Europa

Lo studio sul controllo della mosca della frutta vince il premio per la ricerca

Febbraio 1, 2016
Di Erin Ridley

Notizie recenti

Produttore spagnolo di olio d'oliva Castello Canena ha assegnato il suo terzo premio internazionale per la ricerca Luis Vañó a uno studio incentrato su un metodo efficiente, economicamente sostenibile ed ecologico per il controllo della mosca della frutta dell'olivo. Lo studio vincitore è stato condotto dal gruppo di ricerca AGR 163 dell'Università di Córdoba e dall'International Campus of Food and Agriculture (ceiA3).

La Facoltà dell'Università della California a Davis e l'Università di Jaén sono state invitate da Castillo de Canena a partecipare alla valutazione dei lavori presentati per il concorso. Quattro membri di ciascuna università formavano le due giurie che valutavano i lavori in modo indipendente.

Il documento vincente ha convalidato un nuovo metodo promettente per la gestione del più grande problema per gli olivicoltori di tutto il mondo.- Dan Flynn, UC Davis Olive Center

Dan Flynn, direttore esecutivo del UC Davis Olive Center, Ha detto Olive Oil Times che lui e Juan Gómez, il rettore dell'Università di Jaén, erano "contenti che le due giurie segnassero i documenti in modo molto simile".

Lo studio vincente, durato quattro anni, ha esplorato l'uso di un fungo chiamato Metarhizium brunneum- un nemico naturale della mosca della frutta dell'olivo - come alternativa organica alla distruzione degli insetti indesiderati chiamati Bactrocera oleae.

Utilizzata nelle aziende agricole con metodi di coltivazione convenzionali, la soluzione dello studio è riuscita a ridurre la densità della popolazione di mosca del 50 percento: una scoperta importante dato che il danno causato da mosche della frutta dell'olivo può comportare una perdita fino al 40 nella produzione.

pubblicità

Ricercatore dell'Università di Córdoba Enrique Quesada Moraga

Spiegò Flynn del potenziale impatto della ricerca, "Il documento vincente ha convalidato un nuovo metodo promettente per gestire il più grande problema che gli olivicoltori devono affrontare in tutto il mondo."

I coltivatori europei hanno subito pressioni per cercare alternative per affrontare il problema dopo una direttiva 2014 sull'uso di insetticidi sostenibili. Nel frattempo, anche i produttori californiani sono desiderosi di altre opzioni.

"Gli olivicoltori della California sono fortemente interessati a trovare nuovi strumenti che siano efficaci, sostenibili e convenienti nella gestione della mosca dell'olivo", ha affermato Flynn. "Mi aspetto che molti coltivatori saranno disposti a utilizzare il metodo di trattamento del suolo offerto dalla carta vincente".

pubblicità

I ricercatori dello studio riceveranno il loro premio, insieme a € 6,000, al Castillo de Canena questo aprile, quando anche i risultati del documento saranno presentati in una pubblicazione bilingue.