`Pensa due volte alle affermazioni sugli antiossidanti - Olive Oil Times

Pensa due volte alle domande antiossidanti

Febbraio 23, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Quando una delle poche etichette alimentari afferma di sopravvivere a rigorosa recensione europea era l'effetto antiossidante dei polifenoli d'oliva, ha fatto sorridere il settore dell'olio d'oliva - e la gamma di estratti di oliva sul mercato è impennata - ma qui l'esperto di nutrizione John Finley spiega perché è meglio mantenere la calma sulle affermazioni sugli antiossidanti.

L'affermazione secondo cui i polifenoli di oliva proteggono i lipidi nel sangue dai danni ossidativi (un fattore chiave nelle malattie cardiovascolari) era solo una manciata di indicazioni sulla salute alimentare l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha accettato lo scorso anno dopo aver esaminato più di 2,700. Un registro che approverebbe tali affermazioni - e vieterebbe il resto - è ora all'esame del Parlamento europeo, a cui è stato chiesto di porre il veto prima che il suo periodo di esame si concluda il 27 aprile.

Nel frattempo, l'elenco dei giocatori nell'olio d'oliva estratto lo spazio è cresciuto, riferisce nutraingredients.com, da quando l'EFSA ha accettato l'affermazione antiossidante. I fornitori ora includono Genosa e Probeltebio (Spagna), Indena e Phenofarm (Italia), Creagri (Stati Uniti) e Kaneka (Giappone) in collaborazione con la società italiana di olio d'oliva Costa d'Oro.

Molti sottolineano la scoperta dell'EFSA e il fatto che i loro estratti contengono concentrazioni molto più elevate del polifenolo idrossitirosolo delle olive rispetto all'olio di oliva o alle olive. Una dose da 100 mg di Hytolive prodotto da Genosa, ad esempio, è pubblicizzata come contenente l'equivalente di idrossitirosolo di 500 ml di olio extravergine di oliva.

Quindi, se vuoi massimizzare i benefici per la salute del cuore, stai meglio usando un estratto di olio d'oliva? E cosa dovrebbe tenere conto del settore dell'olio d'oliva quando si presentano richieste antiossidanti? Al fine di promuovere il dibattito, Olive Oil Times ha parlato con l'esperto di nutrizione Prof. John Finley, il leader del Programma Nazionale in Nutrizione Umana per il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, Servizio di ricerca agricola.

Se gli estratti forniscono una dose maggiore di idrossitirosolo senza il contenuto di grassi dell'olio d'oliva, sono un'alternativa migliore per coloro che desiderano il beneficio antiossidante?

Finley: Assolutamente no! Le persone si sono evolute mangiando cibo e si sono adattate alle quantità di composti bioattivi nel cibo, quindi data la possibilità di scegliere, ottenere nutrienti e bioattivi attraverso il cibo è sempre la scelta migliore. Stiamo imparando che per molti bioattivi non è una singola sostanza ma l'ambiente complesso del cibo a fornire il beneficio. Un esempio è che frutta e verdura sono associate a un ridotto rischio di cancro, ma due ampi studi che hanno alimentato beta-carotene isolato (la sostanza di frutta e verdura ritenuta responsabile della diminuzione del cancro) in realtà è aumentato cancro ai polmoni.

Inoltre, ricorda la vecchia massima della tossicologia: "La dose fa il veleno ”. Ciò è particolarmente vero con la nutrizione poiché di solito ci sono tre sottoinsiemi di effetti biologici: carenza, dove l'aggiunta di più di una sostanza migliora la salute; adeguatezza, dove l'aggiunta di più non migliora la salute né ha un effetto deleterio; e tossicità, dove l'aggiunta di più risultati in danni alla salute. La tossicità può manifestarsi non solo causando un danno diretto, ma anche provocando squilibri nutrizionali / metabolici che poi si traducono in danni.

L'olio d'oliva non contiene solo idrossitirosolo, ma una miscela naturale di altri composti e gli esseri umani si sono evoluti consumando cibi come l'olio d'oliva. Non si sono evoluti consumando idrossitirosolo, quindi non sappiamo come il corpo possa reagire a dosi elevate di idrossitirosolo purificato. Inoltre, tieni presente che molti consumatori sono dell'idea che se "un po 'ti aiuta, molto può curarti da tutti i mali ”.

Cosa dovrebbe tenere presente l'industria alimentare e nutrizionale in relazione all'uso di indicazioni come quella antiossidante approvata dall'EFSA e ora dinanzi al Parlamento europeo?

All'EFSA sono state presentate numerose dichiarazioni relative all'olio d'oliva, ma solo una è stata autorizzata - "Protezione delle particelle di LDL dal danno ossidativo ”. Il panel ha basato la sua decisione "uno studio ben condotto e potente e due studi su scala ridotta che hanno mostrato effetti dose-dipendenti e significativi del consumo di polifenoli dell'olio d'oliva (per tre settimane) su marcatori appropriati di perossidazione LDL (oxLDL) ”. Prove di supporto incluse "uno studio a breve termine e uno acuto, (che hanno utilizzato) marcatori di perossidazione di LDL (dieni coniugati, resistenza ex vivo di LDL all'ossidazione) andando nella stessa direzione.

Va tenuto presente che solo una delle molte affermazioni è stata motivata e che si basava su prove molto limitate, alcune delle quali utilizzavano biomarcatori non comprovati. L'affermazione è positiva per l'industria dell'olio d'oliva, ma potrebbe cambiare rapidamente con uno studio negativo (non conosco il protocollo EFSA per la rivalutazione delle indicazioni sulla salute).

