Il CIO approva nuovi limiti per gli acidi grassi, ripristinando lo status di "extra vergine" per le varietà dell'Italia meridionale

L'International Olive Oil Council ha approvato nuovi limiti per gli acidi grassi, consentendo ad alcune varietà con composizioni chimiche uniche di soddisfare i parametri per il grado extravergine.

Un uliveto in Calabria, Italia.
Giu. 22, 2016
Di Ylenia Granitto
Un uliveto in Calabria, Italia.

Notizie recenti

Il Consiglio internazionale dell'olio d'oliva (CIO), durante la sessione plenaria in Tunisia, ha approvato nuovi parametri per gli acidi grassi che consentono a varietà specifiche con trucchi chimici unici di soddisfare i parametri per il grado extravergine.

Con la nuova misura, i limiti dell'acido eptadecanoico (C17: 0) e dell'acido eptadecenoico (C17: 1) saranno rispettivamente aumentati a 0.40 percento e 0.60 percento, mentre per l'acido eicosenoico (C20: 0) il limite è fissato a 0.50 percento.

Ciò consente agli oli extravergine di oliva genuini come Carolea e Coratina, che in base ai vecchi limiti non potevano essere classificati come oli estratti dalle olive, di avere ora una posizione regolare.- Lanfranco Conte, Università di Udine

"Questa nuova decisione, frutto di un lavoro svolto grazie alla sinergia tra governo e industria nazionale, esalta ulteriormente l'autenticità degli oli d'oliva italiani e la ricchezza varietale che contribuisce alla loro alta qualità ", ha affermato il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali in un comunicato stampa.

La richiesta di revisione dei limiti è stata al centro delle trattative degli ultimi mesi tra Italia, Commissione Ue e Paesi membri del CIO. Uno dei protagonisti della rivalutazione è stato Lanfranco Conte, massimo esperto di chimica dell'olio d'oliva, professore di chimica degli alimenti all'Università di Udine e membro del gruppo di esperti di chimica del CIO.

Olive Oil Times ha incontrato il professor Conte per parlare della modifica che ha elaborato con Maurizio Servili, professore di tecnologia alimentare all'Università di Perugia, e Angelo Faberi, dell'Ispettorato Centrale per la tutela della qualità e prevenzione delle frodi dei prodotti alimentari (ICQRF), che ripristinato lo status di oli extravergine di oliva prodotti da due varietà in particolare: Carolea dalla Calabria e Coratina dalla Puglia.

"Con l'adozione di un metodo globale nel quadro del COI e dell'UE, è diventato necessario utilizzare due cifre decimali per il calcolo degli acidi grassi ”, ha spiegato Conte. "Il secondo decimale aggiunto è stato, leggermente incautamente, lo zero, il che significa che la percentuale 0.3 ha permesso agli oli di oliva che hanno raggiunto 0.34 di essere regolari, mentre affidandosi a 0.30 gli oli di oliva che arrivano a 0.31 erano non conformi. "

Conte ha aggiunto che, negli anni precedenti, in particolare le cultivar calabresi avevano valori di acido eptadecanoico e acido eptadecenoico leggermente al di sopra del limite legale, evidenziando la necessità di rivedere gli standard.

Supponendo che C17 non sia presente in grandi quantità nell'olio extra vergine di oliva e sia praticamente assente in qualsiasi altro olio vegetale, ciò significa che l'aumento di C17 non comporterebbe alcuna frode e il gruppo di esperti potrebbe chiedere l'aumento al punto di riferimento. Nel frattempo, C20 era leggermente superiore al limite precedente negli oli di Coratina e, dato che il suo aumento non aveva avuto conseguenze, hanno esortato il CIO ad aumentare il limite legale.

La necessità della revisione è stata espressa lo scorso autunno durante il convegno dell'Accademia Nazionale dell'Olio e dell'Olivo di Spoleto e, a dicembre, Conte, Servili e Faberi hanno preparato un'ipotesi per il modifica dei limiti che è stata inviata alle istituzioni competenti, vale a dire il Ministero dell'Agricoltura, il CIO e la Commissione UE.

Nel corso della riunione dei chimici del CIO tenutasi ad aprile, la modifica è stata accettata dai paesi membri e verranno introdotti nuovi limiti per l'UE in generale.

All'interno del CIO è stato formato un gruppo specializzato per lavorare con oli di oliva le cui composizioni non soddisfano perfettamente gli standard e che di solito provengono da aree delimitate.

Ad esempio, il delta-7-stigmastenolo, che può anche rivelare la presenza di olio di girasole e di cartamo, riguarda la produzione dall'area delle isole dell'Egeo orientale, la Palestina e la Siria, mentre un eccesso di campesterolo, che cresce se si aggiungono altri oli vegetali , riguarda principalmente gli oli dell'emisfero australe provenienti dall'Argentina e dall'Australia.

"Nel caso degli acidi grassi di cui parliamo, non c'è possibilità che l'ampliamento dei limiti faciliterebbe le frodi, e questa variazione permette agli oli extravergine di oliva genuini come Carolea e Coratina, che paradossalmente in base ai vecchi limiti non potevano essere classificati. come oli estratti dalle olive, per avere ora una posizione regolare ”, ha concluso Conte.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti