Produzione

Marche ospita 12th Exhibition of Italian Monovarietals

Giu. 12, 2015
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

il 12th Esposizione Nazionale Italiana di Monovarietale Extra Virgin Gli oli d'oliva si terranno a giugno 20 e 21 a San Benedetto del Tronto, nelle Marche. È organizzato da ASSAM (Agenzia dei servizi del settore agroalimentare marchigiano) e dalla Regione Marche ed è uno dei tanti eventi in linea con l'Expo di Milano di quest'anno.

L'obiettivo della mostra è quello di migliorare il valore della biodiversità olivicola italiana e aiutare a caratterizzare gli EVOO monovarietali ottenuti dalla vasta selezione di cultivar autoctone italiane.

Gli oli di oliva monovarietali sono quelli ottenuti con una varietà di olive o cultivar. Varie caratteristiche chimiche e organolettiche legate al patrimonio genetico corrispondono alle condizioni del suolo e del clima delle aree che le diverse cultivar popolano da secoli.

Barbara Alfei è presidente del comitato scientifico per l'evento e panel leader del gruppo di esperti che ha selezionato campioni provenienti da diverse regioni d'Italia. "Gli EVOO monovarietali consentono di evidenziare le proprietà tipiche del genotipo", ha affermato Alfei.
Guarda anche: I migliori oli di oliva monovarietali per il 2015
"Il patrimonio olivicolo italiano è estremamente vario", ha aggiunto Alfei. Offre l'opportunità di immettere sul mercato prodotti caratterizzati da diverse identità genetiche e territoriali, arricchite con storia, cultura e tradizioni. Questo può essere percepito e apprezzato sia dai consumatori che dall'industria della ristorazione, per un uso più consapevole nella vita di tutti i giorni e una ricerca più attenta dei migliori abbinamenti gastronomici. ”

Ogni cultivar, dal nord al sud dell'Italia, ha le sue caratteristiche uniche - aroma, sapore, acidi grassi e composizione fenolica - e una volta compreso il suo potenziale, puoi apprezzare una singola varietà, confidando nelle sue peculiarità o preferire una miscela di varietà diverse. “La ricerca sull'identità del prodotto è un obiettivo che i produttori stanno perseguendo per differenziarsi in un mercato estremamente in evoluzione e competitivo. Devono soddisfare le esigenze di uno scenario dinamico e in continua evoluzione ", ha concluso Alfei.

pubblicità

Dodici edizioni della mostra hanno finora contribuito al database degli oli d'oliva monovarietali italiani (disponibili on-line per ora solo in italiano), che attualmente comprende oltre 2,400 oli di oliva monovarietali e offre una descrizione dei principali acidi grassi, polifenoli e profilo organolettico per ogni olio.

Barbara Alfei

Il pannello 2015 ha analizzato campioni di olio 186 di diverse varietà 62 provenienti dalle regioni italiane 15 e dalla Grecia, ospite della varietà Koroneiki. Nonostante questa edizione abbia ricevuto 40 percento in meno di oli rispetto allo scorso anno, il panel ha permesso una percentuale più alta.

A parte l'ultimo raccolto particolare che ha influito sulla qualità di molti oli di oliva, le edizioni passate hanno visto un graduale aumento di contenuto polifenolico per molte varietà, grazie al crescente impegno dei produttori nel raggiungere una qualità superiore. In altre parole, nel corso degli anni, gli EVOO single-varietali sottoposti all'esposizione hanno raggiunto intensità sempre maggiori di amarezza e pungenza, oltre a migliori caratteristiche nutrizionali.

pubblicità

L'incontro offrirà una preziosa opportunità per molti assaggiatori di approfondire la loro comprensione delle caratteristiche sensoriali degli EVOO monovarietali e per i produttori di mostrare prodotti che, nonostante un anno difficile, hanno raggiunto elevati standard di qualità.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito dell'evento.

pubblicità