imparare da loro.

È stata una specie di spina nel fianco. La Spagna è il primo produttore mondiale di olio d'oliva ed esporta l'Italia a livello globale. Tuttavia, fino ad ora non sono stati in grado di superare i loro rivali negli Stati Uniti.

Questa settimana, The Economist ha annunciato che la Spagna ha finalmente raggiunto questo obiettivo elevato, una volta apparentemente impossibile. Secondo il rapporto, gli Stati Uniti hanno importato tonnellate 69,608 di olio d'oliva spagnolo durante il primo semestre - 56.7 percento in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e superando il totale italiano di tonnellate 65,838.
Vedi anche: I migliori oli d'oliva spagnoli
Gli Stati Uniti sono un mercato venerato. Tutti i seminari spagnoli su come esportare l'olio d'oliva sono pronti a notare la continua crescita del mercato statunitense e il suo grande potenziale. I dati supportano l'affermazione. Consumo negli Stati Uniti è aumentata del 250% negli ultimi 25 anni. E, secondo un'analisi WorldCity dei dati dell'Ufficio censimento degli Stati Uniti, le importazioni statunitensi di olio d'oliva sono aumentate dell'8% durante i primi sette mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Le presentazioni di marketing spagnole sottolineano che la produzione statunitense non sarà mai in grado di coprire le esigenze dei consumatori del paese per il prodotto. Ciò è supportato dai dati IOC che stimano circa il 96 percento dell'olio d'oliva consumato negli Stati Uniti.

Riconoscendo le prospettive, il Interprofesional del Aceite de Oliva Español ha condotto strategie di marketing mirate per 7 anni negli Stati Uniti. Il presidente dell'organizzazione, Pedro Barato, ha detto a El Economista, "Il nostro obiettivo è che gli Stati Uniti continuino a crescere e speriamo che tra quattro o cinque anni diventerà il nostro mercato più importante ”.

L'organizzazione ha utilizzato carrelli di degustazione di olio d'oliva in giro per città internazionali, creato pubblicità televisive originali e un ampio inglese sito web con ricette che vanno dai piatti di carne ai dolci. Ora fanno il famoso tennista Rafael Nadal nella loro corte.

I guadagni positivi per il semestre dovrebbero essere celebrati, tuttavia la Spagna non dovrebbe ancora definirla una vittoria. È troppo presto per dire se si tratterà di un trend in corso di dominio del mercato o se si tratta solo di un periodo forte.

Molti produttori più piccoli ribadirebbero che questi numeri non mostrano l'aumento delle loro vendite di olio extra vergine di oliva e che i prezzi per il valore dei loro prodotti rimangono ancora bassi rispetto alle loro controparti italiane.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti