` Olio d'oliva e cardiologia interventistica - Olive Oil Times

Cardiologia interventistica e olio d'oliva

Dicembre 7, 2010
Dr. Antonis Pothoulakis

Notizie recenti

Cosa c'entra un cardiologo interventista con l'olio d'oliva?

È più probabile che il solito giorno di un cardiologo interventista nel laboratorio cattolico includa casi di malattia coronarica, sia nella sua forma acuta ("sindromi coronariche acute", cioè attacchi cardiaci o angina instabile) sia nella sua forma cronica (stabile cronica angina). Il cardiologo interventista utilizza procedure percutanee, come angioplastiche e stent a palloncino, insieme a una serie di farmaci per aprire le arterie coronarie ostruite. In nessun caso si usa l'olio d'oliva!

Allora qual è il collegamento dell'olio d'oliva? La storia delle arterie cardiache malate inizia alcuni decenni prima che il cardiologo interventista sia chiamato a eseguire qualsiasi procedura. Ciò che inizia la malattia dell'arteria è di solito il fumo o un metabolismo anormale. È il metabolismo anormale che porta alle malattie cardiache che può essere significativamente influenzato dall'olio d'oliva.

L'olio d'oliva può ridurre il rischio di infarti e ictus.- Antonis Pothoulaki

Negli anni Trenta e Quaranta molti di noi, esposti allo stile di vita occidentale (attività fisica limitata, alimenti trasformati e veloci carichi di sale e grassi saturi e trans e snack ad alto indice glicemico come biscotti, dessert, caramelle) presentano placche di colesterolo poco profonde nelle nostre arterie coronarie. La linea del tempo lento di "aterosclerosi "(accumulo di placca di colesterolo nella parete delle arterie) può essere improvvisamente e imprevedibilmente punteggiato da un "crisi "causata da un'instabilità della placca. O a "crack "o "fessura ”si forma sulla sua superficie o su una piccola "bleed ”si svolge all'interno della placca. La placca instabile richiede quindi al sangue che scorre di formare un coagulo nel sito della placca perché il sangue interpreta la situazione della placca instabile come "sanguinamento "e risponde nel modo in cui è programmato: formando un coagulo.

Ciò che è veramente drammatico è la linea temporale della formazione del coagulo ("trombosi"): ci vuole tra uno e quattro minuti affinché un coagulo si formi all'interno dell'arteria e trasformi una placca precedentemente stabile che stava causando un restringimento minimo o nullo del lume dell'arteria per diventare ora 100% occlusivo. Questo interrompe bruscamente il flusso di sangue e il nutrimento del cuore o delle cellule cerebrali che dipendono da quell'arteria. Le cellule, quindi, iniziano a morire velocemente, causando un infarto, un ictus o una morte improvvisa. I principali fattori di rischio sia per lo sviluppo della placca (aterosclerosi) che per l'instabilità della placca con formazione di coaguli (aterotrombosi) sono:

• Fumare
• Sindrome metabolica
• Profilo genetico
• Processo d'invecchiamento

Mentre non possiamo fare nulla per contrastare la nostra eredità o la nostra età, possiamo fare molto per fermare gli altri due "assassini ": fumo e sindrome metabolica. Considerando che l'olio d'oliva (e le altre caratteristiche del cosiddetto "Dieta mediterranea "o "Stile di vita mediterraneo ”) è fortemente connesso con la salute del nostro metabolismo e non ha proprietà per smettere di fumare, per quanto ne so.

La sindrome metabolica è una combinazione di obesità addominale (chiamata anche "obesità viscerale ", "obesità centrale ", "corpo a forma di mela, oppure "pancia di birra ") insieme a colesterolo anormale, metabolismo dello zucchero anormale (pre-diabete o diabete di tipo 2) e ipertensione (" ipertensione "). È uno stile di vita sedentario e una dieta non salutare che portano alla sindrome metabolica. Una dieta non è salutare se contiene:

• Troppe calorie
• Troppo sale
• Grassi malsani (grassi saturi e trans)
• Carboidrati ad alto indice glicemico

Una dieta sana, d'altra parte, insieme a un regolare e adeguato esercizio fisico, aiuta a prevenire o, almeno, attenuare, la sindrome metabolica e l'aterotrombosi (attacchi di cuore e ictus). Una dieta sana non riguarda solo ciò che non deve contenere (le quattro categorie sopra elencate) ma anche ciò che dovrebbe essere incluso ogni giorno:

• Almeno cinque porzioni di frutta e verdura
• Cereali integrali
• Omega-tre PUFA (acidi grassi polinsaturi presenti nel salmone di pesce azzurro, sardine, sgombro)
• MUFA (acidi grassi monoinsaturi presenti in olio d'oliva, olive, avocado, noci, cioccolato fondente)

Tre quarti di olio d'oliva sono costituiti da MUFA (principalmente acido oleico) con il resto quasi equamente diviso tra PUFA e grassi saturi. I MUFA sono molto utili per la nostra salute perché:

• ridurre LDL-the "cattivi livelli di colesterolo nel sangue
· XNUMX€ "spostare "grassi saturi dalla dieta
• contribuire alla sazietà (farci sentire pieni con meno quantità di cibo)
• ritardare l'assorbimento del resto del nostro cibo, prevenendo un rapido assorbimento dei carboidrati ad alto indice glicemico e, quindi, prevenendo i picchi di insulina e la fame prematura
• aumentare l'adiponectina, un ormone che promuove la "brucia ”di grasso corporeo per la produzione di energia
• contengono ulteriori sostanze benefiche (antiossidanti e fitochimici)

In particolare, l'olio d'oliva ha:

• il più alto contenuto di MUFA, rispetto ad altri oli vegetali o noci
• la soglia di ossidazione più alta, quindi quando viene utilizzata nella frittura è meno probabile che qualsiasi altro olio vegetale diventi parzialmente idrogenato (trasformato in "velenosi "grassi trans", e così
• contiene una serie di sostanze fitochimiche antiossidanti come polifenoli (tirosolo), squalene, carotenoidi e vitamina E

L'olio d'oliva non contiene quasi sodio (sale) e contiene circa 9 calorie per grammo.

La sindrome metabolica e l'aterotrombosi (attacchi di cuore, ictus o morte improvvisa) hanno maggiori probabilità di verificarsi quando il nostro equilibrio corporeo viene spostato verso l'infiammazione (proinfiammatoria) e la formazione di coaguli (protrombotica). L'olio d'oliva aiuta a contrastare entrambi gli stati morbosi in virtù dei suoi MUFA e del suo contenuto antiossidante. Inoltre, antiossidanti e oleocantali contrastano l'effetto neurotossico delle proteine ​​ADDL coinvolte nella malattia di Alzheimer. L'olio d'oliva sembra anche avere un effetto anti-invecchiamento e ridurre il rischio di alcuni tumori tra cui carcinoma mammario, pancreatico, gastrico, laringeo e del tratto urinario.

Benefici per la salute dell'olio d'oliva in malattie specifiche

Ipertensione
Una dieta ricca di acidi grassi insaturi riduce la pressione sanguigna rispetto a una dieta ricca di grassi saturi. Tra i grassi insaturi sembra che sia gli acidi grassi monoinsaturi (come quelli contenuti nell'olio d'oliva) sia gli acidi grassi polinsaturi (presenti nei pesci e in altri oli vegetali) abbassino la pressione sanguigna. Una ricerca italiana in pazienti con ipertensione nota ha dimostrato che i consumi di 40 gm di olio d'oliva al giorno riducono la pressione sanguigna di circa il 50% (quasi la metà dei pazienti è stata in grado di ridurre la dose o di interrompere l'assunzione totale dei farmaci per la pressione del sangue). L'effetto benefico dell'olio di oliva (in particolare l'olio extra vergine di oliva) è attribuito principalmente ai suoi polifenoli.

Malattie cardiovascolari (aterosclerosi e aterotrombosi)

Il colesterolo alto LDL contribuisce all'aterosclerosi e all'aterotrombosi, depositando il colesterolo nella parete arteriosa e ostruendo le arterie degli organi vitali (come il cuore, il cervello e i reni). Il colesterolo HDL è il "buono "colesterolo e agisce come uno spazzino, rimuovendo il colesterolo dalle placche nella parete dell'arteria. Ridurre il colesterolo LDL e aumentare il colesterolo HDL ha significativi benefici per la salute e protegge da infarti, ictus e morte improvvisa. Il consumo di circa due cucchiai da tavola di olio d'oliva ha ridotto il LDL (il "cattivo ”colesterolo) e aumentare leggermente l'HDL (il "buono "colesterolo).

Oltre a un effetto preferito sui livelli LDL e HDL, L'olio d'oliva ha altri due benefici che riducono gli infarti e l'ictus:

• Previene l'ossidazione del LDL che lo rende più aterogenico della sua forma non ossidata. Questo effetto benefico dell'olio d'oliva sui lipidi è mediato dai suoi componenti antiossidanti, in particolare polifenoli e vitamina E.

• Riduce le possibilità di "trombosi "(formazione di coaguli) nelle arterie riducendo i fattori che causano la coagulazione (fattore VII del plasma) o inibiscono la scomposizione dei coaguli già formati (inibitore dell'attivazione del plasminogeno)

Diabete di tipo 2 e sindrome metabolica

L'olio d'oliva riduce le complicanze metaboliche del diabete di tipo 2 e della sindrome metabolica. Con i suoi polifenoli e componenti di squalene riduce l'alto livello di attività infiammatoria presente sia nel diabete che nella sindrome metabolica. Pertanto, l'olio d'oliva aiuta a ridurre il LDL "cattivo ”colesterolo, ossidazione lipidica e ipertensione. Una dieta ricca di olio d'oliva facilita anche il controllo glicemico lasciando "meno spazio "per i carboidrati (in particolare "zuccheri semplici "che causano picchi di insulina e attacchi di fame prematura).

Il morbo di Alzheimer

L'infiammazione e i radicali liberi danneggiano le cellule cerebrali e compromettono la funzione sinaptica, contribuendo alla neurodegenarazione e alla perdita di cellule cerebrali che caratterizza la malattia di Alzheimer. Il contenuto di squalene degli oli di oliva (insieme agli altri antiossidanti) ha effetti neuroprotettivi e non consente l'ossidazione dei suoi acidi grassi monoinsaturi (che purtroppo si verifica con grassi polinsaturi che possono, quindi, contribuire a danneggiare i nervi). Oleocanthal, un altro componente dell'olio d'oliva ha dimostrato nella ricerca scientifica di rallentare la progressione dell'Alzheimer.

Invecchiamento e longevità

I radicali liberi attaccano e danneggiano le cellule e i suoi costituenti, in particolare il DNA trovato non solo nel nucleo cellulare ma anche nei mitocondri. Si ipotizza che l'olio d'oliva con i suoi effetti antiossidanti inibisca la perossidazione e riduca i danni al DNA mitocondriale, preservando vitalità e giovinezza. Sembra che la componente oleocantale dell'olio d'oliva contribuisca significativamente agli effetti anti-invecchiamento dell'olio d'oliva. C'è un rapporto di una donna israeliana di 120 che beveva un bicchiere di olio d'oliva ogni giorno!

.
Antonis Pothoulakis, MD, FACC
Cardiologo interventista
"Clinica Iasis ”, Markou Botsari 76 - 78
Chania 73100, Creta, Grecia

Related News

Feedback / suggerimenti