I "Vaporetti" di Venezia alimentati con biodiesel dall'olio di cottura usato

Per sette mesi, i waterbus di Venezia saranno alimentati con biodiesel rinnovabile prodotto attraverso la conversione dell'olio di cottura vegetale usato.

Una veduta di Venezia da un vaporetto (Foto di Cecilia Tosi)
Aprile 2, 2018
Di Ylenia Granitto
Una veduta di Venezia da un vaporetto (Foto di Cecilia Tosi)

Notizie recenti

Secondo il concetto di economia circolare e seguendo un modello di sviluppo sostenibile, l'olio utilizzato dai veneziani per cucinare e friggere diventerà un biocarburante per le navi del trasporto pubblico operanti nel capoluogo veneto tradizionalmente chiamato vaporetti (può essere tradotto come 'piccolo piroscafo ", e si riferisce al sistema di alimentazione originale di queste navi).

Questa esperienza porterà benefici alla città e fungerà da volano per altre aziende italiane e internazionali come esempio di economia circolare.- Simone Venturini

I vaporetti della flotta Avm / Actv, di solito alimentati da diesel convenzionale, saranno quindi alimentati con il nuovo Eni Diesel + per un periodo sperimentale di sette mesi, da aprile a ottobre 2018.

Il 15 percento di biodiesel rinnovabile sarà prodotto dalla bioraffineria Eni di Porto Marghera, frazione del Comune di Venezia, attraverso la conversione di oli vegetali, compresi gli oli vergini di oliva utilizzati in cucina. Eni ha recentemente trasformato questo impianto, che ora converte materiali di origine biologica, inclusi oli vegetali esausti e grassi animali, in biocarburanti di alta qualità.

Firmato un accordo sul progetto presso il municipio, Ca 'Farsetti, tra il Comune di Venezia, la società di trasporto pubblico Avm, il gruppo Veritas ed Eni, alla presenza dell'assessore allo sviluppo economico Simone Venturini, presidente del comitato di consiglio sull'urbanistica e l'ambiente, Lorenza Lavini, il direttore generale del Gruppo Avm, Giovanni Seno, il direttore della divisione energia e approvvigionamento del gruppo Veritas, Massimo Zanutto e il responsabile della raffinazione e del marketing di Eni, Giuseppe Ricci.

Il patto afferma che Eni fornirà circa 5.1 milioni di chilogrammi di biodiesel per alimentare i motori dei vaporetti Avm attivi nella laguna, allo stesso prezzo del carburante fornito finora. La società Veritas, che raccoglie, valorizza e trasforma i rifiuti e le acque reflue nel territorio veneziano, consegnerà l'olio da fonti domestiche, dopo il trattamento di depurazione, alla bioraffineria Eni.

Veduta di Venezia da un vaporetto (Foto di Cecilia Tosi)

Con l'obiettivo di validare l'impatto positivo dell'utilizzo di Eni Diesel +, sono stati effettuati dei test in collaborazione con l'Istituto per la Ricerca sui Motori del CNR di Napoli. Test di laboratorio hanno già evidenziato una riduzione delle emissioni inquinanti, in particolare degli ossidi di azoto, nonché delle particelle ultrafini, oltre a minori consumi. Ulteriori test sulle emissioni e sui consumi dei motori marini saranno effettuati durante la fase di sperimentazione a Venezia.

"È un momento di orgoglio per la nostra città ”, ha detto Simone Venturini. "Grazie a questo accordo, dimostriamo il nostro impegno per l'ambiente, l'occupazione e l'economia locale. Questa esperienza porterà benefici alla città e fungerà da volano per altre aziende italiane e internazionali come esempio di economia circolare ”, ha affermato l'assessore.

"La raffineria di Porto Marghera è tra le prime al mondo a coniugare sostenibilità ambientale, sociale ed economica ”, ha dichiarato Giuseppe Ricci di Eni. "Abbiamo aggiunto un nuovo tassello al puzzle della trasformazione di questo dinamico sito produttivo, che mira a creare una cultura del riutilizzo degli oli vegetali tra le persone ".

Inoltre, in base ad una precedente convenzione, il Consorzio nazionale per la raccolta e il trattamento degli oli e grassi vegetali e animali di scarto, Conoe, si impegna ad invitare tutte le aziende di rigenerazione aderenti al consorzio a fornire a Eni l'olio esausto raccolto, che verrà trasformati nella bioraffineria. Eni garantirà l'acquisto dell'olio usato prodotto e disponibile sul mercato nazionale, che nel 65,000 ammontava a circa 2016 tonnellate.

Il Conoe stima che ciò comporterà un potenziale risparmio di 3,130 kg di CO2 equivalente per tonnellata di biodiesel prodotta e consumata come combustibile, mentre l'acqua risparmiata è pari a 1.9 per tonnellata di biodiesel prodotta con oli usati.

L'accordo prevede inoltre azioni congiunte per incoraggiare la raccolta di volumi incrementali di oli usati prodotti dagli utenti domestici, che ora è quasi interamente dispersa, attraverso accordi con le pubbliche amministrazioni locali e le società di raccolta dei rifiuti pubblici.





Related News

Feedback / suggerimenti