Quindi il mio consiglio sarebbe quello di utilizzare il reclamo (tuttavia avere un piano di backup se dovessero emergere dati negativi) ma iniziare rapidamente a lavorare per supportare meglio il reclamo. Non credo che l'innovazione debba essere la priorità al momento. Invece, dovrebbero essere studi clinici che continuano a concentrarsi sui polifenoli e sull'ossidazione delle LDL.

Una grande domanda è: qual è la variazione nel contenuto / composizione di polifenoli dell'olio di oliva? Quali sono gli effetti di varietà, stagione, posizione geografica, elaborazione, conservazione? Quali gruppi di consumatori beneficiano maggiormente dell'olio d'oliva (responder)? Ci sono gruppi per i quali l'olio d'oliva è cattivo?

In generale, la comunità del cibo e della nutrizione dovrebbe orientarsi verso un approccio basato sull'evidenza per i reclami; cioè le affermazioni sono motivate o respinte sulla base di criteri molto rigorosi, principalmente studi sull'uomo che utilizzano endpoint significativi dal punto di vista medico. C'è stato molto clamore per il rifiuto di così tante affermazioni da parte dell'EFSA, ma questo è il risultato, in parte, del fatto che l'industria alimentare non comprende il rigore di una revisione basata su prove.

Cosa suggerisce la ricerca sui benefici per il consumatore degli effetti antiossidanti dei prodotti correlati alle olive?

Il problema con la vendita ""potenziale antiossidante" è che il concetto è ancora basato su idee obsolete di eliminazione dei radicali liberi. Lo scavenging dei radicali liberi dipende dalla capacità del corpo di assorbire lo scavenger con relativa efficienza e trasportare lo scavenger nel sito di azione; si presume inoltre che il componente nel cibo sia il componente attivo (ovvero le trasformazioni metaboliche non sono comprese o non considerate). Non si sa molto su nessuno di questi processi per i singoli componenti polifenolici dell'olio d'oliva.

Ma una ricerca recente sta dimostrando che questa è una teoria semplicistica e la vera capacità di un componente alimentare di esercitare una funzione antiossidante può essere mediata attraverso percorsi complessi non correlati allo scavenging dei radicali liberi.

Pertanto, in relazione ai prodotti, l'indicazione sulla salute dell'EFSA può aiutare a vendere prodotti, ma uno studio o dati negativi che dimostrano che il lavaggio radicale da parte dei polifenoli dell'olio d'oliva non è fisiologicamente significativo può cambiare tutto ciò.

Inoltre, le aziende alimentari devono ricordare che qualsiasi beneficio per la salute correlato al cibo si tradurrà in sottoinsiemi di "responder "e "non rispondenti ". Rivolgersi a tutti i consumatori massimizza le vendite ma massimizza anche il rischio di avere benefici diluiti da chi non risponde. La ricerca mirata a un gruppo selezionato di soccorritori sarà più solida e porterà a una serie più forte di dati sull'efficacia.

La tua ricerca suggerisce che una piccola quantità di stress ossidativo può effettivamente aiutare a prevenire alcune malattie croniche. Quali sono le implicazioni di ciò per i consumatori e per coloro che operano nel settore alimentare?

Le implicazioni sono che concentrarsi su un singolo risultato come la diminuzione dello stress ossidativo consumando antiossidanti tradizionali potrebbe non essere positivo. In effetti, alcuni studi epidemiologici suggeriscono che le persone che consumano integratori antiossidanti vivono effettivamente minore vive di quelli che non lo fanno.

La sfida nutrizionale di oggi è l'obesità e le malattie croniche correlate. Cambiare l'obesità non richiede l'aggiunta o la sottrazione di alimenti per un individuo. Invece, richiede di guardare alla dieta generale nel contesto dello stile di vita, in particolare l'attività fisica. Dobbiamo smetterla di mangiare "giusti ”e mangiare invece una dieta varia e ricca di frutta e verdura, con un contenuto calorico legato alla nostra attività fisica. Nessun cibo è intrinsecamente 'cattivo "- solo male negli importi sbagliati. Allo stesso modo, molti alimenti, incluso l'olio d'oliva, possono essere "buono "negli importi giusti, ma aumenta notevolmente l'obesità negli importi sbagliati.

Quali informazioni antiossidanti sarebbero più utili da includere sulle etichette delle bottiglie?

Non sono d'accordo con il concetto di vendita di prodotti basati sull'individuo "componenti bioattivi ”; come nutrizionista, penso che l'enfasi sugli ingredienti dietetici, e non sulla dieta in generale, abbia, in parte, guidato l'obesità e il diabete. I consumatori devono considerare la loro dieta e il loro stile di vita nel loro insieme: i singoli alimenti e i componenti degli alimenti non sono importanti quanto l'intera dieta. L'olio d'oliva può certamente far parte di una sana alimentazione ma tenete presente che il consumo di sani polifenoli è legato al consumo di lipidi e calorie; quindi il consumo di olio d'oliva deve essere bilanciato all'interno della dieta. A seconda di fattori come l'età, il sesso, la taglia e il livello di attività, alcune persone potrebbero essere in grado di consumare quantità abbastanza grandi mentre altre dovrebbero consumarne pochissimo.

Cosa stai attualmente ricercando in relazione agli antiossidanti?

In qualità di leader del programma nazionale in nutrizione umana per il servizio di ricerca agricola, non svolgo la ricerca da solo, ma stabilisco le priorità del programma per altri scienziati. Il nostro programma ha molte ricerche sugli antiossidanti, inclusi i seguenti progetti specifici:


.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti