Due cucchiai di olio di oliva di alta qualità ogni giorno aiutano a proteggere il cuore

Anche modeste dosi giornaliere di olio extravergine di oliva possono proteggere dall'aterosclerosi riducendo il colesterolo cattivo.
Marzo 18, 2011
Elena Paravantes

Notizie recenti

L'olio d'oliva è conosciuto come una delle migliori fonti di acidi grassi monoinsaturi, un tipo di grasso che ha dimostrato di migliorare i livelli di colesterolo nel sangue. Si pensava che le qualità protettive dell'olio d'oliva fossero dovute principalmente alla presenza di questo tipo di grasso. Tuttavia, una nuova ricerca mostra che il suo contenuto di antiossidanti è altrettanto importante.

Secondo nuovi dati pubblicati su Clinical Nutrition, dosi giornaliere di olio extravergine di oliva possono proteggere dall'aterosclerosi (indurimento delle arterie).

I risultati sono venuti dal Studio EurOlive, che ha coinvolto ricercatori di università di cinque paesi europei e aveva lo scopo di valutare gli effetti benefici dell'olio d'oliva sulla salute umana.

Vedi anche: Health News

I ricercatori hanno reclutato 200 uomini sani e li hanno assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi per consumare 25 ml di olio d'oliva ogni giorno con diversi livelli di polifenoli.

Gli oli d'oliva somministrati includevano olio d'oliva raffinato, che aveva un basso contenuto di polifenoli; olio d'oliva comune a medio contenuto di polifenoli ed extravergine, che aveva livelli fenolici elevati.

I risultati hanno mostrato che il consumo di olio extravergine di oliva ha aumentato i livelli di anticorpi che riducono il colesterolo LDL ossidato (il colesterolo cattivo considerato un fattore di rischio di indurimento delle arterie e malattie cardiache).

Non è stata la prima volta che i polifenoli dell'olio di oliva hanno dimostrato di avere un effetto protettivo contro i danni ossidativi; anche studi precedenti hanno mostrato un effetto positivo. Tuttavia, c'erano domande sul fatto che le dosi di olio d'oliva nella vita reale possano ottenere questo effetto.

In questo studio i ricercatori hanno fatto consumare ai soggetti circa 2 cucchiai di olio d'oliva al giorno, una quantità ragionevole per i paesi non mediterranei.

I greci che hanno la più alta assunzione di olio d'oliva pro capite al mondo consumano circa 70 ml al giorno, mentre spagnoli e italiani ne consumano circa 35 ml al giorno. L'americano medio consuma meno di tre millilitri al giorno.

L'altro problema è il contenuto di polifenoli. Gli studi hanno dimostrato che l'olio extravergine di oliva ha più polifenoli rispetto ad altri oli di oliva che vengono lavorati.

Anche le condizioni di conservazione giocano un ruolo importante. L'olio che viene conservato in un luogo buio e fresco in un contenitore scuro conserva più dei suoi antiossidanti. I lunghi tempi di conservazione riducono anche il contenuto di antiossidanti; più a lungo l'olio d'oliva rimane in una bottiglia inutilizzata, più polifenoli perde.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti