`Olio d'oliva dal top del mondo - Olive Oil Times

Olio d'oliva dalla cima del mondo

Novembre 9, 2010
Christian Brazil Bautista

Notizie recenti

Per Hartmut Bauder, la seconda parte della vita è stata un periodo fruttuoso. Il signor Bauder, un imprenditore tedesco che in una vita precedente ha lavorato come manager per l'azienda chimica BASF, si è stabilito in Nepal dopo il pensionamento per costruire la prima piantagione di ulivi del paese.

Il signor Bauder, che ha una moglie nepalese, ha sviluppato presto una storia d'amore con le olive. L'ambientazione della storia d'amore era la Provenza nel sud della Francia, dove il signor Bauder è cresciuto e si è innamorato di tutto ciò che è mediterraneo. Quando è andato in pensione all'età di 57 anni, ha cercato di creare un'impresa che avrebbe potuto far crescere con sua moglie.

Un progetto olivicolo italiano ai piedi dell'Himalaya nel nord dell'India è servito da modello per l'impresa del signor Bauder. Il progetto, che è stato lanciato in Himachal Pradesh, è stato oggetto di un attento esame da parte del signor Bauder. Ha visitato regolarmente il sito e si è consultato con gli esperti residenti del progetto.

Con l'aiuto di amici nepalesi, il signor Bauder ha investito 17 milioni di NR (circa 240,000 dollari) per formare piantagioni dell'Himalaya nel 1994. Per la maggior parte della sua esistenza, i profitti hanno eluso l'azienda, facendo sì che l'impresa continuasse ad aggiungere capitale. Attualmente, il signor Bauder detiene l'80% del capitale di 32 milioni di NR ($ 450,000) dell'azienda. Himalaya Plantations ha appena avuto il suo primo anno redditizio.

Le olive, come il vino, dipendono dal "terroir "o i fattori di crescita della sua posizione. Ciò include il suolo, l'acqua, il tempo, la temperatura, l'aria pulita e l'altitudine dell'area in cui crescono i frutti. Bauder ha affermato che la produzione di olive in Italia Nepal è unico perché il clima è esatto di fronte dell'Europa. "Le differenze principali sono la latitudine alla quale coltiviamo le olive, l'altitudine e il clima. L'Europa ha il sole in estate e piove in inverno, nella nostra zona è il contrario ", ha detto Bauder.

Fatta eccezione per tre mesi di monsone, il Nepal ha un sole abbondante per la maggior parte dell'anno. Le temperature variano da -2 gradi Celsius a gennaio a 35 gradi Celsius durante i mesi estivi.

Il signor Bauder ha scelto la valle di Chitlang come sede delle piantagioni dell'Himalaya. La Chitlang Valley, che si trova a tre ore a sud di Kathmandu, è un luogo idilliaco esclusivamente agricolo, nonostante la sua vicinanza alla capitale nepalese. L'azienda dispone di una piantagione di otto ettari che contiene 2,000 alberi.

"Quando si inizia a cercare un luogo ideale, abbiamo stabilito alcuni criteri: non più di tre ore di distanza in auto da Kathmandu, deve avere un'altitudine fino a 2000 metri (6,562 piedi) sul livello del mare per avere abbastanza freddo in inverno, terrazze esposte a sud per il massimo del sole e la disponibilità di strade ed elettricità ", ha detto Bauder.

Stranamente, il signor Bauder ha detto che non era mai sicuro se le piantagioni dell'Himalaya avrebbero realizzato un profitto. "Sicuramente non sapevamo se avremmo visto tornare parte dei nostri soldi ", ha detto. Ciò non gli ha impedito di fare tutto il possibile per rendere le piantagioni dell'Himalaya un'attività redditizia. Insieme ad amici dall'Italia, ha controllato le condizioni locali per vedere se fosse effettivamente possibile coltivare olive in Nepal. Gli scettici hanno insistito sul fatto che per la coltivazione delle olive è necessario un clima mediterraneo. Il signor Bauder vedeva le cose in modo diverso, grazie alla consapevolezza che le olive possono crescere in un terreno povero.

Per cominciare, il signor Bauder ha acquistato dieci ettari di terreno in due aree separate nella valle di Chitlang, che in seguito ha chiamato Toscana e Vinci dopo le città italiane famose per la cucina dell'olio d'oliva.

Le piantagioni dell'Himalaya hanno avuto una lunga lotta con l'antracnosi, un fungo comune che è la rovina degli olivicoltori di tutto il mondo. La malattia, che non ha cura, è stata a lungo un problema per gli olivicoltori in Sud America, Australia e Sud Africa. Il fungo aveva costretto l'azienda a raccogliere in anticipo, limitando così la produzione di olio d'oliva.

Dopo anni in cui non ha realizzato profitti a causa della malattia, il signor Bauder ha pensato di rinunciare alle piantagioni dell'Himalaya. Le cose sono cambiate quando il signor Bauder ha incontrato Gideon Peleg, un esperto israeliano che lavora come direttore tecnico del progetto olivicolo in Rajasthan nel nord dell'India. "(Lui) ci ha detto che non vede alcun motivo per cui non dovremmo avere successo in Nepal", ha detto il signor Bauder.

Himalaya Plantations ha stipulato un contratto triennale con Peleg. Da quando è stato assunto, Peleg ha introdotto l'irrigazione a goccia individuale controllata dal tensiometro e ha cambiato le tecniche dell'azienda per i fertilizzanti e la potatura. I cambiamenti hanno prodotto quest'anno un raccolto di undici tonnellate di olive da 1,100 alberi, dando all'azienda il suo primo anno redditizio.

Il signor Bauder alla fine vuole influenzare un cambiamento nella cultura del cibo in Nepal. L'olio spagnolo di bassa qualità è popolare nel paese, con l'olio extravergine di oliva ancora un lusso raro. L'olio d'oliva, che offre una serie di benefici per la salute, può migliorare la salute delle persone povere anche in piccole quantità.

"Né in India né in Nepal (era) buon olio d'olivadisponibile ", ha dichiarato Bauder. "La nostra intenzione era portare questa cultura in Nepal e renderla disponibile agli agricoltori locali ".

La seconda parte della vita del signor Bauder è pronta per il raccolto. Questa volta, sembra che sarebbe redditizio.

Related News

Feedback / suggerimenti