`Le olive raggiungono nuove vette in Valtellina - Olive Oil Times

Le olive raggiungono nuove vette in Valtellina

Gennaio 19, 2015
Alfonso De Lucia

Notizie recenti

Il riscaldamento globale dell'atmosfera è causato dai gas serra che catturano il calore del sole, impedendogli di disperdersi nello spazio circostante il nostro pianeta. Il risultato è che la temperatura media sta aumentando nella maggior parte del mondo.

Una delle conseguenze dell'aumento delle temperature è che ora è possibile coltivare l'olivo, pianta che predilige un clima caldo e secco, in zone dove prima era impensabile, come la Valtellina, area alpina del Nord Lombardia (Italia) .

GUARDA ANCHE: Agricoltura ai margini della zona di comfort di un ulivo

Negli ultimi 10 anni, secondo Coldiretti (Confederazione Italiana Agricoltori), la coltivazione dell'olivo in Valtellina è passata da 0 a 10,000 piante, su una superficie di 30,000 mq di terreno.

Carlo Baruffi, agricoltore di 71 anni, ha dichiarato: "Quando ho iniziato circa 10 anni fa, la gente mi chiamava pazzo, ora mi chiedono assistenza. "

Baruffi possiede un uliveto con 360 piante a 564 metri sopra il livello del mare appena sopra la 46th parallelo. Per ora il signor Baruffi regala l'olio che produce ai suoi amici. Ma in futuro l'olio d'oliva potrebbe diventare un prodotto tipico della Valtellina.

"L'agricoltura è sempre stata innovata cercando di ottenere il meglio dai cambiamenti economici e climatici ", ha affermato Ettore Prandini, presidente di Coldiretti-Lombardia.

La Valtellina è una valle della regione Lombardia del nord Italia, al confine con la Svizzera.

Ivano Fojanini, un esperto che lavora per la Fondazione tecnica della Valtellina, ha detto che c'era da lavorare per determinare le migliori cultivar per l'ambiente alpino unico. "Stiamo cercando di identificare quali sono le varietà più adatte alla nostra zona sperimentando piante provenienti dalle regioni istriane e marchigiane. Il riscaldamento globale, ma anche il microclima specifico della nostra zona, ci facilita nella coltivazione, con una produzione di rese regolari di alta qualità ".

Secondo Coldiretti, il 2014 in Italia si è classificato come l'anno più caldo dall'inizio delle misurazioni nel 1880, con una temperatura di 1.45 gradi superiore alla media.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti