Salute

Lo studio afferma che il taglio di grassi saturi non riduce il rischio di malattie cardiache

I ricercatori hanno scoperto che le ammonizioni dei medici per evitare cibi ricchi di grassi saturi come burro e formaggio erano "semplicemente sbagliate".

Può. 15, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

Uno studio ha scoperto che limitare i grassi saturi nella dieta non protegge dalle malattie cardiache, riaccendendo il dibattito tra i medici sulla questione. Invece di concentrarsi su un singolo nutriente, gli autori hanno raccomandato un approccio più olistico alla salute, che prevede di seguire il dieta mediterranea integrato con grandi quantità di olio d'oliva.

Le persone soffrono della misimpressione che devono soffrire per essere in salute. Semplicemente non è così.- Medico integrativo Jacob Teitelbaum

La convinzione che il grasso saturo in alimenti come burro e formaggio ostruisca le arterie è "semplicemente sbagliato ”, secondo i cardiologi nel nuovo rapporto. Questa affermazione è una sfida diretta al tradizionale pensiero medico che per decenni ha spinto l'ammonizione a ridurre questi alimenti.

Nell'editoriale pubblicato nel British Journal of Sports Medicine, gli autori hanno affermato che un precedente studio chiave "non ha mostrato alcuna associazione tra consumo di grassi saturi e mortalità per qualsiasi causa, malattia coronarica, mortalità per coronaropatia, ictus ischemico o diabete di tipo 2 negli adulti sani. "

I cardiologi hanno consigliato un cambiamento radicale nell'approccio alla prevenzione e al trattamento delle malattie cardiache. "Decenni di enfasi sul primato dell'abbassamento del colesterolo plasmatico, come se questo fosse un fine in sé e alla guida di un mercato di 'dimostrato di abbassare il colesterolo 'e 'cibi e medicine a basso contenuto di grassi, sono stati mal indirizzati ", hanno detto.

Mentre i medici hanno da tempo enfatizzato la riduzione del colesterolo LDL, il rapporto ha sostenuto che un rapporto colesterolo totale elevato rispetto al colesterolo HDL è un fattore predittivo più accurato di un elevato rischio di infarto e ictus. Inoltre, hanno sottolineato che le malattie cardiovascolari sono causate dall'infiammazione.

pubblicità

Pertanto, hanno promosso un approccio che arriva alla causa principale della malattia. Ciò comporta concentrarsi su "mangiare 'cibo vero, "facendo una camminata veloce ogni giorno e minimizzando lo stress per evitare le malattie cardiache", hanno detto. "La cardiopatia coronarica è una condizione infiammatoria cronica che risponde a una dieta mediterranea ricca di composti antinfiammatori presenti in frutta a guscio, olio extra vergine di oliva, verdure e pesci grassi. ”Hanno sostenuto il consumo giornaliero di abbondanti quantità di grassi salutari ; cioè, "quattro cucchiai di olio extra vergine di oliva o una manciata di noci. "

Perché gli ammonimenti per ridurre i grassi saturi nella dieta non hanno portato a una riduzione delle malattie cardiache? La risposta sta nel fatto che le persone hanno sostituito i carboidrati raffinati e trasformati con grassi saturi. Tali alimenti producono livelli di insulina cronicamente elevati, un problema che provoca infiammazione, che a sua volta contribuisce all'indurimento delle arterie. Al contrario, i carboidrati salutari che fanno parte di MedDiet, come molti frutti e verdure fibrosi, combattono effettivamente l'infiammazione.

Le risposte alla redazione che esonera il grasso saturo consistevano nel sostegno da parte di alcuni quarti della comunità medica, così come da una forte censura da parte di altri. Coloro che hanno espresso un forte disaccordo hanno affermato che gli autori non hanno preso in considerazione a Recensione Cochrane 2015 che collegava una riduzione dell'assunzione di grassi saturi a una riduzione del 17-percentuale negli eventi cardiovascolari.

In che modo l'autore principale Aseem Malhotra affronta questa critica? "Non abbiamo usato la recensione di Cochrane perché è nella migliore delle ipotesi, fatalmente imperfetta, e nella peggiore delle ipotesi non scientifiche ", ha detto Olive Oil Times. "I riferimenti di grassi saturi su cui abbiamo basato il nostro editoriale sono revisioni sistematiche per la prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiache. "

Quindi a chi dovremmo credere? Gli autori del nuovo editoriale sono corretti o dovremmo dare credito ai loro critici?

Olive Oil Times chiese al suo medico integrativo Jacob Teitelbaum la sua prospettiva. "È importante esaminare l'intera recensione di Cochrane e non solo selezionare selettivamente alcuni dei suoi punti dati. La loro considerazione chiave è che la dieta povera di grassi saturi non ha mostrato alcun effetto significativo sulla mortalità generale ", ha detto.

"Come gli stessi autori della recensione hanno notato discutendo anche dell'unico punto di dati che associa i grassi saturi alle malattie cardiache, questa evidenza era limitata e circostanziale. "

"Le persone soffrono della misimpressione che devono soffrire per essere in salute. Semplicemente non è così ”, ha aggiunto Teitelbaum.

Il buon senso ci dice che l'approccio migliore per la prevenzione di un problema medico è attaccare la causa principale, che in questo caso è l'infiammazione. Poiché MedDiet è nota come dieta antinfiammatoria, offre i mezzi più efficaci per promuovere una migliore salute cardiovascolare.



Related News