` L'olio d'oliva può essere utile nella chemioprevenzione del cancro al cervello

Salute

L'olio d'oliva può essere utile nella chemioprevenzione del cancro al cervello

Febbraio 12, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Il glioblastoma multiforme (GBM) è un tipo aggressivo di tumore al cervello che raramente vede un paziente vivere oltre 15 mesi dopo il trattamento, nonostante abbia subito un intervento chirurgico, radioterapia e chemioterapia. I GBM hanno una natura molto invasiva e possono abbattere la barriera emato-encefalica, causando edema cerebrale e gravi sintomi nei pazienti. È in particolare uno dei tumori più difficili da trattare.

L'olio extra vergine di oliva (EVOO) è noto per aiutare a prevenire una varietà di tumori come il cancro del colon-retto, della prostata, del polmone, dell'endometrio e della mammella. Un nuovo studio, pubblicato nel Journal of Nutritional Biochemistry, Gennaio 2016, riferisce che il "la capacità chemiopreventiva di EVOO non è dovuta solo agli acidi grassi ma anche al suo contenuto di composti fenolici come polifenoli e flavonoidi. "
Guarda anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
È noto che l'oleuropeina, un composto fenolico nell'olio d'oliva, inibisce la migrazione delle cellule di glioblastoma. È anche noto che l'oleocanthal, un potente composto antinfiammatorio nell'olio d'oliva, regola in basso l'espressione della cicloossigenasi-2 (COX-2) nelle cellule tumorali del colon.

Tuttavia, fino ad ora, uno studio che studiava gli effetti anti-infiammatori dei composti EVOO contro le citochine (molecole infiammatorie) nelle cellule del glioblastoma non era mai stato condotto prima.

Questo nuovo studio in vitro mostra che EVOO in effetti riduce la produzione di infiammazione cronica sulla progressione del glioblastoma attraverso una particolare molecola proinfiammatoria, il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-a). La citochina proinfiammatoria, TNF-a, induce direttamente COX-2, un biomarcatore infiammatorio nelle cellule del glioblastoma.

Nello studio, le cellule sono state incubate per 24 ore con e senza la presenza di composti di olio d'oliva, acido oleico, tirosolo e idrossitirosolo. Le cellule sono state quindi sottoposte a TNF-una stimolazione per ulteriori 24 ore.

pubblicità

Come previsto, TNF-a ha causato un marcato aumento dell'espressione COX-2. L'acido oleico ha inibito questa espressione del 61.7 percento, il tirosolo l'ha inibita del 36.5 percento, mentre l'idrossitirosolo non ha mostrato differenze significative.

Sono state condotte ulteriori ricerche per comprendere i meccanismi alla base di queste azioni inibitorie.

In modo dipendente dalla concentrazione c'era, "inibizione del TNF-a indotto vie di segnalazione a valle ", le vie che variano sia per l'acido oleico che per il tirosolo. I ricercatori hanno anche studiato un'altra molecola proinfiammatoria secreta dalle cellule di glioblastoma, la prostaglandina E2 (PGE2). Ancora una volta, i risultati hanno mostrato che l'acido oleico e il tirosolo hanno ridotto significativamente la PGE2 indotta da TNF-rispettivamente del 45.4% e del 71.5%.

Infine, i ricercatori hanno analizzato gli effetti dell'acido oleico e del tirosolo sulla migrazione delle cellule endoteliali del cervello umano "mirando direttamente all'attività chemiotattica della PGE2. I risultati hanno mostrato che i composti dell'olio di oliva bloccano la migrazione delle cellule endoteliali attraverso diversi meccanismi cellulari. "

Nel complesso, ciò che la ricerca mostra è che gli interventi dietetici come l'uso di EVOO possono aiutare a ridurre i tumori cerebrali regolando le molecole proinfiammatorie e prevenendo l'infiammazione cronica all'interno del microambiente che guida la crescita del glioblastoma.

I ricercatori hanno affermato che i risultati dello studio suggeriscono che, "Dato che lo sviluppo e la progressione del cancro è un processo a più fasi, l'integrazione con olio d'oliva può rappresentare un intervento dietetico efficace nella prevenzione e / o gestione del glioblastoma. "


Related News