Dieta mediterranea ed EVOO riducono l'incidenza del diabete gestazionale

I ricercatori a Madrid scoprono che le donne incinte che aggiungono più EVOO e pistacchi alla loro dieta hanno gravidanze più sane e bambini più sani.

Ottobre 30, 2017
Di Elyse Schear

Notizie recenti

A studiare in Spagna ha scoperto che un intervento precoce con una dieta mediterranea integrata con olio extra vergine di oliva (EVOO) e pistacchi riduce l'incidenza del diabete mellito gestazionale (GDM) e migliora i risultati per madre e bambino.

Secondo l' American Diabetes Association, GDM è un importante problema di salute pubblica, che crea complicazioni nel sette percento di tutte le gravidanze. La prevalenza della GDM è in aumento quando l'obesità, lo stile di vita sedentario e l'età avanzata in gravidanza diventano più comuni.

Precedenti studi hanno rivelato che l'adesione al Dieta mediterranea riduce il rischio di GDM, ma questo è il primo studio randomizzato e controllato su come una dieta mediterranea integrata influenzi i tassi di GDM, così come il parto prematuro, il taglio cesareo di emergenza e il trauma perineale.

Per questo studio, condotto dall'Ospedale Clinico San Carlos di Madrid, 2,418 donne sono state invitate a partecipare alla loro prima ecografia in gravidanza, tra le otto e le dodici settimane. Di quel numero, 1,000 hanno soddisfatto i criteri di studio iniziali di avere 18 anni o più, non avere intolleranza alle noci o EVOO e sperimentare la loro prima gravidanza. Sono state escluse anche eventuali condizioni mediche o terapia farmacologica che potrebbero compromettere l'efficacia della dieta di prova. Di 1,000, 874 sono rimasti nello studio e hanno partecipato fino alla nascita dei loro bambini.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di intervento (IG) o al gruppo di controllo (CG). Ad entrambi i gruppi sono state fornite le stesse linee guida di base del Mediterraneo, che includevano due o più porzioni giornaliere di verdura, tre o più porzioni di frutta (eccetto i succhi di frutta), tre porzioni giornaliere di latticini scremati e cereali integrali, da due a tre porzioni settimanali di legumi e consumo di pesce da moderato a elevato.

È stato inoltre chiesto loro di consumare basse quantità di carni rosse e lavorate ed evitare cereali raffinati, prodotti da forno trasformati, pane pre-affettato, bevande analcoliche, succhi di frutta freschi, fast food e pasti precotti. Inoltre, è stato consigliato di camminare almeno 30 minuti al giorno.

Oltre alle raccomandazioni di base, i 434 partecipanti al gruppo di intervento hanno ricevuto indicazioni dai dietisti una settimana prima dell'inizio dello studio. È stato consigliato loro di consumare almeno 40 ml di olio extravergine di oliva e una manciata (25-30 grammi) di pistacchi al giorno. Per assicurarsi di avere accesso alla quantità minima di olio e frutta secca raccomandati, ogni partecipante IG ha ricevuto 10 litri di EOO e due chilogrammi di pistacchi tostati.

Al contrario, i partecipanti al gruppo di controllo 440 sono stati avvisati dalle loro ostetriche di limitare i consumi di grassi alimentari, tra cui frutta a guscio ed EVOO.

Per tutta la durata della gravidanza, sia l'IG che la CG hanno avuto le stesse valutazioni di laboratorio nella pratica standard, a 24 - 28 settimana di gestazione, a 36 - 38 settimane (terzo trimestre) e alla consegna. Per entrambi i gruppi, la guida nutrizionale è stata rafforzata ad ogni visita. Fino al parto, tutti sono stati sottoposti a screening per diabete gestazionale, aumento di peso gestazionale e ipertensione indotta dalla gravidanza. Sono state fornite raccomandazioni dietetiche individuali nei casi in cui il paziente potrebbe consumare troppe calorie.

Con la stessa frequenza di guida, test e intervento del fornitore di servizi sanitari, le esperienze gestazionali e di nascita dei gruppi di intervento e controllo erano significativamente diverse.

Dei partecipanti allo studio 974, a 177 è stato diagnosticato il diabete gestazionale. Quelli con GDM nel gruppo di controllo hanno numerato 103, mentre quelli nel gruppo di intervento - il gruppo la cui dieta includeva EVOO e pistacchi aggiuntivi - hanno numerato 74. Inoltre, quelli in IG con diabete gestazionale avevano significativamente ridotto i tassi di GDM trattati con insulina. E meno di quelli a cui è stata diagnosticata la GDM nell'IG hanno richiesto insulina rispetto a quelli a cui è stata diagnosticata la GDM nella CG.

Oltre a sperimentare meno incidenza di GDM, il gruppo di intervento ha portato un minor numero di bambini con basso peso alla nascita. Secondo l'ospedale pediatrico di Filadelfia, "Basso peso alla nascita è un termine usato per descrivere i bambini che nascono con un peso inferiore a 2,500 grammi (5 libbre, 8 once).

Al contrario, il neonato medio pesa circa 8 chili. ”Nel gruppo di controllo, è stato valutato che 17 bambini avevano un peso alla nascita basso, rispetto a solo cinque bambini con peso alla nascita basso nel gruppo di intervento. Inoltre, venticinque dei bambini del gruppo di controllo sono stati considerati piccoli per la loro età gestazionale, rispetto a cinque nel gruppo di intervento.

Inoltre, al momento della nascita, un numero inferiore di madri nel gruppo IG ha manifestato ipertensione, trauma perineale e infezioni del tratto urinario indotte dalla gravidanza. E, mentre la consulenza nutrizionale è stata fornita ad entrambi i gruppi, l'aumento di peso gestazionale dei partecipanti è stato significativamente più basso a 24 - 28 settimane e a 36 - 38 settimane per i partecipanti al gruppo di intervento.

Sono stati condotti studi precedenti sull'intervento nutrizionale nel diabete gestazionale utilizzando una varietà di linee guida dietetiche, tra cui il Mediterraneo alternativo (aMED), gli approcci dietetici per fermare l'ipertensione (DASH) e i modelli dietetici alternativi dell'indice di alimentazione sana (aHEI).

Gli interventi utilizzati in questi erano diversi dal presente studio. Alcuni studi hanno basato le loro raccomandazioni sulla restrizione dei grassi saturi e sul consumo di carboidrati a basso indice glicemico. Mentre altri studi hanno fornito raccomandazioni come questo, questo è il primo studio a misurare i risultati dell'aumento specifico di EVOO e noci nelle diete delle donne incinte, oltre a fornire forniture gratuite ai partecipanti.

Secondo i risultati di questo studio, l'aumento del consumo di olio extra vergine di oliva e pistacchio è stato chiaramente benefico. Come una ricca fonte di acidi grassi monoinsaturi, EVOO è noto per abbassare i livelli di glucosio dopo aver mangiato e ridurre l'infiammazione.

I ricercatori ipotizzano inoltre che nella popolazione di questo studio, l'uso liberale di olio d'oliva potrebbe aver favorito un aumento dell'assunzione di verdure, che sono tradizionalmente consumate con olio d'oliva nella cucina spagnola.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti