`La dieta mediterranea a basso contenuto di carboidrati si traduce in un più alto tasso di remissione nel diabete di tipo 2 - Olive Oil Times

La dieta mediterranea a basso contenuto di carboidrati produce un più alto tasso di remissione nel diabete di tipo 2

Febbraio 8, 2016
Jedha Dening

Notizie recenti

Il diabete di tipo 2 è una grave condizione di salute che comunemente si traduce in un declino della salute e in un crescente bisogno di farmaci. Tuttavia, alcuni studi indicano che l'intervento dietetico può, infatti, non solo ritardare la necessità di farmaci, ma può portare a un più alto tasso di remissione completa del diabete.

Inoltre, un intervento dietetico che sostituisce i carboidrati con i grassi, in particolare i grassi monoinsaturi sani come olio d'oliva, sembra fornire maggiori benefici complessivi rispetto alle diete a basso contenuto di grassi.

In uno studio di controllo randomizzato della durata di 4 anni pubblicato su Annals of Internal Medicine, 2009, Esposito e Colleghi hanno confrontato gli effetti di una dieta mediterranea a basso contenuto di carboidrati (LCMD) (meno del 50% di carboidrati) con una tipica dieta a basso contenuto di grassi (LF ) (meno del 30% di grassi) sulla necessità di farmaci antiiperglicemici nei pazienti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi.

Lo studio ha seguito 215 partecipanti in sovrappeso con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi che non erano mai stati trattati con farmaci antiiperglicemici e avevano livelli di HbA1c inferiori all'11%. Gli esiti primari includevano l'inizio della terapia farmacologica antiiperglicemica, definita da un protocollo come indicato per un livello di HbA1c di follow-up superiore al 7%. Gli esiti secondari includevano variazioni di peso, controllo glicemico e fattori di rischio coronarico.

Dopo 4 anni, solo il 44% dei pazienti nel gruppo LCMD ha richiesto farmaci rispetto al 70% nel gruppo LF, LCMD ha ridotto l'HbA1c del 2% rispetto a LF 1.6%, c'era una maggiore riduzione dei trigliceridi sierici nel gruppo LCMD (23.4 mg / dl rispetto a 12.6 mg / dl nel gruppo LF) e il colesterolo HDL è aumentato solo nel gruppo LCMD, di 1.8 mg / dl.

In 2014, un follow-up di 8.1 per un anno dello studio originale è stato pubblicato su Diabetes Care per valutare gli effetti a lungo termine degli interventi dietetici sugli esiti primari e secondari.

Dopo il follow-up di 8.1 anni, c'era una differenza di 2 anni per il periodo di tempo medio che i partecipanti avevano richiesto farmaci (LCMD 8.1 anni, LF 6.1 anni). La remissione è stata ottenuta e mantenuta a un tasso significativamente più alto nel gruppo LCMD.

Nel complesso la LCMD si è dimostrata la migliore per ottenere una remissione completa nel diabete di tipo 2, con il 9.7% che ha sperimentato una remissione di almeno 3 anni rispetto a solo il 2% nel gruppo LF, una remissione del 5.7% per 4 anni rispetto allo zero% nel gruppo LF gruppo e una remissione del 2.9% per 5 anni rispetto allo zero% nel gruppo LF.

Dopo aver condotto lo studio di follow-up sull'anno 8.1, gli autori hanno concluso che:

"Nei pazienti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi, un LCMD ha comportato una maggiore riduzione dei livelli di HbA1c, un più alto tasso di remissione del diabete e una necessità ritardata di farmaci per il diabete rispetto a una dieta a basso contenuto di grassi ".

Oltre a ciò, Esposito e colleghi hanno pubblicato una revisione sistematica dettagliata di tutte le meta-analisi e studi randomizzati che hanno confrontato una dieta mediterranea con una dieta di controllo per il trattamento del diabete di tipo 2. Pubblicato nel British Medical Journal, 2015, lo studio ha valutato 2,824, concludendo che:

"La dieta mediterranea è stata associata a un migliore controllo glicemico e a fattori di rischio cardiovascolare rispetto alle diete di controllo, inclusa una dieta a basso contenuto di grassi, suggerendo che è adatta per la gestione complessiva del diabete di tipo 2 ".


Related News

Feedback / suggerimenti