Dieta Med associata a fratture dell'anca inferiore

I risultati di un ampio studio osservazionale mostrano che la dieta mediterranea è associata a un rischio significativamente inferiore di fratture dell'anca nelle donne.

Aprile 4, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Le fratture dell'anca sono un serio problema di salute, con circa 1.6 milioni di casi segnalati in tutto il mondo ogni anno. Quasi il 75% di tutte le fratture dell'anca si verifica nelle donne. Le fratture dell'anca sono spesso associate a perdita della qualità della vita, dolore cronico, mobilità ridotta, disabilità e un grado crescente di dipendenza, con il 10-20% dei casi che necessitano di cure infermieristiche a lungo termine.

Sebbene siano state condotte importanti ricerche per mettere in relazione singoli nutrienti con la salute delle ossa, i risultati rimangono ancora incoerenti. Molti ricercatori ora concordano sul fatto che i nutrienti agiscono in sinergia all'interno di interi schemi dietetici piuttosto che come nutrienti isolati. Pertanto, è interessante stabilire se i modelli dietetici possono aiutare nella riduzione del rischio per problemi di salute come le fratture dell'anca.

In un recente studio, pubblicato in JAMA Medicina Interna, 2016, 90,014 partecipanti, presi dai 93,676 partecipanti allo studio osservazionale originale della Women's Health Initiative, sono stati valutati per l'incidenza di fratture totali e fratture dell'anca. Le donne nello studio andavano da 50 a 79 anni, c'era un follow-up mediano di 15.9 anni e i punteggi dietetici sono stati valutati dai questionari sulla frequenza alimentare per l'aderenza a una serie di schemi dietetici sani, la dieta mediterranea è uno di questi. Gli autori riferiscono che, "La qualità e l'aderenza della dieta sono state valutate in base ai punteggi sulla dieta mediterranea alternativa (aMED), una misura di 9 categorie di aderenza a un modello dietetico mediterraneo ".

L'analisi ha mostrato che c'erano 2,121 casi di frattura dell'anca e 28,718 fratture totali. Non è stata trovata alcuna associazione tra la frattura totale e il punteggio aMed. Tuttavia, le donne che hanno ottenuto il punteggio aMed nel quintile più alto avevano un rischio significativamente inferiore di frattura dell'anca, la riduzione del rischio assoluto è stata dello 0.29%. Non sono stati trovati risultati significativi per nessuno degli altri modelli dietetici valutati.

Gli autori hanno concluso, "Maggiore aderenza a Dieta mediterranea è associato a un minor rischio di fratture dell'anca. Questi risultati supportano che un modello alimentare sano può svolgere un ruolo nel mantenimento della salute delle ossa nelle donne in postmenopausa ".

Essendo i primi risultati nel loro genere e considerando l'ampio campione valutato, questi risultati sembrano una strategia di stile di vita promettente per la riduzione del rischio di fratture dell'anca. Tuttavia, poiché questo è solo uno studio osservazionale, sarà necessario condurre ulteriori ricerche per confermare l'associazione.

Tuttavia, indipendentemente dal fatto che siano necessarie ulteriori ricerche, poiché la dieta mediterranea ha dimostrato di essere incredibilmente benefica per molte condizioni di salute, non c'è certamente alcun danno per gli operatori sanitari che la usano come strategia di trattamento per coloro a rischio o come aggiunta al trattamento. per fratture dell'anca.


Related News

Feedback / suggerimenti