` Dove la domanda di olio d'oliva è Waxing and Waning

Affari

Dove la domanda di olio d'oliva è Waxing and Waning

Può. 7, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

Lo spettacolare aumento della domanda di olio d'oliva nei mercati sviluppati ed emergenti oltre il Mediterraneo durerà almeno i prossimi cinque anni, in gran parte guidato da interessi sanitari, afferma un rapporto Rabobank.

L'unità di ricerca alimentare e agro-alimentare della banca vede opportunità di espansione del mercato per grandi marchi globali e anche per leader di costo che toccano la crescita del marchio del distributore e stabiliscono accordi di distribuzione in Cina.

Ma tutti hanno bisogno di catene di approvvigionamento più integrate, per adattare i loro modelli di business per adattarsi ai diversi mercati e per diversificare e rafforzare il loro approvvigionamento a causa della crescente volatilità dei prezzi.

I principali attori nelle vendite globali di olio d'oliva

pubblicità

In "Globalizzazione della domanda di olio d'oliva ”, Rabobank ha suddiviso il mercato al dettaglio in tre gruppi:

- imbottigliatori di marca globale, ad esempio marchi Deoleo / Bertolli, Salov / Berio e Borges;
- leader di costo / fornitori di marchi privati, ad esempio Sovena e Hoijblanca, e paesi come Spagna, Marocco e Tunisia;
- produttori di nicchia di fascia alta.

Chiave di distribuzione per spaccare la Cina

Diceva che i grandi imbottigliatori avrebbero avuto successo "con i marchi A e nei paesi emergenti ”. Ma mentre il mercato non può fare a meno dei marchi A forti, i marchi B non possono eguagliare la loro innovazione e influenza sul mercato e saranno i primi a perdere spazio sugli scaffali.

I grandi marchi europei di olio d'oliva stanno guadagnando terreno nei supermercati premium di Pechino, Shanghai e Guangzhou, ma i canali di distribuzione cinesi sono frammentati e i consumatori non hanno fedeltà al marchio. L'accesso alla distribuzione è fondamentale se i giocatori di marca straniera devono raggiungere più persone.

Responsabili dei costi / fornitori di marchi privati

La Cina, dove diverse importanti aziende statali hanno aumentato le loro importazioni di olio di oliva sfuso per mescolarsi in nuove miscele a marchio proprio, è anche una delle opportunità per i leader di costo (che sfruttano i costi operativi più bassi).

"I responsabili dei costi dovrebbero prendere in considerazione la collaborazione con marchi locali che dispongono di capacità di distribuzione esistenti ", ha affermato Rabobank.

Ma per coloro che godono di grandi economie di scala, la fornitura di prodotti a marchio del distributore (PL) (come negozio o oli di oliva con marchio proprio) offre le più promettenti.

Si prevede che la quota di PL nel settore alimentare complessivo raddoppierà al 50% entro il 2025 e nel Regno Unito è già vicina a quella per l'olio d'oliva. Tuttavia, negli Stati Uniti e in Italia rappresenta solo il 25 e il 20 percento, realizzando un "prospettiva interessante. "

Mercato di nicchia diversificato e forte nella fascia alta

Gli operatori di nicchia fanno già bene nel mercato di fascia alta con oli di oliva differenziati per essere extra vergini, da una denominazione di origine protetta (DOP) dell'Unione europea, aromatizzati e così via.

pubblicità

"Tutti questi prodotti stanno registrando una crescita molto elevata, in particolare nei paesi sviluppati e nei mercati tradizionali ", ha affermato Rabobank.

Crescita globale più rapida nei mercati emergenti

Il mercato globale ha registrato un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 3 percento da 2008 a 2012, ma il tasso nei mercati emergenti e sviluppati è stato descritto come spettacolare.

I mercati sviluppati - di cui gli Stati Uniti e poi il Giappone sono i più grandi - sono cresciuti con un CAGR del 4 percento e dovrebbero ripetere l'impresa nei prossimi cinque anni, principalmente grazie ai benefici per la salute dell'olio d'oliva.

Vent'anni fa rappresentavano un decimo del consumo mondiale e ora ne divorano un quarto.

E sono anche i più importanti in termini di valore, rappresentando il 41 percento del mercato globale.

Sebbene siano partiti da una base inferiore, i mercati emergenti - tra cui Brasile, Russia, India e Cina - si sono espansi tre volte più rapidamente. Hanno registrato un CAGR del 13 percento negli ultimi cinque anni e Rabobank prevede una crescita simile a doppia cifra per continuare nei prossimi cinque anni.

I paesi della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) hanno un consumo pro capite inferiore ma assorbono il 19% dell'olio d'oliva venduto.

E attraverso il mare, il nord del Mediterraneo ha ancora il tasso di consumo più alto del mondo ma un mercato molto maturo e stagnante. Rabobank prevede che le vendite al dettaglio diminuiranno leggermente in Grecia e aumenteranno di poco in Italia e Spagna.

Produzione

La Spagna rappresenta il 45 percento e la regione mediterranea il 97 percento della produzione mondiale di olio d'oliva. Si dice che la Spagna abbia un potenziale a lungo termine di 1.8 milioni di tonnellate all'anno, ma attualmente in media 1.3 milioni.

La produzione greca e italiana è diminuita dal 2002 e mentre l'Italia ha acquisito "una notevole reputazione nel mercato delle esportazioni grazie a marchi storici ", non è ancora autosufficiente. "L'olivicoltura italiana rimane molto frammentata e caratterizzata da una mancanza di collaborazione che ostacola la crescita ", ha affermato Rabobank.

Tra i paesi MENA, Marocco e Tunisia sono stati individuati come dotati di un elevato potenziale di ulteriore crescita.

Classificazione dell'olio d'oliva

Con una preoccupazione del genere recentemente trasmesso da Deoleo, Rabobank ha affermato che le attuali categorie del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) per l'olio d'oliva sono legate al processo di produzione e mancavano molti consumatori "la raffinata sensibilità del palato necessaria per apprezzare i diversi tipi di olio d'oliva ".

"Le classificazioni del CIO potrebbero non essere l'unico fattore adatto a favorire lo sviluppo del mercato ", ha affermato.



Related News