L'ingorgo al quarto porto più grande del mondo interrompe il flusso commerciale

Gli esperti di spedizione prevedono che l'interruzione della catena di approvvigionamento globale causata dalla recente chiusura del porto di Yantian, in Cina, durerà per mesi.
Giu. 13, 2021
Lisa Anderson

Notizie recenti

La piena riapertura del principale porto di Yantian, in Cina, il 24 giugno è un freddo conforto per la catena di approvvigionamento globale, con alcuni che prevedono che gli effetti collaterali potrebbero durare fino al prossimo anno.

Nuovi dati diffusi il 5 luglio dal Indicatore commerciale di Kiel, che analizza il flusso degli scambi tra 75 paesi, ha riportato: "quasi il cinque percento di tutte le capacità delle navi portacontainer" sono in questo momento "bloccato dagli ingorghi” a Yantian. Questo era "più che nella prima ondata [della Pandemia di covid-19]”, è stato inoltre osservato.

Con un porto aperto, ora devi affrontare tutta la forza del normale flusso di merci, e quindi l'arretrato su di esso. A questo proposito, mi aspetto che la piena normalizzazione richieda un paio di mesi.- Lars Jensen, CEO, Vespucci Maritime

L'interruzione allo Yantian International Container Terminal, il quarto porto per container più grande del mondo, è iniziata con una chiusura parziale alla fine di maggio. Ciò è avvenuto quando cinque lavoratori del porto sono risultati positivi al Covid-19 durante un focolaio nella provincia.

A causa della portata dell'epidemia nella provincia del Guangdong e della sua vulnerabilità come importante punto di ingresso per visitatori e merci, il porto è stato completamente riaperto solo un mese dopo.

Vedi anche: Notizie commerciali

"Con un porto aperto, ora devi affrontare tutta la forza del normale flusso di merci, e poi l'arretrato su di esso", ha affermato Lars Jensen, CEO della compagnia di navigazione danese Vespucci Maritime. "A questo proposito, mi aspetto che la piena normalizzazione richieda un paio di mesi".

"C'è anche una carenza di capacità sulle navi al di fuori dell'Asia", ha aggiunto Jensen. "Ciò significa che prendere carico extra per gestire l'arretrato da Yantian porterà a una riduzione della capacità disponibile da altri porti in Asia, e quindi il problema si farà sentire in tutto il mercato nelle prossime settimane. Realisticamente, l'impatto potrebbe essere avvertito fino al 2022".

A sole due settimane dalla chiusura del porto, Jensen ha notato che la chiusura ha interrotto più container di quelli colpiti dal blocco del Canale di Suez alla fine di marzo.

All'epoca, spiegò Jensen durante i primi 14 giorni dell'interruzione yantian, il porto non era in grado di gestire 357,000 unità equivalenti a 20 piedi (TEU).

D'altra parte, il blocco del Canale di Suez avrebbe perturbato 330,000 teu se fosse continuato per lo stesso periodo. Inoltre, la chiusura di Yantian è durata due settimane in più rispetto al blocco del Canale di Suez.

Quando ha pubblicato queste cifre, Jensen ha affermato che la condivisione di queste cifre dimostra che gli spedizionieri non dovrebbero ignorare l'entità degli effetti a catena previsti.

Soppesando la questione, il senior manager della ricerca sui container presso la Drewry Shipping Consultants di Londra, ha affermato Simon Heany "la situazione a Yantian si è esacerbata interruzione esistente della catena di approvvigionamento globale, causando ulteriori colli di bottiglia nei porti e nei terminal vicini”.

"Ciò ha ritardato il tanto necessario miglioramento della produttività portuale necessario per gestire l'aumento del traffico di container visto dalla seconda metà del 2020", ha aggiunto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti