La dieta mediterranea può migliorare il successo della fecondazione in vitro

Un nuovo studio suggerisce che le donne che mangiavano una dieta ricca di frutta e verdura fresca, pesce, olio d'oliva di alta qualità, cereali integrali e legumi e carne rossa povera aumentavano le loro probabilità di rimanere incinte e di raggiungere un parto vivo da 65-68 per cento .

Febbraio 12, 2018
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Un nuovo studio pubblicato nel Giornale della riproduzione umana ha suggerito che a Dieta mediterranea può aumentare significativamente le possibilità che le donne sottoposte a terapia della fertilità rimangano incinte e partoriscano un bambino vivo.

L'aderenza a questo modello alimentare sano può aiutare ad aumentare le possibilità di una gravidanza di successo e di partorire un bambino vivo.- Nikos Yiannakouris, Università di Harokopio

Le donne partecipanti che hanno seguito una dieta ricca di frutta e verdura fresca, pesce, olio d'oliva di alta qualità, cereali integrali e legumi e povero di carne rossa hanno aumentato le loro possibilità di rimanere incinta e ottenere un parto vivo del 65-68% rispetto alle donne che non aderiva a una dieta mediterranea.

Alle donne che si sono registrate presso l'Unità di concepimento assistito per il loro primo trattamento di fecondazione in vitro è stato chiesto di completare un questionario sulla frequenza alimentare. Il modulo chiedeva quanto spesso avessero mangiato determinati tipi di cibo nei sei mesi precedenti il ​​loro appuntamento per la fecondazione in vitro.
Vedi anche: Olio d'oliva e salute delle donne
Alle donne è stato assegnato un punteggio MedDiet basato sulle loro abitudini alimentari. Il punteggio variava da 0 a 55 e i partecipanti che aderivano rigorosamente alla dieta mediterranea hanno ricevuto un punteggio più alto.

I studio ha determinato che le donne il cui punteggio MedDiet era alto avevano un tasso di natalità dal vivo del 48.8% rispetto alle donne che avevano i punteggi più bassi e un tasso di natalità di appena il 26.6%. Le donne nel gruppo con il punteggio più alto hanno anche raggiunto un tasso di gravidanza del 50% rispetto al solo 29% nel gruppo con il punteggio più basso.

Lo studio è stato condotto ad Atene e ha valutato la dieta delle donne non obese di 244 di età compresa tra 22 e 41 che erano sottoposte a trattamento IVF per la prima volta. La ricerca si è concentrata sulla dieta generale piuttosto che su specifici gruppi alimentari o singoli alimenti.

La ricerca è stata condotta dal professore associato Nikos Yiannakouris presso il Dipartimento di Nutrizione e Dietetica dell'Università Harokopio di Atene.

"Il messaggio importante del nostro studio è che le donne che tentano la fertilità dovrebbero essere incoraggiate a seguire una dieta sana, come la dieta mediterranea, perché una maggiore aderenza a questo modello dietetico sano può aiutare ad aumentare le possibilità di una gravidanza di successo e di partorire un bambino vivo ", Yiannakouris disse.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base al loro punteggio. Il primo gruppo era composto da donne 79 i cui punteggi andavano da 18 a 30. Il secondo gruppo contiene donne che hanno segnato tra 31 e 35. Il terzo gruppo conteneva donne partecipanti a 86 con punteggi compresi tra 36 e 47.

Lo studio ha rilevato che per le donne di età inferiore ai 35 anni, ogni cinque punti in più ottenuti da MedDiet aumentavano le loro prospettive di rimanere incinta e di dare alla luce un bambino vivo di 2.7 volte.

Yiannakouris ha anche aggiunto che in uno studio separato, la dieta e lo stile di vita degli uomini sono risultati altrettanto importanti delle donne per le coppie che cercano di concepire un bambino. In quello studio, la dieta mediterranea era collegata a sperma di migliore qualità, concentrazione di spermatozoi significativamente più alta, numero di spermatozoi più elevato e motilità degli spermatozoi.

Sebbene un effetto favorevole della dieta mediterranea fosse evidente solo nelle donne sotto i 35 anni, Yiannakouris ha sottolineato che questo non significava che una dieta sana fosse meno importante per le donne anziane. Sono necessarie ulteriori ricerche tra le donne anziane, le donne obese e le donne che concepiscono naturalmente.

Non è stata determinata alcuna associazione tra MedDiet e maggiori possibilità di gravidanze di successo o nati vivi nelle donne di età pari o superiore a 35 anni. Ciò può essere dovuto a una serie di fattori che influenzano questo gruppo di età che potrebbero mettere in ombra gli effetti della dieta. Gli influencer possono includere meno uova disponibili e cambiamenti ormonali in atto.

Questo era uno studio osservazionale che collegava l'effetto della dieta mediterranea a maggiori possibilità di rimanere incinta. I ricercatori ritengono che ora debbano essere condotti studi di intervento per determinare esattamente come e perché la dieta mediterranea è efficace, in modo da poter sviluppare linee guida nutrizionali per le donne in cerca di fecondazione in vitro.

I ricercatori hanno sottolineato che i loro risultati non possono essere generalizzati a tutte le donne che cercano di concepire, donne obese o donne che frequentano altre cliniche per la fertilità. Hanno anche spiegato che sebbene il loro studio abbia indicato che una dieta mediterranea fosse collegata a migliori risultati di fecondazione in vitro, non possono dire che fosse la causa di tassi più elevati di gravidanza e nascita.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti