Gli oli di oliva spagnoli danno il via alla campagna promozionale a New York

Con lo slogan "Facciamo un mondo più semplice", la campagna si concentrerà sui benefici gastronomici e salutistici dell'olio d'oliva.

Giu. 23, 2018
Di Jacqueline Parisi

Notizie recenti

I Olio d'oliva spagnolo interprofessionale associazione di categoria, con il sostegno finanziario dell'Unione europea questo mese ha lanciato una campagna triennale multicanale per promuovere l'olio d'oliva come parte integrante del Dieta mediterranea (MedDiet).

Nei prossimi tre anni diffonderemo i valori culinari, nutrizionali e salutari di un prodotto alimentare che ha avuto origine nel Mediterraneo e che da tempo sta conquistando il mondo.- Pedro Barato, Interprofesional Del Aceite De Oliva Español

Sotto lo slogan "Facciamo un mondo più gustoso ", la campagna si concentrerà principalmente sui benefici gastronomici e per la salute di "oro liquido. ”Sarà effettuato nelle principali città degli Stati Uniti continentali - vale a dire Miami, San Francisco, Chicago, Los Angeles e New York - oltre ad estendersi in Asia e in altri paesi d'Europa.

"Questa è una delle iniziative promozionali più significative intraprese nel settore dell'olio d'oliva in tutto il mondo ", ha affermato Pedro Barato, presidente dell'interprofessionale spagnolo dell'olio d'oliva, in un evento promozionale presso l'Istituto Cervantes di New York City. "Nei prossimi tre anni diffonderemo i valori culinari, nutrizionali e salutari di un prodotto alimentare che ha avuto origine nel Mediterraneo e che da tempo sta conquistando il mondo ".

La campagna si estenderà attraverso terra, mare e aria attraverso il "Olive Oil Lounge. ”Con degustazioni espresse, informazioni educative, attività a misura di bambino e hotspot WiFi, i viaggiatori che passano per aeroporti, stazioni ferroviarie e porti marittimi avranno accesso unico a una delle esportazioni più orgogliose della Spagna.

Il contenuto si concentrerà sulle principali varietà di olio d'oliva spagnolo (Picual, Hojiblanca, Arbequina e Cornicabra), nonché sugli standard di qualità dettati dall'UE in merito a sicurezza, misure sanitarie, etichettatura e linee guida nutrizionali.

"Quando è giunto il momento per noi di considerare la filosofia di questa campagna, abbiamo fatto un'analisi approfondita di chi questo dovrebbe raggiungere e come arrivare a quella persona ", ha spiegato Barato, "e siamo giunti alla conclusione che le persone che viaggiano hanno una speciale consapevolezza di provare nuove esperienze, anche nella loro cucina. Questo è il motivo per cui abbiamo concentrato la nostra strategia sui centri di questo paese con un'elevata concentrazione di viaggiatori ".

Gli Stati Uniti sono diventati il ​​secondo cliente più grande della Spagna nel 2017, rappresentando oltre l'11% delle esportazioni del paese. E su scala globale, gli Stati Uniti sono al terzo posto per consumo con poco più di 300,000 tonnellate all'anno. Tuttavia, come ha spiegato Barato, i consumi sono molto concentrati sulle coste est e ovest con un vasto territorio ancora da conquistare.

"Il consumo pro capite in questo paese non raggiunge nemmeno 1 chilo a persona all'anno, rispetto ai 13 che vengono consumati in Spagna ", ha detto." Questa è una grande sfida per noi ".

Attualmente, la Spagna produce la metà dell'olio d'oliva nel mondo, con oltre sei milioni di acri di uliveti e 340 milioni di ulivi. Il paese vanta anche più di 200 tipi di olive, ciascuna con un caratteristico profilo aromatico e gustativo adatto a diversi prodotti alimentari. La speranza è che, poiché la campagna aumenta la frequenza di utilizzo dell'olio d'oliva, la Spagna diventi sinonimo del prodotto.

Ma per avere un impatto considerevole in Nord America, i membri dell'interprofessionale spagnolo dell'olio d'oliva sapevano che doveva esserci una duplice attenzione al sapore e alla nutrizione, citando il desiderio dei nordamericani di mangiare in modo più sano senza sacrificare i piaceri gastronomici. Per fare ciò, hanno invitato lo chef, autore di libri di cucina ed esperto di benessere Seamus Mullen a partecipare alla campagna.

Mullen, che trascorse anni formativi vivendo e cucinando in Spagna, si rivolse al MedDiet di fronte a ciò che i medici gli avevano ripetutamente detto "incurabile ”malattia autoimmune. Con una rinnovata enfasi su grassi sani, verdure e cereali integrali, Mullen è stato in grado di invertire lentamente tutti i marcatori biologici della malattia e ha lodato l'olio d'oliva come "la colla che scorre attraverso tutto il cibo che cucino. "

"C'è una ragione per cui il sottotitolo di [il mio libro] 'Real Food Heals 'è 'mangiare per sentirsi più giovani e più forti ogni giorno, "poiché cambiare il modo in cui cucinavo mi ha salvato la vita", ha detto Mullen. "Ci auguriamo che aiuterai a spargere la voce su come puoi goderti una vita più felice e più sana incorporando l'olio d'oliva nei tuoi programmi alimentari ".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti