`Una forza centrifuga: Gennaro Pieralisi - Olive Oil Times

Una forza centrifuga: Gennaro Pieralisi

Giu. 6, 2010
Lucy Vivante

Notizie recenti

Gennaro Pieralisi è preoccupato per i prezzi bassi dell'olio d'oliva. C'è troppo olio extravergine d'oliva e troppo poca richiesta. La crisi finanziaria ha portato i consumatori di tutto il mondo a ridurre le proprie spese. È lui a comandare i prezzi di pareggio delle olive, facendo vacillare i numeri: per la Spagna sono 2.70 - 2.80 euro al chilo; per gli altri paesi UE è di 3.60 - 3.70 € al chilo; e 2.50 € al chilo per paesi come Tunisia, Algeria, Marocco, Siria, Giordania, Turchia e per i paesi sudamericani. La varianza è dovuta al costo del lavoro. Pieralisi non lo dice, ma deduco che il prezzo ribassato dell'olio d'oliva deve influire sulla capacità dei coltivatori di acquistare o aggiornare macchinari.

Gli chiedo del recente calo del valore dell'euro e lui dice che questo lo aiuterà e aggiunge che andrà a vantaggio di tutti i produttori europei. Pieralisi fornisce alcuni finanziamenti per consentire l'acquisto della sua attrezzatura. Permetterà agli acquirenti italiani di allungare i pagamenti in cinque anni. Non lo farà fuori dall'Italia perché sarebbe troppo difficile citare in giudizio gli acquirenti che non rispettano i pagamenti. Dice che vuole essere pagato in anticipo per le macchine. L'azienda rimette a nuovo macchine usate e, tipicamente, costano un terzo in meno rispetto a quelle nuove.
Vedi anche: Conversazione con Gennaro Pieralisi
La stagione dell'olio d'oliva è relativamente breve e questo è uno dei motivi per cui l'azienda si è diversificata. Queste iniziative sussidiarie coinvolgono la tecnologia delle centrifughe, ma per altre applicazioni. Pieralisi produce centrifughe per l'industria casearia. Vendono centrifughe ai produttori di Parmigiano Reggiano, ad esempio, che le usano per centrifugare la panna dal latte. Per la mozzarella il Gruppo produce un intero sistema. Le centrifughe vengono vendute a produttori di succhi di frutta, vinai e trasformatori di pomodori nel settore alimentare. Poi c'è la divisione industriale, separazione dei fanghi, depurazione dell'olio combustibile, acque reflue, ecc. Gli chiedo se è difficile commercializzare macchine per cose che hanno un sapore così buono accanto a queste altre aree e riconosce che è una sfida. La diversificazione, tuttavia, fa sì che tutti lavorino costantemente: l'Ingegnere sembra particolarmente preoccupato che i gruppi di servizio abbiano abbastanza da fare.

L'olio d'oliva snocciolato è stato recentemente nelle notizie e ha chiesto a questo proposito, dice, "È morto all'arrivo. Morto all'arrivo perché inventato e motivato dal marketing. Per ogni 100 chili di olive, ci sono 750 grammi di olio di mandorle nel nocciolo, è un olio molto caratteristico e ricco, ricco di polifenoli e topofenoli. Senza l'olio di nocciolo, l'olio d'oliva dura solo sei mesi. E oltre a questo, l'olio snocciolato è molto insipido. Era semplicemente un modo per lanciare un messaggio di marketing ". Gli chiedo se ha nuove scoperte che vuole condividere e lui dice che avrà qualcosa tra un paio d'anni. Pieralisi spiega che la stagione dell'olio d'oliva è così breve, un massimo di 100 giorni, e quindi il periodo di sperimentazione è limitato. Lo dice anche il 2 novembrend, il giorno in cui inizia la stagione di estrazione ei dieci giorni che seguono sono un inferno - con ogni cliente che inizia l'estrazione del petrolio. Non può essere così male visto che dice la parola inferno con un sorriso.

Sulle questioni di gusto nell'olio d'oliva dice che è una questione di gusto personale e tradizione. Dice che a qualcuno di Bari, l'olio perfetto potrebbe essere dell'olivo Coratina, ma a qualcuno del Lago di Garda quell'olio è "amaro come il veleno ". E i milanesi e gli altri italiani del nord, che sono abituati al gusto del burro, "preferisco un olio insipido. " Preferisce personalmente l'olio d'oliva greco. (Il Gruppo Pieralisi produce olio extravergine di oliva, e ne parleremo più avanti, ma in questo momento è un personaggio troppo orgoglioso per dire che è il suo preferito.) Parla un po 'di grandi aziende come Unilever, che vendono ai supermercati di tutto il mondo, e dice che acquistano miscele di oli d'oliva per mantenere il gusto coerente, cercano un gusto uniforme. Con quegli oli non c'è un buon anno e poi un brutto anno.

