`Olive Council chiama gli standard australiani proposti "Barriere al commercio" - Olive Oil Times

Il Consiglio Olive chiama gli standard australiani proposti "ostacoli agli scambi"

Febbraio 18, 2011
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Chiamare parti del proposto norme sull'olio d'oliva per Australia e Nuova Zelanda possibile "ostacoli al commercio internazionale "che potrebbero effettivamente rendere adulterazione dell'olio d'oliva "più facile ”, il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) ha rilasciato oggi una dichiarazione in cui raccomanda un riesame della bozza di linee guida.

La dichiarazione, intitolata "Commenti IOC sul progetto di oli di oliva australiani / neozelandesi standard e oli di sansa di oliva", Disposto circa una ventina "discrepanze "- o parti delle norme proposte incompatibili con le convenzioni IOC esistenti - che includevano definizioni, categorie di olio d'oliva e metodi di prova che differiscono o non esistono nelle norme IOC.  "Sarebbe opportuno ", secondo il documento, "affinché la bozza di standard australiana / neozelandese venga riesaminata. "

L'Australia e la Nuova Zelanda, che non sono membri del CIO, sostengono da tempo che le norme IOC esistenti non proteggono adeguatamente i consumatori e i produttori della regione. Leandro Ravetti che ha contribuito alla stesura degli standard detto Olive Oil Times "Gli operatori senza scrupoli che attualmente stanno approfittando della significativa differenza di prezzo disponibile rivendendo in modo ingannevole oli di semi e / o olio d'oliva di qualità inferiore come olio extravergine di oliva di alto valore saranno seriamente colpiti da questo nuovo regolamento. Nel frattempo, operatori autentici e onesti provenienti da Australia, Nuova Zelanda e oltreoceano riceveranno il vantaggio di condizioni di parità in cui i loro prodotti di qualità superiore sono protetti e riconosciuti ".

In una chiusura che ricorda la risposta del consiglio ai metodi utilizzati nello studio dell'UC Davis dello scorso anno, un'altra deviazione del Nuovo Mondo dai protocolli del CIO, la dichiarazione di oggi ha concluso:

"In qualità di principale organizzazione mondiale che supervisiona l'olio d'oliva, la sua unica preoccupazione nel presentare questi commenti è salvaguardare e facilitare il commercio internazionale equo e prevenire potenziali adulterazioni o frodi. È pronto e disponibile in ogni momento a collaborare con paesi e organizzazioni in tutto il mondo, indipendentemente dal fatto che siano o meno membri del CIO, per raggiungere questi obiettivi e sarà lieto di fornire qualsiasi chiarimento richiesto ".

Related News

Feedback / suggerimenti