Le esportazioni tunisine verso l'UE cadono nonostante l'aumento delle quote esenti da dazio

I contingenti di importazione supplementari esenti da dazi concessi dall'UE in 2016 non hanno comportato un aumento delle esportazioni di olio di oliva tunisino verso l'UE.

Può. 26, 2017
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Secondo l'Osservatorio economico tunisino (un'organizzazione indipendente di ricercatori, analisti e attivisti), la Tunisia non è stata in grado di beneficiare delle quote di importazione esenti da dazi doganali concesse dall'UE a 2016.

In aprile 21, 2017, l'Osservatorio ha pubblicato un articolo, Esportazione di olio di oliva tunisino: la realtà del sostegno dell'UE, sul suo sito web, sottolineando il fatto che il sostegno dell'UE proposto non si è concretizzato in modo concreto.

Suggerisce che la proposta, adottata durante il primo round dei negoziati UE-Tunisia sull'area di libero scambio globale e approfondita (DCFTA), non fosse altro che un'offensiva di fascino piuttosto che una vera dimostrazione di sostegno per l'industria dell'olio d'oliva tunisina.

Ad aprile 2016, il Approvato dal Parlamento europeo un contingente tariffario a dazio zero temporaneo di 35,000 tonnellate all'anno (per un totale di 70,000 tonnellate per il 2016 e il 2017) per le importazioni di olio d'oliva nell'UE dalla Tunisia, nel tentativo di contribuire a rafforzare l'economia tunisina dopo il 2015 attacco terroristico. Ciò si è aggiunto alle tonnellate 56,700 già assegnate alla Tunisia in esenzione dai dazi, per un totale annuo di tonnellate 91,700. La proposta legislativa è stata adottata dalla Commissione europea in settembre 17, 2016.

Secondo Cifre della Commissione europea, nel 2015 la Tunisia ha esaurito la totalità della sua quota massima esente da dazi in quel momento - 56,700 tonnellate, che rappresentavano il 27% delle sue esportazioni totali nell'UE quell'anno. Questo è stato un anno di raccolto eccezionale per la Tunisia: ha esportato un totale di 304,000 tonnellate in tutto il mondo (secondo i dati rilasciati dal Consiglio oleicolo internazionale) ed è diventato il più grande esportatore mondiale di olio d'oliva quell'anno.

A gennaio 2016 Tunisia ha esportato la sua quota massima in franchigia doganale di 56,700 tonnellate verso l'UE, dopo di che le esportazioni sono state interrotte prima di riprendere a maggio, quando era applicabile la quota supplementare recentemente approvata. Nonostante ciò, l'UE ha importato solo tonnellate supplementari 10,351 da maggio a dicembre 2016, che rappresenta solo il 30 percento della quota aggiuntiva. Ciò significa che la Tunisia non è stata in grado di beneficiare dell'ulteriore spinta del sostegno promesso dall'UE.

Iniziale cifre per il 2017 indicano che finora fino a fine maggio solo 37,154 tonnellate di olio d'oliva tunisino sono state esportate nell'UE. Tuttavia, cifre recenti rilasciato dall'Ufficio nazionale per il petrolio tunisino, rivela un calo della produzione del 28.5% e un successivo calo delle esportazioni del 25% rispetto allo scorso anno.

L'aumento di 2016 delle quote esenti da dazi per la Tunisia ha avuto incontrato opposizione in alcuni paesi europei e in particolare con le organizzazioni di agricoltori in Italia che temevano le conseguenze dell'inondazione di petrolio a basso costo nel loro mercato.



Related News

Feedback / suggerimenti