Poiché sta parlando di miscele, mi informo sull'olio d'oliva adulterato. "La miscela classica è olio d'oliva e olio di cartamo alto oleico. Fino al 7% di olio di cartamo non è rilevabile nell'olio d'oliva e questo è un modo in cui le persone riducono i costi ". Parliamo dell'olio d'oliva esportato in America, dice che è sempre stata la qualità più bassa, spesso mescolata con olio di sansa, e dice che è colpa del legislatore americano, dal momento che non riconoscono l'olio extravergine di oliva. Pensa che questo cambierà a causa della crescente produzione di olio d'oliva della California [Nota dell'editore: The L'USDA ha recentemente rivisto gli standard di recente essere coerenti con quelli del Consiglio oleicolo internazionale]. Il "Made in Italy ”e una bandiera italiana su una bottiglia di olio comportano un premio e gran parte dell'olio venduto come italiano non è prodotto in Italia. Pieralisi dice che prima erano solo gli italiani a importare l'olio, imbottigliarlo e venderlo come italiano. Ora, gli spagnoli sono diventati saggi in questo, hanno comprato società italiane e incanalano il loro petrolio in questo modo. Non sembra particolarmente turbato da tutto questo. Si è concentrato sulle sue macchine che producono il miglior olio possibile, non sul mercato dell'olio d'oliva.

Chiedo a Gennaro Pieralisi qual è la cosa più soddisfacente del suo lavoro e lui risponde "Non è questo lavoro in particolare, ma il lavoro, semplicemente il lavoro che dà soddisfazione. Se non lo facessi, farei qualcos'altro e darebbe soddisfazione perché lavorare dà soddisfazione ". A questo punto mi chiedo come sarebbe essere la prossima generazione di Pieralisis o un dipendente dell'azienda. Essere all'altezza di quest'uomo molto evidentemente motivato, che è stato nominato cavaliere, per cos'altro se non il lavoro (il suo titolo è Cavaliere del Lavoro o Cavaliere del lavoro) deve essere duro. E infatti, quando dici "l'Ingegnere ”al popolo di Pieralisi, c'è una reazione fisica: le loro spine si irrigidiscono e si animano velocemente.

Jesi è una città di circa 40,500 abitanti. Le mura e molti degli edifici della città, tra cui palazzi rinascimentali, sono di un bel mattone chiaro. Il centro storico è intatto, a differenza della vicina Ancona bombardata durante la seconda guerra mondiale. Due importanti attrazioni culturali sono la Pinacoteca, che conserva uno straordinario gruppo di cinque dipinti di Lorenzo Lotto, il veneziano contemporaneo di Tiziano, che trascorse i suoi ultimi anni nelle Marche e il Teatro Pergolesi, intitolato al 18th compositore del secolo dell'opera buffa, Giovanni Battista Pergolesi. Il giorno in cui visito Jesi, l'Enoteca della Regione Marche è chiusa per problemi strutturali che richiederanno del tempo per essere risolti. È in un 15th palazzo e una vetrina per i vini della regione e tutti mi dicono che merita una visita. Ogni regione d'Italia sta cercando di raggiungere il miracolo del marketing che è la Toscana.

La regione Marche è prevalentemente rurale e agricola, ed è ben nota in Italia per essere la regione con la maggiore longevità. Jesi ha una forte base industriale, oltre a Pieralisi, c'è uno stabilimento Caterpillar e uno stabilimento New Holland, che è la divisione trattori di Fiat. Questi sono i più grandi datori di lavoro non governativi a Jesi. Pieralisi ha circa 400, su 650, impiegati qui. Se non lavorano nello stabilimento, lavorano nell'hotel del Gruppo chiamato Hotel Federico II, dal nome del Sacro Romano Impero, nato a Jesi; oppure nella squadra di pallavolo femminile, la squadra del Monte Schiavo; oppure la Palestra Pieralisi, oppure i Vigneti Monte Schiavo e il Frantoio.

Gennaro Pieralisi ha molti cugini. Uno di loro possiede una grande concessionaria Citroën a Jesi, ma è un'altra cugina, l'attrice Virna Lisi, che è il più conosciuto. Ha avuto una bella carriera a Hollywood negli anni '1960, recitando in commedie, ma i suoi ruoli migliori sono venuti dal cinema e dalla televisione europei. Vive a Roma e continua a recitare.

Nell' segmento finale della nostra intervista esclusiva a Gennaro Pieralisi, riflessioni sull'andare in pubblico e una visita al Monte Schiavo.
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti