L'olio d'oliva offre un ruolo promettente nel trattamento del cancro della vescica

Una sospensione di micobatteri oleosi ha mostrato la massima inibizione della crescita delle cellule tumorali e ha stimolato il più alto livello di citochine che sono essenziali per iniziare una risposta immunitaria antitumorale nella vescica.

terapia
Giu. 18, 2016
Di Negar Jamshidi
terapia

Notizie recenti

Per quasi 35 anni il ceppo Bacillus Calmette-Guerin (BCG), derivato dal Mycobacterium bovis (un batterio aerobico a crescita lenta che può causare la tubercolosi), è stato l'immunoterapia più efficace utilizzata contro il cancro della vescica non invasivo.

Tuttavia, a causa dell'elevato rischio di infezione grave e della bassa tolleranza del trattamento con BCG in alcuni pazienti oncologici, gli sforzi si sono concentrati sulla ricerca di terapie alternative più sicure.

Poco più di un anno fa un gruppo di ricerca collaborativo presso UAB diretto dal professor Esther Julian, ha scoperto l'incredibile efficacia di Mycobacterium brumae (M. brumae), innescando una risposta immunitaria per ridurre la crescita delle cellule tumorali nella vescica dei modelli murini.
Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
Lo studio di ricerca ha dimostrato che rispetto all'applicazione BCG, il trattamento con M. brumae ha prolungato la sopravvivenza dei topi con tumore, oltre ad essere non patogeno.

Tuttavia, due importanti problemi limitano l'efficacia di M. brumae nel trattamento del carcinoma della vescica non invasivo.

Uno era la formazione di grumi di cellule a causa della parete cellulare ricca di lipidi dei micobatteri, che impediva loro di interagire con le cellule bersaglio e quindi limitare l'attività antitumorale dei micobatteri. L'altro problema era che i micobatteri vivi erano necessari per l'effetto antitumorale ottimale sul cancro della vescica.

pubblicità

Per aggirare questi problemi, lo stesso gruppo di ricerca ha ora sviluppato una formulazione utilizzando olio d'oliva in emulsione acquosa che previene non solo l'effetto di aggregazione, ma fornisce anche micobatteri vitali al sito bersaglio.

In effetti, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare sia in vitro che in vivo che la sospensione di micobatteri di olio d'oliva era superiore ad altre emulsioni di rilascio di olio testate esibendo la più grande inibizione della crescita delle cellule tumorali e stimolando il più alto livello di citochine che sono essenziali ad avviare una risposta immunitaria antitumorale nella vescica.

La ricerca evidenzia anche le favorevoli caratteristiche fisico-chimiche dei micobatteri emulsionati dall'olio d'oliva, come un pH inferiore e idrofobicità (proprietà idrorepellenti) necessarie per l'interazione efficiente con la parete vescicale per prevenire la crescita delle cellule tumorali.

Un altro importante vantaggio dell'emulsione di micobatteri e olio d'oliva è stato il maggiore attaccamento alla fibronectina della proteina della matrice extracellulare, precedentemente dimostrato di essere cruciale per indurre una risposta immunitaria antitumorale.

È interessante notare che gli autori hanno riscontrato che l'olio d'oliva-M. L'emulsione di bruma ha portato a una sopravvivenza del 100% dei topi portatori di tumori non ottenibile con il trattamento BCG in vivo.

Il prossimo passo dei ricercatori è ora focalizzato sulla ricerca di strategie per "migliorare il rapporto tra efficacia terapeutica ed eventi avversi per i pazienti ”, prima di tradurre i risultati in un contesto clinico.

Pertanto, questi nuovi risultati, sebbene preliminari, sono molto incoraggianti e forniscono ulteriori prove sui benefici dell'olio d'oliva nella gestione del cancro con il potenziale come vettore di somministrazione di farmaci. Questo, a sua volta, sblocca una pletora di possibilità per l'applicazione terapeutica di questo straordinario olio curativo.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti