Salute

L'olio di canola potrebbe danneggiare la memoria

Gli scienziati in Pennsylvania affermano che le affermazioni non provate sulla salubrità dell'olio di colza non sono basate su fatti e che è meglio restare con l'olio d'oliva.

Dicembre 8, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

L'olio di canola è stato a lungo considerato un olio da cucina salutare, ma secondo a nuovo studio questo potrebbe non essere del tutto vero.

I ricercatori hanno scoperto che ciò che i suoi produttori chiamano "l'olio più sano del mondo" è in realtà collegato all'obesità, a problemi di memoria e ad altri effetti dannosi sul cervello.

I nostri dati non giustificherebbero la crescente tendenza a sostituire l'olio d'oliva con l'olio di canola come parte di una buona e sana alternativa dietetica nei paesi non mediterranei.- Temple University

Negli ultimi anni, l'uso dell'olio di canola è diventato popolare grazie al suo basso costo e alla percezione che ne condivide una parte benefici per la salute dell'olio d'oliva. Tuttavia, il consumo cronico di olio di canola non è stato studiato per vedere come potrebbe influenzare lo sviluppo di malattie neurologiche.

In un recente studio, l'autore senior Domenico Praticò della Lewis Katz School of Medicine della Temple University di Filadelfia e colleghi hanno intrapreso un'indagine per vedere se il canola è stato all'altezza della sua fatturazione sana.

Gli scienziati hanno diviso i modelli di topi con l'Alzheimer in due gruppi. Un gruppo è stato alimentato con una dieta che è stata aumentata quotidianamente con l'equivalente umano di due cucchiai di olio di canola, mentre l'altro è stato alimentato con una dieta normale.

pubblicità

Tutti i topi sono stati osservati per sei mesi. Quando i topi nella dieta ricca di colza hanno raggiunto un anno di età, avevano guadagnato peso e soffrivano di una memoria significativamente compromessa, rispetto ai topi nel gruppo di controllo.

Inoltre, le analisi neuro biochimiche hanno mostrato una riduzione dell'integrità sinaptica (una sinapsi si riferisce alla giunzione tra le cellule nervose in cui passano gli impulsi). La diminuzione dell'integrità sinaptica significa che anche la trasmissione degli impulsi da una cellula nervosa all'altra non funziona. Studi precedenti hanno dimostrato che questa perdita è fortemente correlata al declino cognitivo nell'AD.

I topi che sono stati nutriti con olio di canola non hanno mostrato un aumento della placca amiloide o dei grovigli neurofibrillari tau caratteristici dell'AD. Tuttavia, avevano un aumento statisticamente significativo in un parametro chiamato Aβ 42/40, il che suggerisce che avevano una maggiore probabilità di accumulare placca nel cervello.

pubblicità

"Nel complesso le nostre scoperte non forniscono supporto ad alcune delle idee attuali che suggeriscono benefici salutari derivanti dal consumo regolare di olio di canola", hanno scritto gli autori. "Sebbene riconosciamo che sono necessari ulteriori studi per studiare gli effetti biologici di questo olio, i nostri dati non giustificherebbero la crescente tendenza a sostituire l'olio d'oliva con l'olio di canola come parte di una buona e sana alternativa dietetica nei paesi non mediterranei".

In un'intervista con Olive Oil Times, Simon Poole, medico e autore di The Olive Oil Diet ha confrontato i benefici per la salute di MedDiet con gli apparenti rischi per la salute dell'olio di canola.

pubblicità

“Mentre dobbiamo essere cauti sull'estrapolazione da studi sugli animali, questo studio conferma che non possiamo sostituire l'olio d'oliva con altri oli e ci aspettiamo di vedere gli stessi benefici per la salute. Precedenti lavori dello stesso gruppo di ricerca hanno dimostrato vantaggi nella funzione cognitiva con olio d'oliva. Questi sono coerenti con altri studi che hanno dimostrato una marcata riduzione della neurodegenerazione nei topi con l'uso di polifenoli dell'olio d'oliva come l'oleuropeina.

“Ora ci sono ampie prove per associare MedDiet, che prevede l'uso regolare di olio d'oliva, con una migliore funzione cognitiva e una minore incidenza di AD. Gli autori di questo studio hanno ragione nel citare la scarsità di dati sulle proprietà salutistiche di altri oli che sono così spesso promossi come possibili alternative all'olio d'oliva. "

Mentre l'olio di canola ha un prezzo inferiore rispetto all'olio d'oliva, potrebbe essere costoso in termini di effetti dannosi sulla mente e sul corpo. Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista Rapporti scientifici, dimostra che le indicazioni sulla salute attribuite all'olio di canola non hanno merito.