L'olio d'oliva degli Stati Uniti importa sul ritmo record

Gli Stati Uniti hanno importato tonnellate di olio di oliva 306,844 durante i primi 11 mesi della stagione del raccolto 2015 / 2016 e, per la prima volta, la maggior parte proveniva dalla Spagna che dall'Italia.

Ottobre 31, 2016
By Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Gli Stati Uniti sono sulla buona strada per importare una quantità record di olio d'oliva quest'anno, secondo figure pubblicato oggi dal Consiglio oleicolo internazionale (IOC).

Per i primi 11 mesi del raccolto 2015 / 16, gli Stati Uniti hanno importato tonnellate di olio d'oliva 306,844 e, per la prima volta, la maggior parte proveniva dalla Spagna che dall'Italia.
Vedi anche: Produzione globale di olio d'oliva, 1990-2015 (CIO)
In effetti, secondo il CIO, le esportazioni spagnole negli Stati Uniti sono aumentate del 43% rispetto allo scorso anno. Una forte stagione del raccolto, prezzi competitivi e sforzi promozionali aggressivi sono tra gli altri fattori che hanno portato ai risultati dominanti per il più grande produttore mondiale di olio d'oliva.

Gli Stati Uniti consumano più del 10 percento della fornitura globale di olio d'oliva con un consumo pro capite che si mantiene intorno a un litro all'anno.

Un altro enorme mercato in cui la Spagna è il fornitore dominante è la Cina, che ha importato 11 per cento in più di olio d'oliva rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Oltre i tre quarti delle importazioni cinesi di olio d'oliva erano vergini.

Dopo un periodo di importazioni in calo, L'Australia ha portato 11 per cento in più di olio d'oliva dall'estero rispetto all'anno precedente, tranne il Brasile, che è stato visto come un in rapida crescita Il mercato del Nuovo Mondo, ha registrato un calo del 4% per il periodo di 11 mesi.



Related News

Feedback / suggerimenti