`La dieta mediterranea con un tocco svizzero riduce il rischio di cancro e malattie cardiache - Olive Oil Times

La dieta mediterranea con un twist svizzero riduce il rischio di cancro e malattie cardiache

Gennaio 19, 2015
Sukhsatej Batra

Notizie recenti

I visitatori di una recente fiera a Zurigo, che hanno valutato 140 campioni, preferiti EVOO con un gusto dolce su quelli che erano amari. Qualunque sia il profilo di gusto dell'olio d'oliva che le persone preferiscono nel profondo paese del burro, uno studio recente ha dimostrato che anche un'adesione culturalmente adattata alla dieta tradizionale in stile mediterraneo può prolungare le loro vite.

I Dieta mediterranea, ricco di frutta, verdura, legumi, carboidrati complessi, olio d'oliva, pesce e vino ma a basso contenuto di latticini e carne, è stato associato a longevità e bassa incidenza di cancro e malattie cardiache. L'effetto protettivo, più pronunciato nei paesi del Mediterraneo, ha spinto i ricercatori in Svizzera a determinare se l'adesione a una dieta mediterranea fosse efficace in una popolazione svizzera influenzata dalle loro culture tedesca, italiana e francese.

Lo studio ha incluso 17,861 partecipanti che facevano parte di due importanti studi condotti in Svizzera: The National Research Program 1A e The Swiss Monitoring of Trends and Determinants in Cardiovascular Disease. I ricercatori hanno selezionato una popolazione culturalmente diversificata dalle tre diverse regioni linguistiche della Svizzera per la quale il follow-up sulla mortalità era disponibile per oltre 30 anni attraverso il registro sanitario nazionale e statistico.
Vedi anche: Articoli sulla dieta mediterranea
I studio l'adesione associata alla dieta mediterranea con la morte per cancro, malattie cardiovascolari e tutte le cause, comunque la dieta, ha avuto una netta differenza. A differenza della tradizionale dieta mediterranea a basso contenuto di latte, il latte e i prodotti lattiero-caseari sono parte integrante della dieta svizzera e sono stati consumati quasi quotidianamente dalla popolazione campione.

L'assunzione di dieta è stata analizzata utilizzando un metodo di richiamo di 24 ore semplificato in cui i partecipanti hanno risposto affermativamente o negativamente all'assunzione di 11 diversi gruppi di alimenti: insalate, frutta, verdura, latticini, cereali, carne, pesce, tipo di olio, alcol, uova e cioccolato. I ricercatori hanno valutato l'aderenza alla dieta mediterranea utilizzando un punteggio di 9 punti, dove l'aderenza minima era un punteggio di 0 e l'aderenza massima di un punteggio di 9.

La frequenza di assunzione di gruppi alimentari da parte di 8,665 uomini e 9,196 donne, la cui età media era di 45 anni al momento del sondaggio, era quasi simile ma presentava due differenze notevoli. Le donne mangiavano frutta più frequentemente degli uomini, mentre gli uomini consumavano alcolici più frequentemente delle donne.

L'analisi statistica ha rivelato che il consumo di frutta ha ridotto il rischio di morte per malattie cardiache e cancro in entrambi i sessi, sebbene solo negli uomini sia stato osservato un maggiore apporto di monoinsaturi e il rischio di morte per malattie cardiache. D'altra parte, il consumo di alcol ha ridotto il rischio di mortalità per malattie cardiovascolari, ma ha aumentato il rischio di morire di cancro.

Il risultato più interessante, tuttavia, è stata l'associazione tra il consumo di prodotti lattiero-caseari e il minor rischio di mortalità per tutte le cause, il cancro e le malattie cardiache negli uomini e nelle donne. Questi risultati sono in contrasto con il consenso sul fatto che i prodotti lattiero-caseari aumentano l'assunzione di grassi saturi e quindi aumentano il rischio di malattie cardiovascolari.

Una possibile spiegazione che gli investigatori offrono all'inaspettata associazione benefica osservata in questo studio potrebbe essere quella dei prodotti lattiero-caseari svizzeri "le mucche alpine puramente nutrite con erba ”sono ad alto contenuto di acidi grassi n-3 e hanno un contenuto di grassi saturi inferiore rispetto ai prodotti lattiero-caseari di altri paesi. Gli autori citano anche altra letteratura che ha riscontrato un effetto protettivo del consumo di latticini sull'incidenza di malattie cardiache e cancro.

Anche se lo studio aveva uno svantaggio principale - un metodo rozzo di un giorno utilizzato per valutare l'assunzione di cibo - lo studio ha scoperto che l'adesione a una dieta mediterranea che abbracciava le differenze culturali era benefica per la salute e riduceva il rischio di mortalità per cancro e malattie cardiache.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti