La produzione sostenibile di olio d'oliva aiuta a mitigare i cambiamenti climatici

Il Consiglio oleicolo internazionale ha partecipato alla conferenza delle parti della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP22) per presentare ricerche sulla produzione sostenibile di olio d'oliva.

Novembre 18, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

Studi scientifici hanno documentato il effetti positivi dell'olivicoltura sull'ambiente. Oltre al ruolo svolto dall'olivo nella salvaguardia della biodiversità, nel miglioramento del suolo e come barriera alla desertificazione, è dimostrato che specifiche pratiche agricole hanno la capacità di aumentare la CO2 atmosferica fissata nelle strutture vegetative permanenti (biomasse) e nelle suolo.

Su questa base, il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) era presente alla conferenza annuale sul clima COP22, (Conferenza delle Parti COP della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici UNFCCC), che si è tenuta quest'anno a Marrakech, in Marocco, a novembre 7 - 18 2016.

COP22 ha un'importanza speciale dopo l'accordo di Parigi, che proprio entrato in vigore e ha sancito il primo accordo globale universale e legalmente vincolante per affrontare i cambiamenti climatici, con l'obiettivo principale di mantenere "un aumento della temperatura globale in questo secolo ben al di sotto dei 2 ° C. "

Alla conferenza, 197 Parti (196 Stati e Unione Europea) si sono incontrate per trasformare le loro promesse in azioni e hanno concluso con a "chiedere il massimo impegno politico per combattere il cambiamento climatico, come questione di urgente priorità ".

A Marrakech, durante una sessione dal titolo "L'olio d'oliva, l'oro liquido che aiuta a ridurre le emissioni di gas serra ", il capo del dipartimento di ricerca e sviluppo ambientale del CIO, Francesco Serafini, ha tenuto un discorso sul ruolo degli ulivi e dell'olio d'oliva come alternativa sostenibile per mitigare il cambiamento climatico. Uno dei vicedirettori del CIO ha partecipato insieme agli esperti di olio d'oliva e CO2 per presentare i risultati che indicano che la produzione di olio d'oliva, utilizzando le giuste tecniche agricole, può contribuire in modo significativo alla riduzione delle emissioni di gas serra.

"La foresta di olivi esiste da migliaia di anni. I loro frutti e l'olio che produce fanno bene alla salute, ma gli ulivi fanno anche bene all'ambiente ”, ha detto Serafini Olive Oil Times. "Sono una barriera alla desertificazione e all'erosione. Gli oliveti sono un pozzo di CO2, rimuovono la CO2 dall'atmosfera e la fissano nel suolo ", ha aggiunto, e ha spiegato che "nella produzione di 1 litro di olio d'oliva, gli ulivi rimuovono 10 kg di CO2 dall'atmosfera. "

"Infatti, secondo la ricerca pubblicata fino ad oggi, durante il ciclo di vita del prodotto, nell'atmosfera viene emessa una media di 1.5 kg di CO2e per produrre un litro di olio vergine o extra vergine di oliva ", ha affermato Serafini.

Francesco Serafini

"Tuttavia, se vengono applicate le corrette pratiche agricole, in un oliveto semi-intensivo maturo con rese medie delle colture, un olivo può fissare 10 t CO2e / ha / anno, risultando in un chiaro bilancio positivo. " Si può quindi dimostrare che, quando vengono applicate pratiche agricole adeguate, l'effetto di assorbimento del carbonio degli ulivi è molto maggiore della quantità di CO2 emessa per produrre un'unità di prodotto.

In relazione al cambiamento climatico, un pozzo è qualsiasi processo, attività o meccanismo che estrae i gas serra dall'atmosfera. Questi gas includono la CO2, la cui concentrazione è aumentata in modo esponenziale negli ultimi anni ed è la principale causa del riscaldamento globale.

Durante la conferenza del CIO, è stato osservato che gli ulivi possono essere coltivati ​​in condizioni climatiche estreme, dove sopravvivono poche altre colture legnose. Il settanta percento degli oliveti del mondo è alimentato a pioggia, senza acqua di irrigazione e utilizzando solo acqua piovana. In alcune regioni del Mediterraneo, gli ulivi vengono coltivati ​​con appena 200 mm di pioggia e costituiscono una fonte essenziale di sostentamento per molti settori della popolazione.

La partecipazione del CIO alla COP 22 è stata un'opportunità decisiva per mostrare al mondo come la produzione di olio d'oliva, vergine o extravergine, secondo specifiche pratiche agricole, aiuta a mitigare l'effetto delle emissioni di gas serra. "È importante sottolineare che stiamo parlando non solo del logico beneficio ambientale dell'olivo, ma in particolare del vantaggio ambientale derivante dalla produzione di olio extravergine di oliva vergine ”, ha sottolineato Serafini. "Gli ulivi fanno parte della soluzione ai cambiamenti climatici ".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti