Affari

Estensione di blocco aggiunge battute d'arresto per i produttori italiani

L'estensione, in un'area che è stata per lo più risparmiata dallo scoppio del virus che si è scatenato nel nord Italia, ha spinto le istituzioni locali a chiedere al governo centrale di lasciare che la propria regione avvii la propria rotta di ripresa economica.

Può. 5, 2020
Di Paolo DeAndreis

I produttori di olio extra vergine di oliva in Italia sono delusi dalla notizia dell'estensione del blocco del settore della ristorazione.

Sappiamo tutti che non esiste una bacchetta magica per ripristinare questo business, ma molti ristoranti sono pronti ad aprire con una nuova politica sanitaria.- Renzo Carnevaleof, trasportatore di prodotti agricoli

Gli agricoltori umbri che producono alcuni dei più apprezzati oli d'oliva dell'Italia centrale hanno visto scomparire i loro mercati quando ristoranti e alberghi sono stati chiusi il 6 marzo. Non c'è alcun sollievo in vista, poiché il governo italiano ha ora esteso il blocco del settore della ristorazione per almeno un altro mese.

L'estensione in un'area che è stata per lo più risparmiata dallo scoppio del virus che si è scatenato nel nord Italia, ha spinto le istituzioni locali a chiedere al governo centrale di lasciare che la propria regione avvii la propria rotta di ripresa economica dagli effetti della pandemia.

I coltivatori dell'olio d'oliva DOP di alta qualità (denominazione di origine protetta) avevano avvertito di ciò che sarebbe accaduto per settimane. Sostengono che le strategie di recupero del governo centrale non saranno sufficienti per salvare l'industria, che coltiva quasi 7.5 milioni di ulivi. Ci sono 250 frantoi lì, che comprendono una parte significativa dell'agricoltura dell'Umbria. È l'unico olio d'oliva italiano DOP esteso a un'intera regione.

Guarda anche: I trasportatori avvertono degli effetti delle misure COVID-19 sull'approvvigionamento alimentare

"Non appena ristoranti, case coloniche, pizzerie e hotel sono stati chiusi, i produttori locali sono stati colpiti. L'arresto del canale di marketing di servizi alimentari colpisce soprattutto i piccoli coltivatori locali, le cui produzioni sono principalmente rivolte a quei clienti ", ha affermato Albano Agabiti, capo della delegazione umbra dell'associazione degli agricoltori Coldiretti.

pubblicità

Mentre i grandi agricoltori possono fare affidamento sui canali di distribuzione nazionali e persino alimentare le operazioni di esportazione di olio d'oliva, la maggior parte delle piccole e medie imprese dell'Umbria si è sempre affidata a clienti locali e di fiducia.

"Il problema che sento di più è che il governo continua a ritardare la data in cui i ristoranti saranno in grado di riaprire ”, ha detto il trasportatore regionale di prodotti agricoli Renzo Carnevaleof Olive Oil Times. "Sappiamo tutti che non esiste una bacchetta magica per ripristinare questo business, ma molti ristoranti sono pronti ad aprire con una nuova politica sanitaria. Molti hanno già ristrutturato e aspettano solo il via libera. "

Donatella Tesei, presidente della regione Umbria, ha chiamato la decisione del governo "discutibile ", osservando che molte società e associazioni commerciali si stavano preparando a riaprire il 4 maggio come precedentemente promesso.

"[Il governo] ha deciso che le regioni non possono stabilire la propria strada, nemmeno per allentare le misure di blocco, nemmeno di fronte alla situazione specifica dell'epidemia nei loro territori ", ha detto.

Tesei ha detto che l'Umbria e le altre regioni chiederanno al governo italiano di: a "piano di ripresa in bianco e nero ben definito ", oltre a presentare le proprie idee per un calendario di ripresa economica.



Related News