`Panagiotis Karantonis: l'olio d'oliva greco deve costruire sulla qualità - Olive Oil Times

Panagiotis Karantonis: l'olio d'oliva greco deve basarsi sulla qualità

Gennaio 30, 2011
Marissa Tejada

Notizie recenti

"È una giungla feroce. "

Questo è il modo vivido in cui Panagiotis Karantonis descrive il settore che ha seguito per oltre 25 anni. È il direttore generale dell'associazione greca dei produttori di olio d'oliva noto come ESVITE, un'organizzazione che promuove gli interessi delle piccole e medie imprese olearie greche. Per i suoi oltre cinquanta membri, la competizione dall'estero rimane dura.

Non possiamo abbassare il prezzo perché siamo ai nostri limiti.- Panagiotis Karantonis, ESVITE

"Resta il fatto che la Grecia è al terzo posto dietro l'Italia e la Spagna nella produzione di olio d'oliva. Sapendo questo, i membri di ESVITE devono trovare modi efficaci per rimanere competitivi con l'obiettivo di aumentare le esportazioni nei mercati chiave. Per arrivarci, dobbiamo tutti lavorare insieme e superare alcune sfide uniche. ”Sfide uniche che Karantonis ha affrontato appassionatamente.

"Quando sei coinvolto nell'olio d'oliva, te ne innamori. Inizi a capire la sua qualità, la sua varietà e poi i suoi aromi e sapori. Non sono arance o mele, ma vero amore. Soprattutto per i greci, l'olio d'oliva fa parte della nostra cultura, è davvero speciale. "

Dopo aver completato due master presso la London School of Economics, Karantonis è tornato in Grecia a metà degli anni '1980, lavorando brevemente nel settore privato per una multinazionale del cibo prima di passare al settore pubblico lavorando sulla politica alimentare al Ministero dell'Agricoltura greco. Ha poi assunto un ruolo di primo piano con ESVITE quando è stata fondata nel 1986.

Oggi, ESVITE è cresciuta fino a includere tra le sue aziende alcune grandi aziende che possiedono o frantoi o sono coinvolte nel commercio e nel confezionamento di olio extra vergine di oliva. Lavorano a stretto contatto con SEVITEL, un'altra organizzazione greca per l'olio d'oliva composta da grandi compagnie di olio d'oliva che mirano anche a promuovere gli interessi dell'industria greca dell'olio d'oliva. Insieme svolgono un ruolo chiave nelle 300,000 tonnellate di olio d'oliva prodotte in Grecia ogni anno, un terzo del quale viene consumato dagli stessi greci. L'efficacia con cui viene venduta all'estero il significativo surplus è una delle maggiori sfide di ESVITE, afferma Karantonis.

"Se stiamo parlando di un mercato orientato ai prezzi, la Grecia non avrebbe la possibilità di sopravvivere come paese produttore di olio d'oliva ". Dice che una ragione importante è che la dimensione media dell'oliveto greco è relativamente piccola con una struttura del terreno tipicamente non livellata. Di conseguenza, i metodi di coltivazione meccanizzati sono difficili, con conseguenti costi di produzione maggiori rispetto ad altri paesi.

"Non possiamo spingere il prezzo più in basso di quanto non sia perché siamo ai nostri limiti. Dobbiamo concentrarci su qualcosa di diverso dal prezzo e questo significa portare avanti, con uno sforzo nazionale, un piano ben implementato che abbia coerenza e continuità ", afferma.

Karantonis afferma che uno sforzo nazionale significa commercializzare il vantaggio più importante della Grecia. Una risorsa che crede possa superare l'aumento dei costi della domanda di produzione di petrolio della Grecia.  "Produciamo l'80% di olio extra vergine di oliva. Questo è unico al mondo. Il nostro vantaggio è semplicemente: qualità. Possiamo solo basarci sulla nostra qualità. Miriamo a informare e convincere i consumatori sulla superiorità dei nostri prodotti "

Karantonis afferma che il potenziale mercato per i prodotti confezionati al di fuori della Spagna, della Grecia e dell'Italia nel mondo è di 700,000 tonnellate.  "Se la Grecia potesse ottenere una quota del 15 percento di questo mercato ... significa subito che la Grecia potrebbe esportare 100,000 tonnellate di prodotto confezionato. Questo è un grande passo nella giusta direzione per ottenere la vendita del nostro surplus. "

Karantonis afferma che c'è una scarsa consapevolezza degli oli d'oliva di eccellente qualità della Grecia, a causa della mancanza di un marketing aggressivo.  "Abbiamo fatto molto poco in passato, soprattutto al momento opportuno. La chiave per cambiare è un marketing migliore perché c'è un grande margine di miglioramento in alcuni dei mercati target. ”

Osserva in modo deludente che i dati sulle azioni possono scendere fino a quasi lo zero percento in alcuni mercati chiave. Cita il Giappone come un buon esempio di risultati tristi. Su un mercato di 30,000 tonnellate, la Grecia potrebbe venderne 100-200 tonnellate all'anno.

"Forse è egoistico dire che produciamo la migliore qualità di olio d'oliva, ma le persone che conoscono l'olio d'oliva e conoscono l'industria sarebbero d'accordo con questo. Dopotutto, gli italiani sanno perché comprano l'olio d'oliva greco. Non lo farebbero se non fosse il migliore. Karantonis afferma che l'olio d'oliva greco possiede proprietà organolettiche eccezionali che, secondo lui, devono essere enfatizzate meglio dalla sua organizzazione.

"Amo quello che faccio. È un prodotto così speciale per la Grecia, quindi nell'ultimo quarto di secolo ESVITE ha lavorato duramente per fare di più per vendere olio d'oliva greco all'estero, per dargli la posizione che merita. Potremmo fare ancora molto di più. Credo che lo faremo. "

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti