`Come il cibo italiano è diventato americano come la torta di mele - Olive Oil Times

Come il cibo italiano è diventato americano come la torta di mele

Aprile 25, 2011
Laura Rose

Notizie recenti

Nel suo nuovo libro, "In che modo il cibo italiano ha conquistato il mondo, ”John F. Mariani, corrispondente per cibo e vino Scudiero rivista, traccia l'ascesa di una cucina attraverso la sua metamorfosi intercontinentale da piatti contadini di provincia a diventare l'ambasciatore commestibile di una diaspora che domina sia la fascia alta che quella bassa del mangiare fuori. Sebbene il titolo di Mariani indichi una prospettiva globale, il focus unico del libro è il cibo italiano in America, e in particolare, come è diventato cibo italo-americano, una specie separata che rappresenta ancora l'Italia e la cultura italiana nel mondo.

L'America ha una cultura e una cucina plasmate in gran parte dai suoi immigrati, e l'enorme ondata di 5 milioni di italiani che arrivarono tra il 1880 e il 1910 portò con sé idee sul cibo che avrebbero completamente rimodellato il panorama gastronomico americano. Più dell'80 per cento di questi immigrati proveniva dal sud Italia povero e rurale, da luoghi come la Sicilia e la Campagna dove conoscevano poco i ristoranti ma avevano una tradizione di piatti semplici e sostanziosi che cercavano di mantenere nel loro paese di adozione con il ingredienti irrisori che erano a loro disposizione.

Dal 1860, quando l'idea dei ristoranti divenne popolare in Francia, e per 100 anni dopo, la cucina francese definì il mangiare fuori. Era complicato e richiedeva tempo, un sofisticato mondo di raffineria che dava forma alle idee delle persone su cosa significasse mangiare fuori. In questo contesto, le piccole pizzerie e le trattorie che servono piatti italiani di pochi semplici ingredienti erano considerate mero cibo contadino, il cibo dei poveri immigrati.

Dopo la seconda guerra mondiale, la cucina italiana iniziò a farsi strada nella cucina americana, attraverso prodotti come le onnipresenti paste in scatola dello Chef Boyardee, e attraverso la crescente popolarità dei ristoranti italiani grazie ai viaggiatori americani che tornavano dall'Italia. Per decenni, però, i veri ingredienti italiani non erano ancora disponibili negli Stati Uniti. Fino agli anni '1980, ad esempio, era impossibile ottenere olio extravergine di oliva in America.

Quindi, il Consiglio internazionale dell'olio d'oliva ha iniziato a sponsorizzare e promuovere la ricerca sui sani "Dieta mediterranea." Questo ha coinciso con il movimento Slow Food emergente da Torino, che ha enfatizzato l'approccio artigianale in stile europeo alla lavorazione dei prodotti alimentari. Infine, olio d'oliva fu distribuito negli Stati Uniti e il cibo italiano divenne più autentico, qualcosa che, come dice Mariani, è riconoscibile dagli stessi italiani come cucina propria.

Ora, le distinzioni regionali e micro-regionali nella cucina italiana sono ben note agli americani e l'olio d'oliva è disponibile in ogni supermercato. L'idea di cibo italiano semplice e autentico, preparato con ingredienti della massima integrità, è diventata il nuovo standard del mangiare fuori in America, così diffuso che è difficile immaginare che ci fosse un tempo, non molto tempo fa, in cui le riviste popolari avevano per spiegare come si mangia una pizza.

Clicca qui per comprare il libro da Amazon.

Related News

Feedback / suggerimenti